MotoGP elettrica a partire già dal 2019

MotoGP elettrica a partire già dal 2019

I diritti per l'organizzazione della eMotoGP sono già stati acquisti per un biennio e si tratterà di gare basate, per il momento, su un unico prototipo, quindi sostanzialmente un campionato monomarca: la gestione delle nuove moto verrà affidata a 7 squadre satellite della MotoGP già presenti nel campionato tradizionale, più quattro team della Moto2

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 11:21 nel canale Tecnologia
 

Oggi giorno molti settori devono fare i conti con l'avanzare della tecnologia e dell'innovazioni, anche realtà storiche dove le basi si fondano sulla fine meccanica, iniziano ad essere interessate dall'affacciarsi di nuovi progetti: come già successo negli scorsi anni per la Formula 1, che ha accolto in un campionato tutto suo la neo nata Formula E basata su vetture 100% elettriche, adesso anche la MotoGP verrà a breve interessata dall'arrivo di moto elettriche, in maniera decisamente più marcata e invasiva. 

Stando ad un'intervista rilasciata al CEO della Dorna Carmelo Ezpeleta, un primo assaggio della eMotoGP, cioè moto a batteria sviluppate sulla base di prototipi, avverrà, molto probabilmente, già con l'inizio del campionato 2019: “Personalmente, sono un fan delle motociclette tradizionali. Ma la gente vuole vedere le moto da corsa elettriche, è il futuro e bisogna concentrarsi anche su questo. Se tutto va bene cominceremo nel 2019”.

I diritti per l'organizzazione della eMotoGP sono già stati acquisti per un biennio e si tratterà di gare basate, per il momento, su un unico prototipo, quindi sostanzialmente un campionato monomarca, ma si suppone con ampio margine di sviluppo da parte dei team, in modo tale che la competizione nata in pista possa accelerare lo sviluppo di queste nuove due ruote evolute. La scelta del costruttore al quale affidare l'incarico per la fornitura dei prototipi, ricade anche su dei produttori italiani, come ad esempio l'Energica Motor Company, e un produttore statunitense, molto probabilmente la Lighting Motorcycles, già testate in pista rispettivamente a Misano e Laguna Seca.

Come già sopra indicato, l'arrivo di questo nuovo campionato elettrico, sarà più aggressivo rispetto a quanto organizzato per la Formula E, infatti, la gestione delle nuovo moto a batteria, verrà affidata a 7 squadre satellite della MotoGP già presenti nel campionato tradizionale, quindi Aspar, Avintia, Gresini, LCR, Marc VDS, Pramac e Tech3, più quattro team della Moto2 ancora da definire in base ai futuri risultati nella propria categoria. Le gare si svolgeranno esclusivamente in Europa, sugli stessi circuiti e durante gli stessi eventi del Campionato del Mondo: le gare della eMotoGP si disputeranno su un numero contenuto di giri, vista l'attuale ridotta capacità delle batteria, e si svolgeranno la domenica mattina, al termine del warm-up della MotoGP e prima della gara della Moto3.

Da definire meglio l'impegno o meno dei piloti già presenti nelle altre categorie, e per quanto riguarda il numero di GP, al massimo se ne disputeranno 12; nota di particolare rilievo che riassume bene la direzione intrapresa da Dorna, le batterie utilizzate sui prototipi elettrici verranno ricaricate esclusivamente con energia pulita, prodotta in loco dagli stessi circuiti o da impianti limitrofi, al fine si spingere una nuova era di moto da gran premio ma soprattutto un approccio green alle corse.

117 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vash8807 Settembre 2017, 11:31 #1
Inevitabile forse, ma che tristezza.
blobb07 Settembre 2017, 11:46 #2
c'è il grande, ma molto grande problema dell'autonomia
l'autonomia di una tesla s a 180 kmh in autostrada, si riduce dai 600 km dichiarati ad appena 120 km
una moto che fa 100 km di autonomia a 100 kmh durante una gara quanti ne fa?? 20-30???
LordGine07 Settembre 2017, 11:53 #3
Originariamente inviato da: blobb
c'è il grande, ma molto grande problema dell'autonomia
l'autonomia di una tesla s a 180 kmh in autostrada, si riduce dai 600 km dichiarati ad appena 120 km
una moto che fa 100 km di autonomia a 100 kmh durante una gara quanti ne fa?? 20-30???


Non ci vedo alcun problema, già adesso in motoGP fanno un cambio moto a gara a differenza delle macchine dove il pilota rimane dentro e si agisce sul mezzo.
Il grosso cambiamento è stato nella formula E dato che il pilota deve uscire dall'abitacolo mentre in moto non cambia niente, magari faranno meno giri totali o più pitstop=cambi.
Bivvoz07 Settembre 2017, 11:58 #4
Interessantissimo.
Spero che in futuro quando ci saranno moto prodotte dalle varie squadre non saranno imposti limiti sulla fonte energetica.
emiliano8407 Settembre 2017, 12:00 #5
Originariamente inviato da: LordGine
Non ci vedo alcun problema, già adesso in motoGP fanno un cambio moto a gara a differenza delle macchine dove il pilota rimane dentro e si agisce sul mezzo.
Il grosso cambiamento è stato nella formula E dato che il pilota deve uscire dall'abitacolo mentre in moto non cambia niente, magari faranno meno giri totali o più pitstop=cambi.


non proprio, il cambio e' capitato (spesso) perche' le conidizoni bagnato/asciutto sono cambiate
+Benito+07 Settembre 2017, 12:03 #6
C'è un problema di fondo sia alla F.E. che a questa eMotogp: i veicoli con motore termico e con motore elettrico sono due cose diverse, non sono la versione moderna di una cosa vecchia. "La gente vuole vedere le moto elettriche" ma quando mai. Si tratta unicamente di pilotare l'opinione pubblica. Fintanto che auto sportive e moto potranno bruciare benzina lo faranno e con numeri ordini di grandezza oltre l'elettrico.
Mischiare lo sport del motore con il progresso ecocompatibile è una cazzata, se ne stanno accorgendo in F1 con il mancato ritorno di immagine dell'ibrido nel motorsport, ed infatti torneranno indietro.
Ci manca solo che "la gente" desideri veramente sostituire i motori a scoppio con quelli elettrici...
blobb07 Settembre 2017, 12:05 #7
Originariamente inviato da: LordGine
Non ci vedo alcun problema, già adesso in motoGP fanno un cambio moto a gara a differenza delle macchine dove il pilota rimane dentro e si agisce sul mezzo.
Il grosso cambiamento è stato nella formula E dato che il pilota deve uscire dall'abitacolo mentre in moto non cambia niente, magari faranno meno giri totali o più pitstop=cambi.


bha puo essere una soluzione, anche se i pitstop falsano la gara
comunque l'elettrico è ancora una tecnologia immatura
Bivvoz07 Settembre 2017, 12:06 #8
Originariamente inviato da: LordGine
Non ci vedo alcun problema, già adesso in motoGP fanno un cambio moto a gara a differenza delle macchine dove il pilota rimane dentro e si agisce sul mezzo.
Il grosso cambiamento è stato nella formula E dato che il pilota deve uscire dall'abitacolo mentre in moto non cambia niente, magari faranno meno giri totali o più pitstop=cambi.


Dalla stagione 2018/19 anche in formula E non ci sarà più il cambio auto.
La tecnologia avanza e le batterie anche
Bivvoz07 Settembre 2017, 12:09 #9
Originariamente inviato da: +Benito+
C'è un problema di fondo sia alla F.E. che a questa eMotogp: i veicoli con motore termico e con motore elettrico sono due cose diverse, non sono la versione moderna di una cosa vecchia. "La gente vuole vedere le moto elettriche" ma quando mai. Si tratta unicamente di pilotare l'opinione pubblica. Fintanto che auto sportive e moto potranno bruciare benzina lo faranno e con numeri ordini di grandezza oltre l'elettrico.
Mischiare lo sport del motore con il progresso ecocompatibile è una cazzata, se ne stanno accorgendo in F1 con il mancato ritorno di immagine dell'ibrido nel motorsport, ed infatti torneranno indietro.
Ci manca solo che "la gente" desideri veramente sostituire i motori a scoppio con quelli elettrici...


Forse non è vero che la gente vuole vedere le moto elettriche, ma cambierà idea molto presto.
Dopo tutto lo sport tende sempre al meglio no?
E tra termico ed elettrico non c'è dubbio su quale sia il meglio, l'elettrico è decisamente superiore.
L'unico neo sono le batterie e in gare simili non è manco più l'autonomia il problema ma il peso, sarà questa la sfida tecnica che i costruttori dovranno affrontare batterie sempre più capienti e leggere o perchè no altre fonti di energia.
andry1807 Settembre 2017, 12:10 #10
Senza cambi di moto se non per la consueta situazione gomma direi che è una cosa positiva. Peccato per l'audio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^