Piaggio, la Vespa si fa elettrica: maggiori prestazioni ed un'autonomia fino a 200 km

Piaggio, la Vespa si fa elettrica: maggiori prestazioni ed un'autonomia fino a 200 km

Le prestazioni saranno superiori a quelle di un tradizionale "cinquantino" in virtù di una maggiore coppia ed accelerazione messa a disposizione dal motore elettrico in grado di erogare una potenza continuativa di 2 kW con picchi fino a 4 kW

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
 

Direttamente dall'Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo 2017 (EICMA), con porte aperte al pubblico dal 9 al 12 novembre, il Gruppo Piaggio ha presenta una nuova versione della sua iconica Vespa, mezzo che negli anni '50 ha cambiato il modo si spostarsi degli italiano, oggi cerca di riproporsi con lo stesso scopo diventando completamente elettrica, silenziosa e green.

Già presentata come prototipo nel corso dell'esposizione 2016, ora è stata presentata in versione definita ed è pronta per fare la sua comparsa sulle strade italiane ma non solo, nel corso del 2018: prodotta interamente nello stabilimento di Pontedera, più precisamente la si potrà prenotare online, da una piattaforma dedica, a partire dalla prossima primavera.

Ma veniamo alle caratteristiche tecniche, l'autonomia si attesta intorno ai 100 km, adeguati per uno scooter dedicato agli spostamenti cittadini o a corto raggio, le prestazioni superiori a quelle di un tradizionale "cinquantino" in virtù di una maggiore coppia ed accelerazione messa a disposizione dal motore elettrico in grado di erogare una potenza continuativa di 2 kW con picchi fino a 4 kW: cari appassionati del marchio quindi niente più gruppi termici modificati o marmitte fatte a regola d'arte, ma batteria al litio ed avvolgimenti di rame nel motore.

Disponibile anche una versione con autonomia estesa a circa 200 km, denominata versione X, che prevede l'adozione di un compatto generatore a benzina in grado di ricaricare le batterie anche in movimento; i tempi per una ricarica completa si attestano intorno alle 4 ore, sicuramente non poche, ma il "pieno" può essere fatto semplicemente estraendo il cavo dal vano sottosella e collegando la relativa spina a qualsiasi presa elettrica da 16 A, cioè le classiche prese civili di casa.

Non solo elettrica ma anche smart, infatti grazie al sistema Vespa Multimedia Platform il nostro scooter sarà facilmente abbinabile ad uno smartphone per gestire numerose funzioni e controllarne dati e statistiche, come alternativa al cruscotto digitale dotata di display TFT a colori. Non ci resta che aspettare di vedere a quale prezzo sarà proposta questa nuova due ruote elettrica, elemento che, come per la maggior parte dei prodotti consumer, ne definirà o meno il vero successo

81 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Spyto09 Novembre 2017, 08:49 #1

Speriamo nel prezzo.

Vorrei scommettere che la versione da 100km costerà sui 8999€ 😂
Mparlav09 Novembre 2017, 08:58 #2
Non hanno annunciato il prezzo, ma per la versione "base" da 100Km non dovrebbero andare sopra i 4000 euro, visto che in commercio ci sono già modelli elettrici intorno ai 3-4000 euro.

Per fare un esempio:
http://www.motoblog.it/post/307113/...bel-air-lithium
mattia.l09 Novembre 2017, 09:04 #3
mah, non mi convince.
Come nelle auto l'unico modo di avere qualità+tecnologia è prendere Volkswagen\Audi, negli scooter ci sono Kymco e Yamaha
Ventresca09 Novembre 2017, 09:12 #4
Devono mettere le batterie estraibili così da potersele portare a casa la notte o durante il giorno a lavoro per ricaricarle. Lo ha fatto Honda sul pcx elettrico, lo deve fare pure piaggio, altrimenti per chi abita in grandi città sarà sempre un problema ricaricare a meno che non si viva al piano terra che si affaccia sulla strada.
/Norway\09 Novembre 2017, 09:25 #5
Originariamente inviato da: mattia.l
mah, non mi convince.
Come nelle auto l'unico modo di avere qualità+tecnologia è prendere Volkswagen\Audi, negli scooter ci sono Kymco e Yamaha


A me invece Piaggio ha sempre convinto.
Nel corso del tempo, è riuscita ad innovarsi e ad offrire al pubblico un prodotto sempre aggiornato. Io darei fiducia al Made in Italy e a chi lavora nel nostro paese.
+Benito+09 Novembre 2017, 09:28 #6
Originariamente inviato da: Ventresca
Devono mettere le batterie estraibili così da potersele portare a casa la notte o durante il giorno a lavoro per ricaricarle. Lo ha fatto Honda sul pcx elettrico, lo deve fare pure piaggio, altrimenti per chi abita in grandi città sarà sempre un problema ricaricare a meno che non si viva al piano terra che si affaccia sulla strada.


probabilmente avrà 10 kg di batterie, non proprio comodissime da portare in giro. Sono curioso pittosto di che soluzione hanno usato per il generatore a bordo
emanuele8309 Novembre 2017, 09:30 #7
Ahahah buffoni! una bici elettrica costa 1000 euro ormai (prezzo cmq fuori dal mondo) e con gli hack cinesi la spingi con la pedalata assistita a 45 kmh.

il mercato delle due ruote o si fa serio o alzare i prezzi a livelli spaziali lo ucciderà molto presto
jepessen09 Novembre 2017, 09:31 #8
A me piace, per tragitti brevi tipo casa lavoro (ok, dipende da dove lavori, parlo a titolo personale) va piu' che bene.

Secondo me pero' bisogna ricordarsi di modificare il contratto della fornitura elettrica e farne uno con piu' potenza, altrimenti mentre lo ricarichi se accendi il forno per cucinare magari salta la corrente...
pipperon09 Novembre 2017, 09:32 #9
Originariamente inviato da: mattia.l
mah, non mi convince.
Come nelle auto l'unico modo di avere qualità+tecnologia è prendere Volkswagen\Audi, negli scooter ci sono Kymco e Yamaha


Hai appena definito di non capire un tubo.
Kymco lascia MOLTO a desiderare, con durate medie che neppure un vecchio ciao aveva. Si sbriciolano

su VW, soprattutto sulle motorizzazioni che tiene 40 anni e per "aggiornarle" sbatte su un turbo ci sarebbe da discutere. Diciamo 1781 per ridere un po.
Per non parlare della truffa diesel. Uno ti truffa e tu lo incensi. Marketing favoloso devono avere quelli che spacciano la DKW per "lusso"
mattia.l09 Novembre 2017, 09:33 #10
Originariamente inviato da: /Norway\
A me invece Piaggio ha sempre convinto.
Nel corso del tempo, è riuscita ad innovarsi e ad offrire al pubblico un prodotto sempre aggiornato. Io darei fiducia al Made in Italy e a chi lavora nel nostro paese.


Dare i miei soldi ad "industriali" italiani (magari con residenza a Montecarlo) che fanno produrre il 90% all'estero e ci appiccicano il bollino made in italy? Con minore qualità rispetto ai prodotti esteri oltretutto.
No grazie

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^