Ricarica dei veicoli velocissima con Tesla SuperCharger 3. Musk: 'Tecnologie attuali sono per giocattolini'

Ricarica dei veicoli velocissima con Tesla SuperCharger 3. Musk: 'Tecnologie attuali sono per giocattolini'

Se credessimo alle iperboli di Musk il 2017 potrebbe essere un anno molto interessante per i veicoli a propulsione elettrica, con processi di carica per le batterie molto più veloci

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:41 nel canale Tecnologia
Tesla
 

Tesla non ha inventato la propulsione elettrica, ma in epoca moderna è certamente la compagnia che ci ha creduto e che ci crede di più. Una delle mosse più interessanti del produttore americano è stata creare una rete di ricarica rapida e gratuita lungo le strade principali, che permette ai veicoli brevi soste per caricare le batterie e procedere nei viaggi più lunghi. Il tutto con l'obiettivo di rispondere ad una delle problematiche principali delle auto elettriche: l'autonomia.

La società di Elon Musk ha lavorato sodo per espandere la rete, che oggi conta più di 770 stazioni di ricarica sparse in tutto il mondo. Ma, nonostante il ruolo di prestigio che già ricopre all'interno del mercato, Tesla non si sta cullando sugli allori e nel prossimo futuro potrebbe rendere l'attuale (frustrante) esperienza di ricarica dei veicoli elettrici un (brutto) ricordo del passato. In anticipo agli annunci ufficiali, Musk ha iniziato a far crescere l'hype su Twitter.

Il CEO di Tesla, in risposta ad un utente che chiedeva maggiori informazioni sulle nuove tecnologie delle stazioni Tesla SuperCharger v3, ha offerto alcuni spunti sulle novità che possiamo attenderci. A detta di Musk molte più stazioni utilizzeranno pannelli solari in maniera più capillare ed efficace, e le capacità delle nuove basette saranno presumibilmente estremamente più elevate rispetto a quelle disponibili attualmente. Insomma, un grosso passo in avanti.

Rispondendo alla potenza delle nuove SuperCharger, Musk ha scritto: "Solo 350kW... a cosa ti stai riferendo, a un giocattolo per bambini?"

In paragone, la maggior parte delle stazioni SuperCharger disponibili in giro ha una potenza di circa 120kW. Aumentando significativamente la potenza delle stazioni, Tesla potrebbe risolvere una serie di problematiche tutte legate fra di loro: la ricarica dei veicoli sarà sensibilmente più rapida, e i tragitti lunghi meno problematici con le auto elettriche; in aggiunta si eviterebbe l'affollamento che si verifica intorno alle stazioni SuperCharger in seguito all'aumento di veicoli Tesla in circolazione.

Lo scorso mese Tesla aveva annunciato che i possessori di veicoli acquistati nel 2017 riceveranno un credito per 1000 miglia di ricariche, ma in seguito dovranno pagare per usare le stazioni SuperCharger. Il costo sarà comunque inferiore a quello necessario per l'acquisto di benzina su veicoli tradizionali.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick27 Dicembre 2016, 15:01 #1
quante celle in parallelo useranno per gestire flussi da 350-500KW ?
Marok27 Dicembre 2016, 16:05 #2
L'unica via ipotizzabile con le tecnologie attuali per coprire grandi territori è un sistema che in 2 minuti ti sostituisca fisicamente le batterie scariche. Le colonnine vanno bene per grandi città (ma già lì c'è la ricarica casalinga) e anche per la rete autostradale la vedo estremamente dura sopratutto nei luoghi in mezzo al nulla.
lorenzo2227 Dicembre 2016, 16:47 #3
Ma avendo colonnine lente e a "bassa" potenza non risulta essere un buon metodo per disincentivare le persone ad usare la macchina per fare pochi chilometri e per ulteriori sprechi.
Basterebbe posizionare tante colonnine a bassa potenza ed utilizzare al meglio la poco energia prodotta dalle fonti rinnovabili.
TheDarkAngel27 Dicembre 2016, 17:49 #4
Originariamente inviato da: Marok
L'unica via ipotizzabile con le tecnologie attuali per coprire grandi territori è un sistema che in 2 minuti ti sostituisca fisicamente le batterie scariche. Le colonnine vanno bene per grandi città (ma già lì c'è la ricarica casalinga) e anche per la rete autostradale la vedo estremamente dura sopratutto nei luoghi in mezzo al nulla.


Sono state portate le strade in mezzo al nulla, portare l'elettricità è il servizio più banale che ci sia. Enormi tratte, scarsa manutenzione, poche opere con servizi di accesso anche modesti o nulli, spesso si fanno manutenzioni con elicotteri e pace.
ziosavo7827 Dicembre 2016, 18:45 #5

Tempo!

Beh, una sosta di 45 minuti per ricaricare può permettersela chiunque... Per me dovrebbero puntare sulla diffusione delle stazioni di ricarica e non sulla potenza erogata!
Zenida27 Dicembre 2016, 19:20 #6
Originariamente inviato da: ziosavo78
Beh, una sosta di 45 minuti per ricaricare può permettersela chiunque... Per me dovrebbero puntare sulla diffusione delle stazioni di ricarica e non sulla potenza erogata!


Tu non sai di cosa parli amico
Se ogni auto dovesse impiegare 45 minuti per ricaricare le batterie, il tasso di omicidi salirebbe alle stelle.

Già nel mio paesino di poche anime capita di trovare fila alle stazioni di servizio. Fila che si esaurisce in pochi minuti, perchè magari devo attendere giusto 2 auto prima di me. Ma se so che l'auto davanti a me deve attendere 45 minuti ed io altri 45, ovvero, che non uscirò prima di 1 ora mezza da lì... beh evviva il petrolio direbbe greenpeace
Opteranium27 Dicembre 2016, 20:17 #7
ma la rete elettrica non collassa di brutto con questi picchi di corrente? Immagino molteplici stazioni di ricarica con diversi megawatt di assorbimento in contemporanea per ognuna.. boh, mi sembra tanta roba
blobb27 Dicembre 2016, 20:33 #8
Originariamente inviato da: Opteranium
ma la rete elettrica non collassa di brutto con questi picchi di corrente? Immagino molteplici stazioni di ricarica con diversi megawatt di assorbimento in contemporanea per ognuna.. boh, mi sembra tanta roba

infatti ci vorranno anni ed anni nonostante musk....
Giorgio Carlin27 Dicembre 2016, 21:01 #9
L'unica soluzione è la sostituzione fisica rapida della batteria. Standardizzando un minimo non più di 3/4 modelli, in 30 secondi una batteria carrellata si cambia. Ma questo è impensabile a causa della stronzissima mentalità propietaria per cui si deve "possedere" la batteria e non affittarne l'uso. Anche stavolta rischiano di uccidere la gallina dalle uova d'oro, ancora prima che riesca a produrne qualcuna.
Notturnia27 Dicembre 2016, 21:11 #10
Originariamente inviato da: ziosavo78
Beh, una sosta di 45 minuti per ricaricare può permettersela chiunque... Per me dovrebbero puntare sulla diffusione delle stazioni di ricarica e non sulla potenza erogata!


Dove vivi ?.. 45 minuti può permetterseli chiunque ?.. se arrivò in ritardo di 45 minuti da un cliente perché li. Ho persi per fare un rifornimento mi sa che mi serve un nuovo lavoro.. 45 minuti sono un abisso.. per ora la tesla é un ottimo progetto ma costoso e gestito da un uomo sovvenzionato dalle tasse americane.. a tutto bene ma sentire fesserie come quelle delle stazioni di ricarica da 350 kW a colonnina sono folli..

3 auto = picchi di un MW.. ciao ciao dispacciamento e problemi di qualità della rete.. con 100 stazioni di quel tipo in Italia vedremmo aumentare il costo dell'energia in Italia del 2% come niente.. e parlo di 100 stazioni e non 10000 mila come servirebbero per soppiantare la benzina.. fossero 10 mila ci servirebbero 4 centrali come porto folle solo per gestire i casini.. credo sia meglio pensare a rifare la rete se vogliamo avere mostri come questi sparpagliati per l'Europa.. giusto qualche centinaio di miliardi.. nulla di difficile

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^