Anche Dodge è pronta all'elettrico: ecco la Charger EV di preproduzione

Anche Dodge è pronta all'elettrico: ecco la Charger EV di preproduzione

Anche Dodge entrerà nel settore dell'elettrico, con le prime consegne della Charger EV che dovrebbero arrivare entro la fine dell'anno

di pubblicata il , alle 16:29 nel canale Auto Elettriche
Dodge
 

Il Gruppo Stellantis ha previsto un massiccio passaggio ai veicoli elettrici, come descritto nel piano industriale Dare Forward. Entro il 2030 in Europa i vari marchi venderanno solo auto elettriche, mentre negli Stati Uniti il mix di vendita dovrà raggiungere il 50% entro la stessa data.

Proprio tra i marchi americani c'è Dodge, che non è certo un nome associato ad auto parsimoniose, essendo uno dei sinonimi di muscle car. Ma proprio una della vetture americane per eccezione, la Dodge Charger, è praticamente pronta per il passaggio all'elettrico.

Dodge Charger EV

Il nome conosciuto per ora è semplicemente Charger EV, e Dodge ce ne dà un assaggio con alcune immagini scattate durante alcuni test degli esemplari preserie. Auto che quindi sono al 99% identiche a ciò che si troverà in vendita, entro la fine del 2024. Nel caso specifico ciò che salta subito all'occhio è il design, perfettamente in linea con la storia del modello, e che mantiene anche l'iconico frontale.

Dodge Charger EV

La Charger EV, secondo i report più recenti, dovrebbe essere costruita su una delle nuove piattaforme STLA, la Large, per essere proposta al pubblico in diverse varianti. Due versioni base, con funzionamento a 400 volt e 455 CV di potenza, che possono salire a 535 CV per effetto di un kit di boost.

Un allestimento più alto di gamma proporrebbe invece una potenza di 590 CV, che con lo stesso kit salirebbe a 690 CV. Per finire ci dovrebbe essere il modello con architettura a 800 volt, ma di cui non sono trapelate informazioni, sempre che questi report si rivelino corretti.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
phmk16 Gennaio 2024, 18:01 #1

Intanto ...

Gli altri riducono le produzioni e mandano in cassa integrazione ...
Notturnia17 Gennaio 2024, 09:14 #2
che muso triste..
basta il muso arrabbiato della versione a benzina ?

andbad17 Gennaio 2024, 09:38 #3
Il "kit boost" consiste nel cambiare una flag?

By(t)e
Saturn17 Gennaio 2024, 09:39 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
che muso triste..
basta il muso arrabbiato della versione a benzina ?



Link ad immagine (click per visualizzarla)

Sembra la faccia di un tizio appena uscito dall'ufficio personale al quale hanno negato le ferie o l'aumento !
Notturnia17 Gennaio 2024, 09:48 #5
Originariamente inviato da: Saturn
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Sembra la faccia di un tizio appena uscito dall'ufficio personale al quale hanno negato le ferie o l'aumento !


io pensavo ad un film Pixar dove il "cars" di turno è appena stato licenziato e torna a casa ...

ma tutto mi fa pensare alla vera Charger

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Massimiliano Zocchi17 Gennaio 2024, 10:25 #6
Originariamente inviato da: andbad
Il "kit boost" consiste nel cambiare una flag?

By(t)e


Difficile dirlo ora, in passato sono successe entrambe le cose, sia modifiche solo software, sia software più cambio di alcuni componenti hardware. Vedremo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^