BYD eviterà i blocchi europei alle auto elettriche cinesi: annunciata la fabbrica in Ungheria

BYD eviterà i blocchi europei alle auto elettriche cinesi: annunciata la fabbrica in Ungheria

Notizia che era nell'aria da un po', con i Paesi candidati che ancora ci speravano. È stata l'Ungheria a vincere la concorrenza

di pubblicata il , alle 16:37 nel canale Auto Elettriche
BYD
 

BYD, per esteso Build Your Dreams, è un nome che ormai si sta facendo strada anche in Europa, Italia compresa, da quando ha deciso di vendere le sue auto elettriche anche alle nostre latitudini. Secondo le varie strategie tra i diversi Paesi, i modelli che BYD ad oggi vende in Europa sono cinque: Han, Tang, Atto 3, Seal e Dolphin.

Come azienda cinese, però, potrebbe rischiare di trovarsi il bastone tra le ruote a causa di nuove regole e leggi contro le auto importate dalla Cina, come già successo in Francia, dove dette auto sono state escluse dagli incentivi nazionali. BYD però, già da tempo, si stava muovendo per avere una vera e proprio filiale europea, anche produttiva.

BYD

Oggi scopriamo che, dopo colloqui in diversi Paesi, e con i relativi governi, BYD ha scelto ancora una volta l'Ungheria, dove costruirà una nuova fabbrica nel sud del Paese. BYD nello stato dell'est già produce autobus elettrici, ed aveva già in programma anche una fabbrica di batterie. In questo modo le auto qui costruite saranno al 100% europee, e non potranno essere accusate di arrivare da uno stato con alte percentuali di inquinamento.

Secondo il ministro degli Esteri ungherese Szijjarto, si tratta di uno dei più grandi investimenti nella storia ungherese, anche se non ha fornito cifre precise, che non sono state comunicate nemmeno dall'azienda. BYD però ha già fatto sapere che intende generare migliaia di nuovi posti di lavoro, lavorando su tutta la catena di approvvigionamento, per creare un vero e proprio ecosistema green locale.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano22 Dicembre 2023, 16:46 #1
spero ancora in una ripresa in extremis delle case europee, la situazione è pessima
Roby_n_ball22 Dicembre 2023, 18:25 #2
alla faccia di chi contesta il termine al 2035, se l'industria europea vuole stare al passo ben prima del 2035 deve essere pronta, occorre correre.
Sandro kensan22 Dicembre 2023, 18:41 #3
Guarda caso l'Ungheria di Orban: sarà una coincidenza?
Notturnia22 Dicembre 2023, 19:28 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Guarda caso l'Ungheria di Orban: sarà una coincidenza?


no credo che sia una questione di tassazione
agonauta7822 Dicembre 2023, 22:15 #5
Dall'annuncio alla realizzazione passerà una buona decina di anni . Ne parlano come dovessero aprire un kebabbaro
noncapiscountubo22 Dicembre 2023, 22:35 #6
Originariamente inviato da: agonauta78
Dall'annuncio alla realizzazione passerà una buona decina di anni . Ne parlano come dovessero aprire un kebabbaro


Guarda che sono cinesi , faranno arrivare migliaia di operai e in 10 giorni lo completano
Utonto_n°123 Dicembre 2023, 10:03 #7
Originariamente inviato da: agonauta78
Dall'annuncio alla realizzazione passerà una buona decina di anni . Ne parlano come dovessero aprire un kebabbaro


Originariamente inviato da: noncapiscountubo
Guarda che sono cinesi , faranno arrivare migliaia di operai e in 10 giorni lo completano


"...le auto qui costruite saranno al 100% europee"

Credo faranno come la DR automobili, auto costruite in europa, non realizzate, cioè, arriveranno i pezzi dalla Cina e poi li assembleranno in Ungheria, come fanno con le auro DR, che le assemblano solamente in Italia, tutti i pezzi arrivano dalla Cina. In pratica costruite = assemblate, si fa molto prima a metter su una fabbrica di assemblaggio
BVS23 Dicembre 2023, 18:17 #8
Originariamente inviato da: Utonto_n°
"...le auto qui costruite saranno al 100% europee"

Credo faranno come la DR automobili, auto costruite in europa, non realizzate, cioè, arriveranno i pezzi dalla Cina e poi li assembleranno in Ungheria, come fanno con le auro DR, che le assemblano solamente in Italia, tutti i pezzi arrivano dalla Cina. In pratica costruite = assemblate, si fa molto prima a metter su una fabbrica di assemblaggio


è chiaro, neanche le fabbriche italiane come fiat lancia e alfa romeo usano esclusivamente componenti italiane, anche se molte derivano dall indotto delle fabbriche satelliti sul territorio italiano che a loro volta possono usare componenti prodotte o no in italia.

Il fatto che vengano costruite in ungheria non risolve i due problemi fondamentali di BYD, la speculazione assassina a carico dei concessionari e i fenomeni di autocombustione
Marci23 Dicembre 2023, 18:52 #9
Il libero mercato funziona solo se si combatte ad armi pari, se giochi contro chi è autorizzato a barare non hai speranze.
29Leonardo23 Dicembre 2023, 20:58 #10
Originariamente inviato da: Marci
Il libero mercato funziona solo se si combatte ad armi pari, se giochi contro chi è autorizzato a barare non hai speranze.


Il gioco è già truccato in partenza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^