Cavi di ricarica addio, arriva il wireless (col 93% di efficienza)

Cavi di ricarica addio, arriva il wireless (col 93% di efficienza)

Gli standard stabiliti dalla SAE International per il corretto posizionamento delle vetture sui pad di ricarica e una perfetta interfaccia fra auto e centralina, garantiranno un'efficienza molto alta, pari al 93%

di pubblicata il , alle 15:00 nel canale Auto Elettriche
 

Della ricarica wireless per le auto elettriche si parla da diversi anni, e molti progetti sono già in essere, soprattutto legati alla possibilità di avere interi tratti stradali in grado di trasmettere energia alle vetture in transito.

Fra le iniziative in tal senso, rientra il progetto italiano "Arena del Futuro"; riguardo invece alla modalità wireless come possibile ricarica domestica, Tesla aveva acquistato la tedesca Wiferion, per poi rivenderla poco dopo.

Studi nel settore sono stati portati avanti anche da alcune Università, come la svedese Chalmers (che sostiene di poter trasmettere fino a 500 MW di potenza quasi al 100% di efficienza).

A rallentare l'implementazione di questo tipo di soluzioni, anche per la ricarica domestica, è la scarsa efficienza di questa modalità (in particolare se paragonata alla classica tramite cavo), ma gli standard stabiliti dalla SAE International (Society of Automotive Engineers) potrebbero superare questo collo di bottiglia.

Ricarica wireless 2024

Grazie al lungo lavoro che la Wireless Power Transfer & Alignment ha svolto, tramite un confronto costante con alcuni dei marchi automobilistici maggiormente attivi nel settore della mobilità elettrica, è stato possibile identificare il metodo migliore per sviluppare la ricarica in modalità wireless, ovvero il Differential Inductive Positioning System (DIPS), che stabilisce il modo corretto per allineare vettura e pad.

Ricarica wireless 2024

Lo standard scelto è il SAE J2954, ovvero Wireless Power Transfer (WPT) for Light-Duty Plug-in/Electric Vehicles and Alignment Methodology, su cui la squadra di ricerca e sviluppo ha iniziato a lavorare nel 2020, che - secondo quanto affermato dalla SAE - garantirebbe un'efficienza di trasferimento pari al 93%.

Ricarica wireless 2024

"La ricarica dei veicoli elettrici dovrebbe essere semplice come parcheggiare nel posto giusto e andarsene a piedi, e lo standard SAE J2954 lo consente", ha commentato Jesse Schneider team leader della taskforce Wireless Power Transfer. "l nostro team di ingegneri ha deciso di adottare il metodo di allineamento DIPS, risolvendo l'anello mancante per la commercializzazione della ricarica wireless per i veicoli elettrici".

Ky Sealy, membro di WiTricity e co-presidente del sottogruppo SAE J2954 Alignment and Controls, ha aggiunto: "Tramite questo standard la ricarica automatica senza fili sarà presto disponibile per le infrastrutture pubbliche".

La definizione di un unico standard, come abbiamo visto anche per il NACS (che rientra nella ricarica "classica" tramite cavo) permetterà al settore di fare un enorme passo in avanti: i dettagli di questa tecnologia e dei requisiti che le case automobilistiche dovranno rispettare, saranno resi noti nel primo trimestre del 2024.

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano30 Novembre 2023, 15:05 #1
intanto attendo di vedere i risultati dell'autostrada wireless svedese e i vari progetti già in corso per ricariche ai semafori/parcheggi. sono molto ottimista in merito, potremmo potenzialmente dimenticarci di fare ricariche E potrebbero bastare batterie molto piccole per andare in giro
lucasantu30 Novembre 2023, 15:10 #2
Originariamente inviato da: TorettoMilano
intanto attendo di vedere i risultati dell'autostrada wireless svedese e i vari progetti già in corso per ricariche ai semafori/parcheggi. sono molto ottimista in merito, potremmo potenzialmente dimenticarci di fare ricariche E potrebbero bastare batterie molto piccole per andare in giro


Bisogna vedere quanto riescono a contenere il surriscaldamento , finchè carichi basso va bene ( e potrebbe essere perfetto per le strade magnetiche ) ma quando ti fermi a caricare in DC magari a 300kw mi aspetto che si scaldino più di adesso e di molto
Ombra7730 Novembre 2023, 16:20 #3
Ma che stronzata sarebbe? prima si spendono miliardi in ricerca e sviluppo per aumentare l'efficienza e il meglio con cui sono usciti è questo?
Perchè a qualcuno pesa l'attaccare un cavo a una colonnina. E quel 7% (che sarà sicuramente superiore) dove va a finire? in calore buttato per niente.
Potrebbe avere un senso in ambiti ristretti ma per i normali parcheggi sarebbe un inutile spreco di energia, per non parlare del fatto che per interrare le bobine bisogna sfondare l'asfalto, e riadattare tutte le auto presenti e future al nuovo sistema.
TorettoMilano30 Novembre 2023, 16:30 #4
Originariamente inviato da: Ombra77
Ma che stronzata sarebbe? prima si spendono miliardi in ricerca e sviluppo per aumentare l'efficienza e il meglio con cui sono usciti è questo?
Perchè a qualcuno pesa l'attaccare un cavo a una colonnina. E quel 7% (che sarà sicuramente superiore) dove va a finire? in calore buttato per niente.
Potrebbe avere un senso in ambiti ristretti ma per i normali parcheggi sarebbe un inutile spreco di energia, per non parlare del fatto che per interrare le bobine bisogna sfondare l'asfalto, e riadattare tutte le auto presenti e future al nuovo sistema.


? l'efficienza garantita è del 93%, non è la massima
https://auto.hwupgrade.it/news/solu...ity_114792.html
qui si parla di 98% per esempio

per il resto che dire, se tale tecnologia ci permette di mettere batterie più leggere nelle auto si hanno in catena effetti benefici in quanto batterie più leggere->auto più leggera->minor energia per spostarla->minor usura delle gomme
Ombra7730 Novembre 2023, 16:36 #5
Mi sfugge in maniera del tutto genuina il perchè un sistema di ricarica wireless dovrebbe permettere batterie più leggere..
Se intendi un futuro dove l'auto si ricarica lungo qualsiasi strada potrebbe avere un senso, ma l'efficienza nel ricaricare un veicolo in movimento sarebbe pressochè ridicola, non avendo alcuna piastra allineata e dovendo mantenere inevitabilmente uno spazio più ampio tra le due a causa delle oscillazioni degli ammortizzatori.
TorettoMilano30 Novembre 2023, 16:46 #6
Originariamente inviato da: Ombra77
Mi sfugge in maniera del tutto genuina il perchè un sistema di ricarica wireless dovrebbe permettere batterie più leggere..
Se intendi un futuro dove l'auto si ricarica lungo qualsiasi strada potrebbe avere un senso, ma l'efficienza nel ricaricare un veicolo in movimento sarebbe pressochè ridicola, non avendo alcuna piastra allineata e dovendo mantenere inevitabilmente uno spazio più ampio tra le due a causa delle oscillazioni degli ammortizzatori.


in merito al progetto brebemi (italiano) wireless ti copio incollo dal webbe:

The Arena del Futuro tests showed that a battery electric vehicle like the Fiat New 500 outfitted to test the system, can travel at normal highway speeds without using the energy it has stored on its battery. The test showed that the efficiency of the energy flow from the asphalt to the car was comparable to that of the fast charging stations


ad ogni modo attenderei test pubblici diffusi, per esempio vediamo come andrà l'autostrada wireless svedese. mi risulta si siano proprio messi in contatto con gli esperti italiani
Ombra7730 Novembre 2023, 17:23 #7
c'è molto sulla carta da decenni, ma nella pratica non è cambiato grandchè in modo rivoluzionario. Ci pensi ad adattare le strade con un sistema del genere?
Sarebbe interessante anche capire come verrebbe applicato il pagamento della corrente consumata individualmente.
io78bis30 Novembre 2023, 20:17 #8
Io sarei curioso di capire come funziona con neve e pioggia
destroyer8530 Novembre 2023, 20:44 #9
Originariamente inviato da: TorettoMilano
in merito al progetto brebemi (italiano) wireless ti copio incollo dal webbe:



ad ogni modo attenderei test pubblici diffusi, per esempio vediamo come andrà l'autostrada wireless svedese. mi risulta si siano proprio messi in contatto con gli esperti italiani


normal highway speeds io intendo 130 reali , loro 110 sul contachilometri e cambia tantissimo a livello di consumi.
La "ricarica wireless" è una cosa che sarebbe comoda ma che non ci possiamo permettere perché dovremmo compensare il 20 % di perdite con una sovraproduzione di energia.
Notturnia30 Novembre 2023, 21:08 #10
Che fesseria… si blatera tanto di efficienza e poi si vuole lasciare il 7% per strada..
Sul “quasi 100%” anche qua è ridicolo.. sapete tutti come sono fatti questi oggetti e sono una versione peggiore rispetto ad un banale trasformatore e nessun trasformatore ha una resa del 99% guarda caso.. normalmente perdere un 2-3% in un trafo che praticamente non ha distanza fra gli avvolgimenti è da baciarsi le mani.. qua si parla di due bobine a oltre 20 cm una dall’altra e si fa finta che sia tutto oro.. per risparmiare un cavo a casa è da dementi, per fare autostrade o strade wireless è osceno pensando il danno ambientale di devastare le strade e mettere milioni di tonnellate di rame sotto le città e le strade.. per far finta che andare a pile sia uguale che andare a benzina ?. Ci si mette l’anima in pace e si va alle colonnine..

Ottima la ricerca ovviamente, così forse smetteranno di friggere i cellulari sotto ricarica wireless (avete mai notato quanto si scaldano in ricarica wireless ?)

Ma per le auto… attendiamo queste favolose bobine in giro per le città.. fra l’altro mi incuriosisce in autostrada a che profondità le mettono visto che quando cambiano l’asfalto ogni due anni scavano fino a 20 cm per il drenante.. quindi 30 cm sotto + 10 di aria e la macchina ? 40-50 cm di distanza fra gli induttori fra cemento, catrame, metallo e aria e siamo al 93% di resa ? …..

Quanto è costato il progetto pilota svedese ? (Trovato, 4 milioni di euro a km per il progetto pilota. Maggiori costi di manutenzione del manto stradale)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^