Colpaccio di NIO: accordo con Shell per rete di ricarica e stazioni di scambio batteria

Colpaccio di NIO: accordo con Shell per rete di ricarica e stazioni di scambio batteria

La cinese NIO ha siglato un accordo con Shell per collaborare su rete di ricarica e anche sulle famose stazioni di scambio batteria rapido, per Cina e Europa. Potrebbe essere il tassello che mancava per la definitiva espansione

di pubblicata il , alle 10:51 nel canale Auto Elettriche
NIOShell
 

Dopo un periodo di crisi, la cinese NIO ha saputo risollevarsi, ed ora le cose stanno andando decisamente bene. Le vendite fanno registrare buoni numeri in patria, ed è partito il progetto di espansione in Europa, partendo dalla Norvegia, alla quale seguirà la Germania.

Oltre alle sue auto elettriche, NIO vuole esportare anche il suo modello di ricarica. Se per quanto riguarda le colonnine non differisce molto dagli altri costruttori, il vero asso nella manica è la possibilità di scambiare la batteria scarica con una carica, usando apposite stazioni robotizzate che impiegano una manciata di minuti.

NIO Battery Station

NIO ha già ufficializzato l'arrivo di queste stazioni anche in Norvegia, ma ora ha chiuso un importante accordo che potrebbe anticipare l'arrivo anche in altri mercati. NIO e Shell uniranno le forze per la rete di ricarica, ed appunto anche per le stazioni di scambio.

Per Shell questo significa entrare nel mercato della ricarica anche in Cina, dopo aver fatto esordire le colonnine di ricarica fast nei suoi distributori europei. NIO invece trova un partner fondamentale per espandersi nel Vecchio Continente, e grazie al quale potrebbe attingere ad una vasta rete di location per posizionare future stazioni di scambio. Contemporaneamente i futuri clienti NIO avrebbero anche accesso alle colonnine di Shell.

Si tratta per altro di un modus operandi già usato da NIO, che in Cina ha alcune sue stazioni di scambio presso i distributori locali Sinopec e CNPC.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pengfei29 Novembre 2021, 13:16 #1
Non mi convince più di tanto questa soluzione, con la ricarica sempre più veloce penso che difficilmente riusciranno ad avere le stazioni di cambio batteria distribuite abbastanza capillarmente, se ci metto 20 minuti a raggiungerla (ammesso che ci sia nei dintorni) faccio prima ad attaccarmi alla colonnina più vicina. Dovrebbe essere uno standard condiviso da tutta l'industria per avere senso.
In ogni caso da tenere d'occhio, sia XPeng che Li auto hanno riportato grossi aumenti nelle consegne, il doppio e il triplo anno su anno, Nio pare faticare un po' di più perché dicono di aver dovuto fermare una linea di produzione per preparare il lancio dei nuovi modelli e fare upgrade, però resto fiducioso per il Nio day di dicembre (ho qualche azione, Li sta volando nel premarket con un +8.5% dopo i dati sulle vendite, XPeng pure lo aveva fatto già prima quando ha pubblicato i dati di vendita, spero di non aver puntato sul cavallo sbagliato )
Notturnia29 Novembre 2021, 14:11 #2
tieni conto che questa soluzione aiuterebbe anche molto la smart-grid e il dispacciamento in particolare riducendo gli sprechi che si generano con la soluzione dei punti di ricarica

ecologicamente ed economicamente questa è la soluzione migliore

quella attuale con le colonnine è solo la più facile e quella che fa guadagnare di più il proprietario della colonnina..

ha un costo di investimento iniziale maggiore la swap-station ma per il sistema elettrico sarebbe la soluzione migliore in assoluto.. per questo non verrà scelta.. di norma si fa quello che è più semplice e non quello che è meglio
Strato154129 Novembre 2021, 15:04 #3
Un mondo a misura cinese..avanti così e saremo il terzo mondo!
Sandro kensan29 Novembre 2021, 21:28 #4
Ho visto vari video delle stazioni robotizzate per lo swap e sono molto comode da usare. Inoltre con 5 minuti di attesa si ha una ricarica al 100% e in pratica è come andare dal distributore.

https://www.youtube.com/watch?v=EvMr42VnFyo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^