Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

È partita la produzione della Fisker Ocean: sold out per tutto il 2023

È partita la produzione della Fisker Ocean: sold out per tutto il 2023

Magna ha rispettato i tempi ed ha iniziato la produzione della Fisker Ocean nello stabilimento di Graz. L'auto elettrica che viene definita come il veicolo più sostenibile al mondo ha avuto un grande successo anche a scatola chiusa

di pubblicata il , alle 10:33 nel canale Auto Elettriche
Fisker
 

Lo aveva promesso ed ha mantenuto la parola data. Il contractor Magna ha iniziato secondo la tabella di marcia la produzione della Fisker Ocean, auto elettrica che rappresenta l'inizio della seconda avventura in solitaria di Henrik Fisker. Le attività sono partite nello stabilimento di Graz, in Austria, una fabbrica all'avanguardia e certificata come carbon neutral.

Per questo la Ocean è descritta come "il veicolo più sostenibile al mondo", non solo per il fatto di essere elettrico, ma anche per la virtuosità nelle fasi di produzione e per l'attenzione ai materiali utilizzati.

Fisker Ocean One

Il SUV di Fisker ha ottenuto da subito ottimi riscontri di critica, ma è il pubblico ad aver indirettamente promosso la vettura, con oltre 63.000 preordini, sostanzialmente a scatola chiusa. La rampa di produzione partirà dalle prime 300 unità entro l'inizio del 2023, per poi passare subito a 8.000 esemplari nel secondo trimestre, 15.000 nel terzo trimestre, con un traguardo di fine anno di 42.400 vetture, ovvero circa 19.000 solo negli ultimi tre mesi.

Qualche mese fa Fisker aveva dichiarato di voler arrivare entro il 2023 con 50.000 veicoli su strada, quindi si tratta di una piccola revisione, ma nulla di particolarmente grave. Le prime 5.000 vetture, prenotate con ben 5.000 dollari di caparra, saranno con l'allestimento Ocean One, basato sulla Extreme, con doppio motore, AWD, basato su celle al litio di CATL, con chimica ternaria NCM. Più avanti arriveranno anche le normali versioni Extreme, Ultra e Sport, quest'ultima con un solo motore all'anteriore e celle con chimica LFP.

Al via le super offerte della Black Friday Week Amazon! Ci sono sconti reali che superano il 50%, trovate la nostra selezione del meglio qui!
6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino18 Novembre 2022, 10:41 #1
Quella del 'carbon neutral' è la più grossa bo1ata ecologista degli ultimi anni. Immagino che il cemento, acciaio e quant'altro usato per costruire la fabbrica si siano materializzati dal nulla, vero?
Cosi come le componenti dell'auto, fatti di plastica, acciaio, e batterie con terre rare.
Ci sta avere un occhio di riguardo per l'efficienza energetica, ma non esiste nulla di 'carbon neutral'. Per quello basterebbe suicidarsi.
maxmaina18 Novembre 2022, 11:11 #2
Originariamente inviato da: Ragerino
Quella del 'carbon neutral' è la più grossa bo1ata ecologista degli ultimi anni. Immagino che il cemento, acciaio e quant'altro usato per costruire la fabbrica si siano materializzati dal nulla, vero?
Cosi come le componenti dell'auto, fatti di plastica, acciaio, e batterie con terre rare.


Mi sa che non hai idea di cosa sia il "carbon neutral". La certificazione esiste ed è fatta pure bene (soprattutto in Austria...): si basa sulla COMPENSAZIONE (bilanciamento) tra emissioni generate/prodotte e quelle compensate. Quindi, seguento le tue indicazioni, fabbrica e compenenti dell'auto non devono essere materializzate dal nulla; devono essere solo COMPENSATE. Raggiugni la "carbon neutrality" quando tutto quello che immetti all'esterno viene compensato con progetti certificati. Quello che forse intendi tu è la "carbon free" che, chiaramente, non può essere ottenuta.
Ragerino18 Novembre 2022, 11:27 #3
Originariamente inviato da: maxmaina
Mi sa che non hai idea di cosa sia il "carbon neutral". La certificazione esiste ed è fatta pure bene (soprattutto in Austria...): si basa sulla COMPENSAZIONE (bilanciamento) tra emissioni generate/prodotte e quelle compensate. Quindi, seguento le tue indicazioni, fabbrica e compenenti dell'auto non devono essere materializzate dal nulla; devono essere solo COMPENSATE. Raggiugni la "carbon neutrality" quando tutto quello che immetti all'esterno viene compensato con progetti certificati. Quello che forse intendi tu è la "carbon free" che, chiaramente, non può essere ottenuta.


Ah si, i famosi carbon credits. Quelli dove basta pagare per essere in regola
agonauta7818 Novembre 2022, 22:45 #4
La compensazione dietro pagamento è una boiata. Come se si potesse fare un reato e cancellarlo se pago un tot al kg. A questo punto meglio usare termini come eco friendly, meno ad effetto ma più realistico
ICT SMART21 Novembre 2022, 04:29 #5

Compensazione con acquisto crediti

Originariamente inviato da: agonauta78
La compensazione dietro pagamento è una boiata. Come se si potesse fare un reato e cancellarlo se pago un tot al kg. A questo punto meglio usare termini come eco friendly, meno ad effetto ma più realistico


Ancora troppo difficile da capire?
I crediti acquistati equivalgono a finanziamenti di piantumazioni boschive che andranno ad assorbire la quantità equivalente di anidride carbonica immessa nell'atmosfera per la realizzazione degli impianti di produzione e quant'altro necessario.
amd-novello21 Novembre 2022, 11:54 #6
Originariamente inviato da: ICT SMART
Ancora troppo difficile da capire?
I crediti acquistati equivalgono a finanziamenti di piantumazioni boschive che andranno ad assorbire la quantità equivalente di anidride carbonica immessa nell'atmosfera per la realizzazione degli impianti di produzione e quant'altro necessario.


ma chi può controllare una tale cosa?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^