Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Europa: sì ai motori a scoppio, no ai carburanti di origine fossile, la mozione è stata approvata

Europa: sì ai motori a scoppio, no ai carburanti di origine fossile, la mozione è stata approvata

I motori a scoppio sono "salvi": dal 2035 tutte le auto circolanti dovranno essere a emissioni zero: via libera quindi ad auto elettriche, a idrogeno e alimentate con e-fuel

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Auto Elettriche
 

La giornata di ieri, Martedì 28 Marzo, entrerà nella storia: è stata approvata, con 3 astensioni (Italia, Romania e Bulgaria), un voto  contrario (Polonia) e 23 voti favorevoli, la legge europea che bandisce la vendita, dal 2035 di auto che emettono CO2.

I motori endotermici sono quindi salvi, a patto che il pieno venga fatto tramite e-fuel prodotti da fonti rinnovabili e/o CCS, come chiesto e ottenuto dalla Germania.

Ban ICE Europa

Con CCS si intende la Cattura e Stoccaggio del Carbonio, una tecnologia che dovrebbe permettere di recuperare la CO2 emessa durante un determinato processo, impedendole di finire nell'atmosfera, a cui abbiamo dedicato diversi articoli: link, link, link

La legge dell'UE richiederà che tutte le nuove auto vendute dal 2035 in avanti abbiano emissioni di CO2 pari a zero, con la tappa intermedia del 55% in meno di emissioni - rispetto ai livelli del 2021 - dal 2030.

Nonostante la concessione agli e-fuel, l'obbiettivo della legge resta una graduale e costante eliminazione delle fonti fossili per arrivare alla net zero, fissata per il 2050.

L'industria automobilistica tradizionale, quindi, è salva, ma al contempo ha solo 12 anni per creare un nuovo tipo di motore e di carburante quasi da zero, dal momento che, ad oggi, non ci sono né veicoli né carburanti sintetici prodotti su larga scala.

Il ministro dei trasporti tedesco, Volker Wissing, che nelle scorse settimane ha chiesto a gran voce la deroga agli e-fuel, prevede che l'accordo "aprirà importanti opzioni per la popolazione verso una mobilità climaticamente neutra e conveniente".

Alle affermazioni di Wissing fa eco quella di Frans Timmermans, capo della politica climatica dell'UE:

"La direzione del viaggio è chiara: nel 2035, le nuove auto e furgoni devono avere zero emissioni".

L'intervento tardivo della Germania, dopo che i paesi e i legislatori dell'UE avevano già concordato l'eliminazione graduale del 2035 lo scorso anno, ha infastidito alcuni diplomatici dell'Uione e alimentato le preoccupazioni che i governi di singoli Stati membri possano tentare di bloccare altri accordi attentamente negoziati sulle politiche climatiche.

"In linea di principio, non ci piace questo approccio. Pensiamo che non sia giusto", ha detto il ministro dell'Energia spagnolo Teresa Ribera, aggiungendo che secondo le valutazioni attuali gli e-fuel potrebbero essere troppo costosi per essere ampiamente utilizzati.

Una delle condizioni che la Commissione ha previsto per dare il via libera agli e-fuel è che le automobili siano dotate di sistemi tali da riconoscere il carburante nel serbatoio e non si avviino del tutto se questo contiene diesel o benzina normali.

Le indicazioni su come realizzare le nuove auto in maniera tale da rispettare questo requisito sono attese entro l'autunno di quest'anno.

La legge approvata Martedì porta seco alcune novità anche per le auto elettriche e a idrogeno: in base all'intesa raggiunta, le stazioni di ricarica di ultima generazione (con almeno 400 kW di potenza 5 cinque stalli) per le auto elettriche dovranno essere installate ogni 60 chilometri sui principali assi stradali indicati nelle reti prioritarie dei trasporti europee (Ten-T) entro il 2026.

Ban ICE Europa

Per i mezzi pesanti e gli autobus 100% elettrici le stazioni di ricarica dovranno essere ogni 120 chilometri entro il 2028.

Gli impianti di distribuzione dell'idrogeno dovranno invece essere installate ogni 200 chilometri entro il 2031.

Ban ICE Europa

L'intesa prevede che i singoli Paesi presentino piani nazionali per il raggiungimento degli obiettivi indicati, ma assicura anche alcune eccezioni per i territori più svantaggiati, le isole e le strade con poco traffico.

"Le nuove regole..." - ha commentato il relatore dell'europarlamento, il socialista tedesco Ismail Ertug - "... contribuiranno alla realizzazione delle nuove infrastrutture per i carburanti alternativi senza ulteriori ritardi e garantiranno che l'utilizzo e il rifornimento delle autovetture di nuova generazione sia altrettanto semplice e conveniente come per i mezzi a benzina".

85 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ciolla200529 Marzo 2023, 09:07 #1
L'ultima volta che la Germania ha utilizzato fortemente i carburanti sintetici è stato durante la seconda guerra mondiale.

cignox129 Marzo 2023, 09:19 #2
Da un lato sono sorpreso che un Paese, la Germania, possa entrare a gamba tesa e far rivedere delle politiche di cui si parla ormai da anni.
Dall'altro sono contento di questa decisione. Non credo affatto che influenzerá l'elettrico (ora che trovano un nuovo carburante e sviluppano le tecnologie a contorno, l'elettrico sará giá maturato) ma almeno offre una opzione al mercato, e riconosce che sono le emissioni zero, e non la specifica tecnologia, il risultato da ottenere.

Poi come detto, ai fini pratici mi sa che non cambia proprio nulla.
supertigrotto29 Marzo 2023, 09:29 #3
Più che altro si potrà fare una transizione meno indolore sul totale elettrico,quello che mi preoccupa è il costo del carburante e fuel
MaxVIXI29 Marzo 2023, 09:37 #4
un`area di ricarica con 5 postazioni ogni 60 km... ah beh.............
TorettoMilano29 Marzo 2023, 09:40 #5
Originariamente inviato da: MaxVIXI
un`area di ricarica con 5 postazioni ogni 60 km... ah beh.............


letta così è brutta, ma se poi leggi meglio "le stazioni di ricarica di ultima generazione (con almeno 400 kW di potenza 5 cinque stalli) per le auto elettriche dovranno essere installate ogni 60 chilometri sui principali assi stradali indicati nelle reti prioritarie dei trasporti europee (Ten-T)"
DevilsAdvocate29 Marzo 2023, 09:47 #6
I veicoli ad idrogeno sono già quasi estinti, non capisco che senso abbia imporre delle stazioni di ricarica che probabilmente finiranno col non venire ricaricate
TorettoMilano29 Marzo 2023, 09:49 #7
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
I veicoli ad idrogeno sono già quasi estinti, non capisco che senso abbia imporre delle stazioni di ricarica che probabilmente finiranno col non venire ricaricate


sono tutti contentini per non dare adito a teorie autoritariste o banalmente è semplice populismo, ti basti leggere i commenti paranoici del forum.
poi comunque continuare a investire nell'idrogeno potrebbe regalare soddisfazioni, ne dubito ma mai dire mai. le soluzioni ibride elettrico/idrogeno per i camion forse hanno potenziale

edit: basta leggere il messaggio appena dopo il mio
Pasquale_196529 Marzo 2023, 09:54 #8
conviene comprare auto usate almeno fino al 2030 per quella data chissà quanta gente si ucciderà per poter ricaricare l'auto elettrica per strada inoltre sicuramente verrà tassata dal governo e dai folli dell'UE per compensare il mancato gettito fiscale derivante dalle accise vi sarà anche obbligo di controllo biennale a pagamento dello stato pacco batterie per evitare incendi endotermici. Per adesso sto benissimo con la Smart two comprata 4 anni fa con 2.900 euro ed uno scoote piaggio 300 cc comprato 3 anni fa a 950 euro. Preferisco viaggiare per il mondo anche in crociera che buttare soldi su costosi giocattoli elettrici per adulti venduti al 350% di ricarico. Buon futuro a tutti che possa essere diverso da quello che sembra.
Saturn29 Marzo 2023, 10:03 #9
Douglas Mortimer29 Marzo 2023, 10:23 #10
Non è su innovazioni imposte per legge che abbiamo edificato la nostra civiltà, ma su tecnologie che si sono affermate in competizione tra loro in un contesto di libero mercato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^