Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Grandissimo successo per NIO: firmato un accordo con Geely per il sistema di scambio batterie

Grandissimo successo per NIO: firmato un accordo con Geely per il sistema di scambio batterie

Il sistema di scambio batterie rapido di NIO, che in Cina è molto apprezzato, si allarga ad un altro importante costruttore, decretandone il successo

di pubblicata il , alle 17:43 nel canale Auto Elettriche
NIOGeely
 

Il costruttore cinese NIO, da qualche tempo arrivato anche in Europa con le sue auto elettriche, ha creduto fortemente fin da subito nel sistema di scambio batterie rapido, tramite stazioni robotizzate, una modalità di "ricarica" su cui molti nutrivano dubbi, soprattutto in occidente.

In realtà in Cina il sistema è molto apprezzato, e le stazioni di scambio sono già più di 2.100, e coprono tutte le direttrici principali del Paese. Le prime stazioni sono arrivate anche in Europa, dove NIO ha iniziato la commercializzazione delle sue auto. Ora è arrivata una firma importantissima, appena dopo che NIO aveva incassato un altro accordo.

NIO and Geely

NIO e Geely, altro grande gruppo automobilistico cinese, hanno siglato un accordo per una collaborazione ad ampio spettro sul sistema di scambio. Le due aziende vogliono di fatto sviluppare uno standard, collaboreranno in maniera reciproca, anche sul funzionamento e sull'espansione della rete di stazioni di scambio. Verranno inoltre realizzati modelli di auto elettriche con batterie intercompatibili, per sfruttare le stesse stazioni e gli stessi pacchi batteria.

NIO and Geely

Stazione di scambio batterie NIO

Per meglio comprendere l'importanza dell'accordo, è bene citare anche i marchi europei di Geely, che sono Volvo, Polestar, Lotus, Smart e Zeekr. NIO aveva inoltre, come accennato, appena concluso un altro accordo con Changan, che in pratica è il terzo costruttore cinese. L'ecosistema dello scambio batterie prende quindi enorme forza. Al momento nel circuito sono disponibili batterie da 75 kWh, con chimica più che altro LFP, e batterie da 100 kWh, esclusivamente con chimica NCM. Da poco sono arrivate anche le batterie a stato semisolido, con capacità di 150 kWh e altissima autonomia. Ogni batteria necessità poco più di 5 minuti per essere sostituita, compreso il tempo delle manovre per posizionare la vettura nella stazione automatizzata.

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
softkarma29 Novembre 2023, 17:54 #1
Le stazioni di ricarica sono secondo un enorme vantaggio per tutti:
- se fossero disponibili con abbonamento io potrei utilizzare nel 99% del tempo una batteria da 75kw che mi copre in tutti i casi d'uso mentre noleggiare nei mesi o settimane di maggiore percorrenza quelle da 150kw.
- non esiste più il collegamento tra auto e batteria, eliminando una delle incognite più grosse dell'usato.
- le stazioni di ricarica possono utilizzare con più facilità pannelli solari per la ricarica, o comunque assorbire corrente dalla rete in modo più prevedibile rispetto a picchi di 100/150kw delle ricariche veloci
- possono diventare delle Virtual power plant, aiutando a stabilizzare la rete quando necessario (una stazione con 10 batterie da 100kw, avrebbe una capacità enorme)
Cappej29 Novembre 2023, 18:22 #2
Originariamente inviato da: softkarma
Le stazioni di ricarica sono secondo un enorme vantaggio per tutti:
- se fossero disponibili con abbonamento io potrei utilizzare nel 99% del tempo una batteria da 75kw che mi copre in tutti i casi d'uso mentre noleggiare nei mesi o settimane di maggiore percorrenza quelle da 150kw.
- non esiste più il collegamento tra auto e batteria, eliminando una delle incognite più grosse dell'usato.
- le stazioni di ricarica possono utilizzare con più facilità pannelli solari per la ricarica, o comunque assorbire corrente dalla rete in modo più prevedibile rispetto a picchi di 100/150kw delle ricariche veloci
- possono diventare delle Virtual power plant, aiutando a stabilizzare la rete quando necessario (una stazione con 10 batterie da 100kw, avrebbe una capacità enorme)


come diceva qualcuno potrebbero essere utilizzati ai posto dei gruppi elettrogeni di ospedali ed altri punti essenziali all'interno delle città

Ovviamente il sistema DEVE funzionare e BENE, se fosse davvero così è veramente l'uovo di colombo per in mercato elettrico per tutti motivi che hai elencato.
Lo scoglio più grande resterò "lo standard". Per adesso NEO è la prima e l'unica, pertanto non so quanto le GRANDI vorranno abbassarsi e cedere a loro, indubbiamente sono tutti troppo spocchiosi e piccoli di testa per coalizzarsi e creare un sistema EUROPEO unico...
Meglio farsi colonizzare ma rimanendo saldi nei propri, stupidi, principi

IMHO
ilariovs29 Novembre 2023, 18:33 #3
Concorso che lo swap delle batterie apre scenari interessanti per le BEV.

Oggi, potrei prendermi una EX 30 51 KWh per risparmiare, per provare la prima elettrica perchè penso che mi basti.

Poi le esigenze mutano, riconsegno la 51KWh e mi prendo la 69KWh, pago la differenza ed ho la macchina nuova.
Strepitoso.
Opteranium29 Novembre 2023, 19:20 #4
Originariamente inviato da: softkarma
Le stazioni di ricarica sono secondo un enorme vantaggio per tutti:
- se fossero disponibili con abbonamento io potrei utilizzare nel 99% del tempo una batteria da 75kw che mi copre in tutti i casi d'uso mentre noleggiare nei mesi o settimane di maggiore percorrenza quelle da 150kw.
- non esiste più il collegamento tra auto e batteria, eliminando una delle incognite più grosse dell'usato.
- le stazioni di ricarica possono utilizzare con più facilità pannelli solari per la ricarica, o comunque assorbire corrente dalla rete in modo più prevedibile rispetto a picchi di 100/150kw delle ricariche veloci
- possono diventare delle Virtual power plant, aiutando a stabilizzare la rete quando necessario (una stazione con 10 batterie da 100kw, avrebbe una capacità enorme)

questo soprattutto sarebbe un enorme bonus e mi fa ben sperare per la mobilità elettrica.
Ma al tempo stesso mi dissuade dal comprare un'auto elettrica ora (non che ne abbia bisogno, in generale) perché c'è ancor più il rischio di trovarsi per le mani un prodotto che fra 5 anni è non solo "vecchio" ma perfino senza mercato di rivendita in quanto superato da queste soluzioni
kreijack29 Novembre 2023, 20:58 #5
Originariamente inviato da: softkarma
Le stazioni di ricarica sono secondo un enorme vantaggio per tutti:
- se fossero disponibili con abbonamento io potrei utilizzare nel 99% del tempo una batteria da 75kw che mi copre in tutti i casi d'uso mentre noleggiare nei mesi o settimane di maggiore percorrenza quelle da 150kw.


Meglio, si può decidere per ogni ricarica: devo trasferirmi da un estremo all'altro ? Allora batteria più capiente. Rimango in zona per qualche giorno ? Allora batteria meno capiente

Originariamente inviato da: softkarma
- non esiste più il collegamento tra auto e batteria, eliminando una delle incognite più grosse dell'usato.
- le stazioni di ricarica possono utilizzare con più facilità pannelli solari per la ricarica, o comunque assorbire corrente dalla rete in modo più prevedibile rispetto a picchi di 100/150kw delle ricariche veloci
- possono diventare delle Virtual power plant, aiutando a stabilizzare la rete quando necessario (una stazione con 10 batterie da 100kw, avrebbe una capacità enorme)


L'unico neo (ed è un grosso neo), si sterilizza la convenienza a migliorare la tecnologia delle batterie: avendo le batterie scambiabili e standard, avere un batteria "migliore" non è più un vantaggio competitivo per un costruttore.

E difatti chi sarebbe maggiormente svantaggiato di fronte ad un mercato basato sulle batterie scambiabili è chi ha investito di più nel migliorarle.
zephyr8329 Novembre 2023, 21:28 #6
Originariamente inviato da: kreijack
Meglio, si può decidere per ogni ricarica: devo trasferirmi da un estremo all'altro ? Allora batteria più capiente. Rimango in zona per qualche giorno ? Allora batteria meno capiente

sicuramente ci sarà un limite di dimensioni che varierà da auto ad auto.
L'unico neo (ed è un grosso neo), si sterilizza la convenienza a migliorare la tecnologia delle batterie: avendo le batterie scambiabili e standard, avere un batteria "migliore" non è più un vantaggio competitivo per un costruttore.

E difatti chi sarebbe maggiormente svantaggiato di fronte ad un mercato basato sulle batterie scambiabili è chi ha investito di più nel migliorarle.

Sarà NIO a cercare la tecnologia migliorare per le proprie batterie perché alla fine le batterie sono sue.
AceGranger29 Novembre 2023, 22:31 #7
Originariamente inviato da: kreijack
Meglio, si può decidere per ogni ricarica: devo trasferirmi da un estremo all'altro ? Allora batteria più capiente. Rimango in zona per qualche giorno ? Allora batteria meno capiente

L'unico neo (ed è un grosso neo), si sterilizza la convenienza a migliorare la tecnologia delle batterie: avendo le batterie scambiabili e standard, avere un batteria "migliore" non è più un vantaggio competitivo per un costruttore.

E difatti chi sarebbe maggiormente svantaggiato di fronte ad un mercato basato sulle batterie scambiabili è chi ha investito di più nel migliorarle.


bo secondo me il costruttore avrebbe tutto l'interesse a ricercare batterie sempre piu resistenti all'usura perchè gli converrebbe, e anche molto, avere batterie "eterne".
Heartfox30 Novembre 2023, 00:32 #8
Questo e' futuro con le tecnologie moderne ad oggi disponibili.
Giri in citta' o nel raggio di 100km batteria piccola meno peso e consumi di gomme freni e usura strade, e puoi convertire i distributori esistenti.
Se viene spinto anche politicamente come le normative euro varie, adas etc. diventera' fruibile da tutti e tutti al 95% passeranno all'elettrico.
Opteranium30 Novembre 2023, 07:31 #9
comunque è surreale che si stiano impegnando per fare automobili con batteria sostituibile.. e abbiano smesso con gli smartphone
Cappej30 Novembre 2023, 07:40 #10
Originariamente inviato da: Opteranium
comunque è surreale che si stiano impegnando per fare automobili con batteria sostituibile.. e abbiano smesso con gli smartphone


in effetti...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^