Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

L'Italia alza gli scudi contro le auto elettriche cinesi, prendendo esempio dalla Francia

L'Italia alza gli scudi contro le auto elettriche cinesi, prendendo esempio dalla Francia

Il Governo Meloni, da sempre in forte opposizione alla mobilità elettrica di fattura cinese, starebbe valutando un piano di incentivi che renda meno vantaggioso l'acquisto di vetture costruite in Cina, seguendo la strategia francese

di pubblicata il , alle 11:53 nel canale Auto Elettriche
Stellantis
 
71 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cignox105 Ottobre 2023, 12:40 #11
Questi incentivi sono una follia, ed é incredibile che sopravvivano da cosí tanto tempo, e a diversi governi.
Danno soldi pubblici solo i produttori, consentendo a chi é giá benestante di comprare auto straniere, mentre chi ha bisogno di una normale berlina o magari sw e non puó permettesi di spendere 30k-40k rimane a piedi.
Ma chi ci guadagna???
Di sicuro non il clima, perché quel pugno di auto termiche sostituite dalle elettrice contribuiscono in maniera davvero, davvero marginale all'inquinamento.

Mah, soldi buttati davvero alle ortiche, con tutti gli altri settori che ne avrebbero bisogno...
Mparlav05 Ottobre 2023, 12:44 #12
Al solito, quelle sono le intenzioni. Poi occorre tradurlo in una legge attuabile che calcoli le emissioni CO2 sull'intero ciclo produttivo.
Viste le precendenti incapacità già dimostrate, c'è poca fiducia sull'efficacia del provvedimento.
ginogino6505 Ottobre 2023, 12:57 #13
Ma visto che ormai non ci sono più produttori di auto in Italia, perché fare ancora di incentivi per le auto.
AlexSwitch05 Ottobre 2023, 12:58 #14
La storia economica insegna che mettere delle barriere così congegnate contro l'import non serve a nulla...
I prezzi della produzione UE/USA ( al netto degli incentivi che non dureranno per sempre ) sono e rimarranno alti per un bel pò di tempo a causa di una struttura dei costi difficilmente comprimibile.
I produttori cinesi, ampiamente sovvenzionati dal Governo piuttosto che dal costo delle materie prime ed energetiche per produrre i loro BEV, possono benissimo decidere di aprire degli impianti di assemblaggio nelle regioni europee dove il costo del lavoro è basso e dove ci siano incentivi alla creazione di posti di lavoro, importando determinate componenti da fornitori cinesi.
Riuscirebbero comunque a proporre sul mercato veicoli elettrici dal prezzo competitivo rispetto alla concorrenza, pappandosi delle belle fette di mercato in vista della scadenza del 2035.
Nella guerra contro l'import giapponese, quasi 40 anni fa, gli USA con una strategia simile ci sbatterono il grugno rompendoselo, visto che nel giro di poco tempo la " Motown " di Detroit chiuse completamente tutti gli impianti produttivi con enormi ricadute economiche e sociali.
io78bis05 Ottobre 2023, 13:03 #15
Originariamente inviato da: mally
quindi se sono ditte occidentali che produzono in cina e poi rincarano va benissimo, se l'imprenditore è cinese invece non va piu' bene?


Non capisco il commento, se vengono prodotte in Cina, il loro impatto ambientale e pari a quello delle Cinesi quindi niente incentivi.
io78bis05 Ottobre 2023, 13:08 #16
trattative, che coinvolgono direttamente anche Stellantis


Tutto bello finché non ho letto questo.
Il coinvolgimento di Stellantis a che serve? la norma dev'essere agnostica dal punto di vista del produttore. Spero che al tavolo ci siano anche le altre case produttrici.

Curioso di vedere i dati come li raccolgono e se mai li condivideranno
vash7905 Ottobre 2023, 13:19 #17
Originariamente inviato da: io78bis
Tutto bello finché non ho letto questo.
Il coinvolgimento di Stellantis a che serve? la norma dev'essere agnostica dal punto di vista del produttore. Spero che al tavolo ci siano anche le altre case produttrici.

Curioso di vedere i dati come li raccolgono e se mai li condivideranno


concordo in toto
mally05 Ottobre 2023, 13:33 #18
Originariamente inviato da: io78bis
Non capisco il commento, se vengono prodotte in Cina, il loro impatto ambientale e pari a quello delle Cinesi quindi niente incentivi.


togliamo dai marchi occidentali le parti prodotte in cina e poi vediamo cosa resta?
cudido05 Ottobre 2023, 13:42 #19
Originariamente inviato da: io78bis
Tutto bello finché non ho letto questo.
Il coinvolgimento di Stellantis a che serve? la norma dev'essere agnostica dal punto di vista del produttore. Spero che al tavolo ci siano anche le altre case produttrici.

Curioso di vedere i dati come li raccolgono e se mai li condivideranno


"A che serve" c'è da chiderselo?

Il governo ITALIANO vuole rivedere gli incentivi per favorire le auto europee, soprattutto quelle italiane che sono di fatto nel gruppo stellantis. Ora secondo te è normale che cerchi di incentivare Tesla o una orientale più di una Fiat?
mally05 Ottobre 2023, 13:47 #20
Originariamente inviato da: cudido
"A che serve" c'è da chiderselo?

Il governo ITALIANO vuole rivedere gli incentivi per favorire le auto europee, soprattutto quelle italiane che sono di fatto nel gruppo stellantis. Ora secondo te è normale che cerchi di incentivare Tesla o una orientale più di una Fiat?


stellantis sarebbe italiana?!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^