Volvo Trucks introduce il camion a idrogeno da 1.000 km di autonomia

Volvo Trucks introduce il camion a idrogeno da 1.000 km di autonomia

Volvo Trucks ha presentato un nuovo camion a idrogeno nato dalla joint venture Cellcentric con Daimler Truck che promette di coprire i 1.000 km di percorrenza con un pieno. Al momento, però, manca un'infrastruttura di supporto per il rifornimento.

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Auto Elettriche
Volvo Trucks
 

Grazie alla joint venture Cellcentric fondata insieme a Daimler Truck, Volvo Trucks ha presentato il primo camion a idrogeno che dovrebbe raggiungere un'autonomia di 1.000 km. Il lancio è previsto per la seconda metà del decennio, anche se il futuro di questi camion rimane ancora incerto.

I risultati presentati da Volvo Trucks sono senza dubbio sorprendenti, dato che con un mezzo pesante elettrico riesce a coprire la percorrenza di un tradizionale camion diesel. Tuttavia, il problema è rappresentato dalle soluzioni adottate per lo stoccaggio dell'idrogeno.

Il motore elettrico del camion è mosso dalle celle a combustibile. Queste sono alimentate da idrogeno allo stato liquido, ottenuto attraverso la refrigerazione del gas a -253 gradi Celsius. Gli stessi serbatoi, infatti, nei quali viene stoccato l'idrogeno sono raffreddati a tale temperatura. In questo modo è possibile immagazzinare quantità maggiori di idrogeno aumentando anche la densità energetica delle celle.

Inoltre, il rifornimento del gas come liquido consente di effettuare un pieno in soli 15 minuti, rappresentando una reale alternativa ai camion diesel. D'altronde, l'obiettivo di Volvo non è rimpiazzare i modelli a batteria, ma semplicemente ampliare il proprio portafoglio per offrire una scelta maggiore agli operatori del trasporto su ruote.

Sfortunatamente, però, gli operatori delle stazioni di servizio investono prevalentemente sull'idrogeno allo stato gassoso e compresso a 350 bar per i veicoli commerciali e 700 bar per le autovetture. Ciò significa che soddisfare le esigenze di tali mezzi sarebbe piuttosto complesso in mancanza di una struttura di supporto che possa garantire il rifornimento.

A tal proposito, il CEO di Daimler Truck Martin Daum è stato piuttosto critico, chiedendo agli operatori del settore di fare una scelta a lungo termine. Daum ha dichiarato che le celle a combustibile di Cellcentric sono in grado di lavorare allo stesso modo sia con idrogeno liquido (LH2) che gassoso, in quanto in ogni caso alla cella arriverebbe allo stato gassoso. Tuttavia, le stazioni di rifornimento possono gestire un solo sistema di stoccaggio, ragione per cui il CEO ritiene che sia importante impostare la strada da perseguire per raggiungere l'obiettivo della transizione energetica.

Dal canto suo, invece, Roger Alm CEO di Volvo Trucks non commenta la questione dello stoccaggio, ma sottolinea l'importanza dell'energia sviluppata dall'idrogeno. "Ci aspettiamo che la fornitura di idrogeno ecologico aumenti significativamente nei prossimi anni, poiché molte industrie dipenderanno da esso per ridurre le emissioni di CO2. Non possiamo più ritardare la decarbonizzazione nel settore dei trasporti, perché siamo già in netto ritardo".

Per il momento sia Volvo Trucks che Daimler Trucks prevedono di introdurre i rispettivi modelli nella seconda metà del decennio. Tuttavia, rimane ancora in dubbio l'effettiva finestra di lancio nonostante i primi esemplari arriveranno a breve su strada per i partner che accederanno al progetto pilota.

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie22 Giugno 2022, 16:06 #1
mah.

Quanta autonomia avrebbe con idrogeno "gassoso"?
Strato154122 Giugno 2022, 16:51 #2
Molto bene studi in questa direzione per mezzi di questo tipo , piuttosto di pacchi batterie da tonnellate con tempi di ricarica assurdi per mezzi che devono viaggiare tutto il tempo..
Ragerino22 Giugno 2022, 16:59 #3
Se fa un tamponamento in autostrada, fa un esplosione come un Terminator 3?
Axios200622 Giugno 2022, 18:17 #4
Originariamente inviato da: Ragerino
Se fa un tamponamento in autostrada, fa un esplosione come un Terminator 3?


Con una tonnellata di litio invece ci sono caramelle per tutti...
Notturnia22 Giugno 2022, 21:27 #5
Finalmente qualcosa di intelligente pensato per il nostro mondo è non per il mondo degli unicorni
Ad ogni modo l’Europa sta investendo parecchi per l’idrogeno
Forse si va dalla parte giusta
agonauta7822 Giugno 2022, 21:47 #6
Stiamo tornando al carbone, già la Germania non è d'accordo con l'eliminazione delle auto a combustibile dal 2035. E man mano tutte le nazioni europee andranno nella stessa direzione
ghiltanas22 Giugno 2022, 22:24 #7
Per i mezzi pesanti credo sia la vera strada da percorrere
WarSide23 Giugno 2022, 02:15 #8
Originariamente inviato da: Notturnia
Finalmente qualcosa di intelligente pensato per il nostro mondo è non per il mondo degli unicorni
Ad ogni modo l’Europa sta investendo parecchi per l’idrogeno
Forse si va dalla parte giusta


Peccato che l'idrogeno si estrae ancora in larga parte dal pertrolio. Ci vorrebbero delle centrali nucleari di ultima generazione non solo per produrre corrente, ma anche idrogeno.
Alekx23 Giugno 2022, 08:54 #9
Originariamente inviato da: agonauta78
Stiamo tornando al carbone, già la Germania non è d'accordo con l'eliminazione delle auto a combustibile dal 2035. E man mano tutte le nazioni europee andranno nella stessa direzione


Ma perche' veramente pensate che le auto a combustione moriranno nel 2035 ?

Secondo molti prima del 2050 non sara' possibile fare a meno delle auto a combustione, vedremo gli sviluppi dei prossimi anni.

E poi per l'0estrazione e lo stoccaggio dell'idrogeno ci vuole moooolta energia e podurla pulita la vedo dura.

Secondo me il futuro sara' "misto" tra auto elettriche, endotermiche e a idrogeno.
Notturnia23 Giugno 2022, 11:47 #10
Originariamente inviato da: WarSide
Peccato che l'idrogeno si estrae ancora in larga parte dal pertrolio. Ci vorrebbero delle centrali nucleari di ultima generazione non solo per produrre corrente, ma anche idrogeno.


sei poco aggiornato..
oggi l'idrogeno è prodotto in larga parte come dici te ma stanno lavorando già dal 2022 per iniziare una produzione green di idrogeno e questi veicoli, come il metano che abbiamo a casa, verranno alimentati da idrogeno verde e quindi non da petrolio.
in Grecia stanno iniziando a progettare una centrale di produzione di idrogeno per sfruttare il TAP per l'immissione futura di idrogeno nei metanodotti verso l'Italia.

nel progetto RepowerEU sono investiti molti soldi nell'idrogeno green
è una delle cose intelligenti che hanno fatto visto che l'idrogeno possiamo anche stoccarlo per avere scorte di energia senza dipendere da cina e altre nazioni visto che di acqua ne abbiamo parecchia (in mare)

è un primo passo.. speriamo prenda piede perchè la sudditanza alle pile cinesi non è migliore di quella al metano russo come ha dimostrato la loro amicizia durante l'invasione Ucraina.. da un tiranno ad un altro tiranno non è intelligente.. l'idrogeno è più democratico esistendo ovunque

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^