Batterie e auto elettriche: ecco tutti i rapporti tra fornitori e costruttori. È un mercato enorme

Batterie e auto elettriche: ecco tutti i rapporti tra fornitori e costruttori. È un mercato enorme

Il settore delle batterie per automotive è in fortissima espansione. Ecco un'infografica che rivela tutti i rapporti tra le diverse aziende e i costruttori in tutto il mondo. Una rete fittissima con tanta concorrenza

di pubblicata il , alle 09:47 nel canale Batterie
CATLLGSvoltTeslaPanasonic
 

L'industria automotive teme una perdita di posti di lavoro con il passaggio all'elettrico, ma per tanti settori che rischiano una contrazione, ce ne sono altri che invece aumenteranno il volume d'affari esponenzialmente. Come il mercato delle batterie al litio, che ha già raggiunto un volume enorme e, soprattutto, una rete di rapporti intricatissima tra i diversi protagonisti.

Gli analisti di LMC Automotive ci vengono in aiuto, con un'infografica che illustra tutte le connessioni. Con il grafico scopriamo "chi fornisce cosa a chi", spiegando anche quali chimiche vengono fornite.

Principalmente troviamo le classiche batterie NMC (Nichel-Manganese-Cobalto) e le arrembanti e rivalutate LFP (Litio-Ferro-Fosfato), ma iniziano a vedersi anche le prime NMX, ovvero sempre a base Nichel-Manganese, ma senza il controverso (e costoso) cobalto.

Supply Chain

LMC, diritti riservati. Altri contenuti a questo link

Attivissima sul mercato è LG Chem (ora LG Energy), che ha una miriade di clienti, e sparsi un po' in tutto il mondo, tra cui Volvo, Hyundai, Volkswagen e Ford. Interessante l'impegno di Samsung SDI, che per ora ha snobbato le batterie LFP, ma produce tre tipi diversi di celle a base Nichel, puntando anche sulle NCA, con alluminio al posto del manganese.

Da sottolineare anche come diverse case europee stiano basando la loro produzione su forniture asiatiche, ma si preparano a cambiare puntando sulle nuove gigafactory europee, come quelle di Northvolt, che infatti è già accreditata di accordi con Volvo, Volkswagen e BMW, esclusivamente per celle NMC.

Grandi affari anche per CATL, che contemporaneamente fornisce le sue celle NMC a Stellantis, Daimler, BMW, Fisker, alle quali si vocifera aggiungerà Volvo, Aston Martin, Toyota e Suzuki. Nel frattempo vende anche le LFP a Tesla e alla stessa Fisker, che userà le diverse celle per le diverse fasce di prezzo.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor25 Novembre 2021, 09:59 #1
tra l'altro è un mercato enorme e ancora "sottosviluppato". Mi chiedo come mai non ci si stiano buttando a capofitto un po' tutti (non solo i produttori di auto, penso anche ai Tier One...)
Tedturb025 Novembre 2021, 10:13 #2
Mi sembra stranissimo che Sony non sia della partita
Ago7225 Novembre 2021, 11:03 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
tra l'altro è un mercato enorme e ancora "sottosviluppato". Mi chiedo come mai non ci si stiano buttando a capofitto un po' tutti (non solo i produttori di auto, penso anche ai Tier One...)


Tieni conto che è un mercato con molti brevetti, alla fine devi produrre su licenza, come ad esempio Tesla, e quindi non so quanto convenga. Poi tieni conto che molti mercati sono ciclici, per cui in caso di calo del mercato avresti maggiori costi per via della minor produzione. Meglio appoggiarsi ad aziende esterne che possono mantenere alti livelli di produzione, compensando eventuali cali di un settore, con un altro settore.
zappy25 Novembre 2021, 21:33 #4
pensavo si usassero solo batterie cilindiriche, invece vedo che il settore usa anche prismatiche e a tasca.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^