Amazon scommette sulla mobilità a idrogeno: al via la produzione propria di carburante

Amazon scommette sulla mobilità a idrogeno: al via la produzione propria di carburante

Amazon installa un elettrolizzatore in un magazzino del Colorado per produrre idrogeno e alimentare i suoi veicoli, un passo verso l'obiettivo di azzerare le emissioni anche se per ora non è ancora completamente verde.

di pubblicata il , alle 07:28 nel canale Energie Rinnovabili
Amazon
 

Amazon ha annunciato che inizierà a produrre il proprio idrogeno per alimentare i veicoli nei suoi magazzini. Una mossa audace che potrebbe segnalare una svolta verso l'adozione diffusa dell'idrogeno come carburante più ecologico.

Qualche anno fa sembrava che tutti ne parlassero come la risposta definitiva ai problemi energetici e ambientali. Poi però è calato un po' l'entusiasmo quando si è capito che produrlo in modo realmente ecologico non è facile come sembrava. E in effetti Amazon non sta ancora producendo idrogeno verde al 100%, ma il fatto che ci provi è comunque significativo. Mostra che ci sono grandi aziende disposte a investire per realizzare una realtà, nonostante le difficoltà.

In che modo Amazon produrrà l'idrogeno e perché ha deciso di puntarci

L'idrogeno viene attualmente prodotto principalmente da gas naturale, un processo inquinante. L'alternativa è usare l'elettrolisi, ovvero passare una corrente elettrica attraverso l'acqua per ottenere idrogeno e ossigeno. Se l'elettricità proviene da fonti rinnovabili, è a emissioni zero. Nel dettaglio, Amazon ha installato un elettrolizzatore nel suo centro logistico in Colorado che utilizzerà per rifornire 225 muletti. L'impianto ha il potenziale per supportarne fino a 400.

Finora Amazon si approvvigionava dall'esterno, con tutto l'inquinamento legato a liquefazione e trasporto. Produzione in loco significa evitare questo impatto. In più, se in futuro utilizzeranno energia rinnovabile, l'idrogeno sarà totalmente pulito. Non è un caso isolato. Amazon ha già sostituito i muletti a batteria con quelli a idrogeno in oltre 80 magazzini, grazie alla collaborazione con Plug Power, produttore di celle a combustibile.

L'obiettivo del colosso dell'e-commerce è azzerare le emissioni entro il 2040. E l'idrogeno può aiutarlo nel percorso di decarbonizzazione

L'idrogeno di Amazon non è propriamente verde perché l'elettricità in Colorado viene ancora prodotta prevalentemente da fonti fossili. Inoltre, non tutti sono d'accordo che sia la scelta migliore per i trasporti leggeri, quando le batterie stanno diventando sempre più efficienti ed economiche.

Tuttavia, il gesto ha un forte valore simbolico. La seconda azienda al mondo per fatturato che investe sull'idrogeno manda un segnale potentissimo. Se vuole davvero decarbonizzarsi, dovrà per forza puntare sull'idrogeno verde. E la sua mossa trainante può convincere molti altri giocatori a seguirla.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
berson03 Gennaio 2024, 10:10 #1
Rifornire i muletti che rimangono a pochi metri dall'elettrolizzatore potrebbe anche avere un senso ma non lo definirei "scommettere sull'idrogeno". Se crei una rete di distributori e trasporti grandi quantità di idrogeno a centinaia di km di distanza scommetti sull'idrogeno (e perdi, allo stato delle attuali tecnologie). Io piuttosto scommetto che non appena il costo delle batterie diminuirà sotto una certa soglia e la velocità di ricarica aumenterà, Amazon inizierà ad usare solo muletti elettrici.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^