Fotovoltaico galleggiante insieme a diga e bacino idrico, la soluzione geniale in Portogallo

Fotovoltaico galleggiante insieme a diga e bacino idrico, la soluzione geniale in Portogallo

Sta per entrare in funzione il parco fotovoltaico galleggiante più grande d'Europa, e porta anche una ulteriore innovazione: si trova nel bacino di una diga e i sistemi sono collegati

di pubblicata il , alle 10:20 nel canale Energie Rinnovabili
 

Nel sud del Portogallo, precisamente ad Alentejo, sta per entrare in funzione il parco fotovoltaico galleggiante più grande d'Europa. Già questo basterebbe per renderlo un progetto degno di nota, ma c'è di più. I pannelli galleggianti si trovano infatti sulle acque di un bacino artificiale, il lago Alqueva, creato dall'omonima diga sul fiume Guadiana.

Il parco solare è grande come quattro campi da calcio, ed è costituito da circa 12.000 pannelli fotovoltaici, in grado di generare fino a 7,5 GWh all'anno, grazie ad una potenza di 5 MW. All'impianto saranno collegate anche batterie al litio per accumulo, per una capacità totale di 2 GWh. L'energia così prodotta avrà un costo pari a circa un terzo dell'equivalente generato con centrali a gas. Fin qui sembrerebbe un normale impianto, che semplicemente sfrutta una superficie altrimenti inutilizzata, cosa lo rende dunque speciale?

Alqueva

La scelta di posizionare un parco solare galleggiante nel bacino idrico di una diga consente di collegare la produzione fotovoltaica all'impianto già esistente, a sua volta connesso alla rete elettrica di distribuzione. La combinazione tra fotovoltaico e diga inoltre risolve il problema dell'intermittenza di produzione del solare.

In caso di produzione solare in eccedenza, il delta di energia viene utilizzato per pompare più acqua nel bacino idrico, che così acquisisce più energia potenziale, sfruttata per maggiore generazione in caso di maltempo o nelle ore notturne. La diga dunque, oltre ad essere maggiormente sfruttata come superficie, si trasforma anche in un gigantesco accumulo energetico.

Grazie a progetti come questo la EDP, principale società di servizi pubblici del Portogallo, punta a raggiungere una produzione net zero entro il 2030, e già oggi ha il 78% da energie rinnovabili.

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino10 Maggio 2022, 10:23 #1
Sarei curioso di conoscere i costi di manutenzione
Paganetor10 Maggio 2022, 10:25 #2
mica male come idea, dopotutto la superficie di un bacino artificiale non viene sfruttata in altri modi!
LB210 Maggio 2022, 10:26 #3
Originariamente inviato da: Ragerino
Sarei curioso di conoscere i costi di manutenzione


sempre meno di quelli causati dal cambiamento climatico
Utonto_n°110 Maggio 2022, 10:34 #4
una cosa non citata nell'articolo: uno dei vantaggi di questa tipologia di impianti, è la possibilità di raffreddare i pannelli solari con l’acqua che sta sotto, perchè, uno dei problemi del fotovoltaico è il surriscaldamento e la conseguente perdita di efficenza
Esagerao10 Maggio 2022, 10:43 #5
Quindi niente pesca sportiva
SpyroTSK10 Maggio 2022, 10:52 #6
Originariamente inviato da: Esagerao
Quindi niente pesca sportiva


Se è pesca sportiva, ci sono i laghi appositi con l'allevamento

Comunque, questa soluzione l'avevo pensata molto tempo fà sul letto del fiume Tagliamento (però con struttura fissa tipo ponte, quindi non galleggiante) visto l'inutilizzo del territorio e inoltre non essendoci fauna acquatica, sarebbe l'ideale.

Oppure, visto che ci sono parecchi Km di binari lasciati in disuso (magari a lato delle strade esistenti), perché non le convertono in piste ciclabili oppure in file di Km di pannelli solari?
https://www.ferrovieabbandonate.it/
Sp3cialFx10 Maggio 2022, 10:56 #7
Originariamente inviato da: Ragerino
Sarei curioso di conoscere i costi di manutenzione


costi di manutenzione dei pannelli solari?

centrale idroelettrica: organi meccanici in movimento, complessità bassa, basse temperature => richiede poca manutenzione
centrale termoelettrica: organi meccanici in movimento, complessità alta, alte temperature => richiede un tot di manutenzione
pannelli solari: no organi meccanici in movimento => manutenzione minima

se estendi la domanda anche al pompaggio idroelettrico... lo fanno già dappertutto
demon7710 Maggio 2022, 11:05 #8
Originariamente inviato da: Ragerino
Sarei curioso di conoscere i costi di manutenzione


Sicuramente minimi rispetto all'energia extra prodotta.
omerook10 Maggio 2022, 11:11 #9
...e visto che sono circondati dall' acqua si potrebbe integrare anche un sistema di autolavaggio per mantenere i pannelli puliti ed efficienti!
randorama10 Maggio 2022, 11:33 #10
e, immagino, la copertura riduce anche la quantità di acqua che evapora...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^