Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Fotovoltaico nel mondo: record di installazioni nel 2023, soprattutto grazie alla Cina

Fotovoltaico nel mondo: record di installazioni nel 2023, soprattutto grazie alla Cina

Il 2023 si chiude con il record di installazioni mondiali, me mentre in Cina si fanno grandi numeri, il mercato europeo è in calo

di pubblicata il , alle 17:15 nel canale Energie Rinnovabili
 

Era evidente dai numeri della prima metà dell'anno che il 2023 sarebbe stato un anno molto importante per il mercato fotovoltaico, ma ora, a un mese dalla fine della tornata, è chiaro che si tratterà di un record di installazioni abbastanza importante a livello globale.

Secondo il rapporto BNEF (BloombergNEF) del quarto trimestre, il 2023 dovrebbe chiudersi con nuove installazioni di fotovoltaico pari a 413 GW di potenza, a livello globale. Per capire la portata del record, nel 2022 questo dato si era fermato a 240 GW.

Un aumento davvero notevole, dove la Cina gioca un ruolo fondamentale. Il Paese asiatico, da solo, dovrebbe arrivare proprio a quota 240 GW, l'equivalente mondiale dello scorso anno, raddoppiando le nuove installazioni locali.

Fotovoltaico 2023

Altri mercati invece segnano una crescita meno marcata, dopo che le installazioni erano state spinte dalla crisi energetica, che viene considerata ormai superata. Ci sono però 33 nazioni che installano più di 1 GW ogni anno, ed il prezzo dei pannelli fotovoltaici è calato, arrivando addirittura al livello più basso di sempre.

I moduli costano ora 0,128 dollari per watt, e potrebbero scendere ancora di poco. Tuttavia il calo di richiesta in alcuni mercati, come quello europeo, ha generato accumulo di scorte, e la produzione elevata, sempre dalla Cina, causerà probabilmente nel 2024 una feroce competizione, che potrebbe portare anche alcune aziende ad abbandonare il settore. La capacità produttiva in questo momento è circa il doppio del record appena registrato, e la domanda dunque sarà di gran lunga inferiore all'offerta, a meno che nel frattempo non succeda qualche altra crisi tale da sparigliare le carte in tavola.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
najmarte30 Novembre 2023, 17:30 #1
0,128 dollari per watt all'ingrosso e al netto delle imposte, immagino, no?
ilariovs30 Novembre 2023, 17:42 #2
413 GWp alla media italiana circa 460TWh, il consumondella Francia... in solo annon e si solo FV, manca eolico, idroelettrico, geotermico, biomasse...

Ah, dimenticavo solo 2GW di carbone...
hackaro7530 Novembre 2023, 19:55 #3
notizie belle! :-)
Notturnia30 Novembre 2023, 20:07 #4
Originariamente inviato da: ilariovs
413 GWp alla media italiana circa 460TWh, il consumondella Francia... in solo annon e si solo FV, manca eolico, idroelettrico, geotermico, biomasse...

Ah, dimenticavo solo 2GW di carbone...


Hanno dimenticato di comunicare la nuova potenza installa di centrali a carbone e la nuova capacità di produzione da centrali a carbone che la Cina ha messo.. da far impallidire quel poco FV che hanno installato in confronto.. ma forza a fare pubblicità al primo inquinatore al mondo.. due volte peggiore dell’USA.. il che è tutto dire..
StefanoA01 Dicembre 2023, 07:58 #5
Originariamente inviato da: Notturnia
ma forza a fare pubblicità al primo inquinatore al mondo.. due volte peggiore dell’USA.. il che è tutto dire..


non ho capito che pubblicità sarebbe stata fatta... è un fatto o no che hanno installato una certa potenza FV? questo non è di per se qualcosa che produrrà un certo quantitativo di elettricità *non* da fonti fossili?

poi se vogliamo andare a vedere il consumo e l'inquinamento prodotti dalle nazioni bisognerebbe considerare anche altri due fattori
-la popolazione, e quindi valutare il consumo/inquinamento per persona più che quello complessivo per paese
-che una bella fetta del consumo/inquinamento Cinese deriva dalla produzione di beni esportati e utilizzati in altri paesi, quindi diciamo così "per procura"
Notturnia01 Dicembre 2023, 11:28 #6
Originariamente inviato da: StefanoA
non ho capito che pubblicità sarebbe stata fatta... è un fatto o no che hanno installato una certa potenza FV? questo non è di per se qualcosa che produrrà un certo quantitativo di elettricità *non* da fonti fossili?

poi se vogliamo andare a vedere il consumo e l'inquinamento prodotti dalle nazioni bisognerebbe considerare anche altri due fattori
-la popolazione, e quindi valutare il consumo/inquinamento per persona più che quello complessivo per paese
-che una bella fetta del consumo/inquinamento Cinese deriva dalla produzione di beni esportati e utilizzati in altri paesi, quindi diciamo così "per procura"


hai ragione, guardiamo solo il decimo di bicchiere che ci fa piacere e pensiamo solo alla spolverata di FV che hanno montato e non al fatto che è irrilevante se confrontato con gli altri investimenti non green che sono stati fatti..

fermiamoci solo alle apparenze e continuiamo a parlare della loro grande popolazione e non del fatto che essendo la nazione più ricca al mondo potrebbero anche usare i soldini meglio o che hanno detto che alla decarbonizzazione ci penseranno 10-20 anni dopo degli altri

guardiamo solo la copertina e gioiamo che stanno facendo "niente" ma lo fanno con stile
Tom & Jerry01 Dicembre 2023, 11:56 #7

@ Massimiliano Zocchi - Titolo errato - Europa + installazioni

Non mi risulta che il mercato europeo sia in calo,
mentre il titolo direbbe l'opposto; è diverso dal discutere se i venditori abbiano fatto scorte più alte

suggerisco di verificare e nel caso correggere

anzi le installazioni di FV in Europa sono cresciute guardando i dati 2023 vs 2022 trimestre su trimestre

si vede già dai grafici del citato rapporto di Bloomberg, oppure googlando, quest'anno in europa:

- nel 2022 +41 GW nominali di FV
- nel 2023 +60 GW circa di FV (dati esatti a gennaio)

lo stesso vale per l'eolico installato in europa:

- nel 2022 erano +19 GW
- nel 2023 dovrebbero essere tra +30 e +35 GW
(già solo la Germania pare ne ha installati +19 GW)




Tom & Jerry01 Dicembre 2023, 12:31 #8

Capire i dati della Cina

Per la Cina bisogna guardare i trend per non tirare conclusioni ingannevoli

In Cina ci sono più trend contemporanei solo in apparenza in contraddizione:

- aumentando molto il fabbisogno di energia totale per elettrificare più servizi, con una crescita continua di potenza elettrica sino oltre il 2030

- l'elettrificazione aumenta la potenza elettrica ma fa calare il consumo di energia primaria e quindi le emissioni di Co2 annue per abitante; inoltre il passsaggio alle rinnovabile fa calare anche l'intensità carbonica nello specifico del kwh elettrico

- sta correndo con le rinnovabili (e PER ORA anche con l'aggiunta/aggiornamento/sostituzione delle centrali a carbone con impianti a più alto rendimento al posto di quelle in dismissione più vecchie a basso rendimento) per ridurre le emissioni carboniche

- il picco delle emissioni totali di Co2 non coincide con il picco della potenza, ma lo precede negli anni, e sarebbe previsto al 2025, la previsione balla tra 2024 e 2027

- l'intensità carbonica per KWh elettrico della Cina è già scesa molto rispetto ai luoghi comuni, nel 2023 potrebbe essere sotto i 500 gr di Co2.eq per kwh, e scende molto ogni anno

- al momento le emessioni di Co2 della Cina annue per abitanti sono circa uguali a quelle dell'Europa, oivvero circa 8 tonnellate di Co2 annue per abitante, e questo valore rappresanta già all'incirca il picco massimo

- ricordiamo anche che parte dei nostri prodotti li facciamo fabbricare in Cina, e nonostante questo aritificio le emissioni per abitante in Cina sono pari alla media europea

- in Cina le quote di rinnovabile stannno crescendo a ritmi vertiginosi, più delle quote del carbone, che anzi nei prossimi anni avranno l'inversione di tendenza

===========================================================

Ognuno può farsi un'idea degli andamenti partendo da qualche dato

Dal 2012 al 2022

1970 emissioni annue Co2 per abitante 1 ton
1990 emissioni annue Co2 per abitante 2.2 ton

2006 Co2 per KWh=678.gr - emiss.per.abitante 4 ton (crescita industriale)

2008 pot. media 400.GW (_17% rinnovabili) 650.gr -
2012 pot. media 500.GW (_20% rinnovabili) 638.gr - 6 t pro capite
2022 pot. media 1000.GW (_30% rinnovabili) 531.gr - 8t pro capite
2028-2030 p.med. 1375.Gw (_40% rinnovabili) 430.gr - 7t pro capite

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^