Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

La Germania vuole abbassare il costo dell'energia rinnovabile aumentando gli investimenti nel settore

La Germania vuole abbassare il costo dell'energia rinnovabile aumentando gli investimenti nel settore

Secondo il Cancelliere tedesco Olaf Scholz per abbassare il costo dell'energia è necessario aumentare gli investimenti, non i sussidi alle famiglie

di pubblicata il , alle 12:49 nel canale Energie Rinnovabili
 

Davanti all'aumento del costo dell'energia, una strategia messa in campo in modo quasi automatico dai Governi è quello di elargire sussidi economici a favore delle fasce più vulnerabili della società.

Secondo il Cancellerie tedesco Olaf Scholz, però, questa non può essere la soluzione giusta, perché non risolve in alcun modo il problema.

Energia rinnovabile Germania

Il punto focale, secondo il Premier, non è pagare la bolletta, ma abbassare il costo unitario dell'energia prodotta e, come insegna l'industria, il modo corretto per farlo è aumentare gli investimenti nel settore in modo da sfruttare a proprio favore l'economia di scala.

Energia rinnovabile Germania

Il parere contrapposto del Ministero dell'Economia.

Al piano Scholz si contrappone quello del Ministro dell'economia tedesco, Robert Habeck dei Verdi, che questa settimana ha pubblicato un piano per un prezzo agevolato di 6 centesimi per chilowattora [kWh] fino al 2030.

Habeck ha affermato che tale sussidio comporterebbe una spesa per il Governo tedesco compresa fra i 25 e i 30 miliardi di euro [stando agli attuali prezzi di mercato].

La sua proposta è stata immediatamente messa in discussione dal Ministero delle Finanze, guidato da Wolfgang Schäuble [appartenente alla medesima coalizione del Cancelliere] che ha tuonato come manchi il budget per tale manovra.

"Ci sono già regioni oggi in cui la produzione di energia è economica come vogliamo che sia, in modo che le operazioni industriali possano prevalere sulla concorrenza globale senza sussidi", ha dichiarato Scholz, interrogato in merito alla vicenda e alle possibili soluzioni per abbassare il prezzo dell'energia.

Energia rinnovabile Germania

Il Cancelliere ha poi aggiunto come sia necessario portare ogni regione tedesca ai medesimi livelli di costi unitari dell'energia, in modo da fortificare la propria industria, a sua volta colpita duramente dall'aumento delle bollette.

La via maestra, secondo Scholz, sono gli investimenti nel settore delle rinnovabili, soprattutto all'indomani della chiusura delle ultime centrali nucleari tedesche.

"Sappiamo già oggi che domani avremo prezzi dell'energia via via più bassi rispetto a quelli odierni, ma solo una volta raggiunto il nostro obiettivo che vede le energie rinnovabili dominanti nella produzione di elettricità in Germania"

Energia rinnovabile Germania

In aggiunta, la linea d'azione intrapresa da Scholz comporterà anche una maggiore crescita occupazionale tedesca, diminuendo considerevolmente la povertà energetica all'interno della Germania, cosa che, al contrario, l'elargizione di sussidi non otterrebbe.

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Hiei360008 Maggio 2023, 14:08 #1
Quindi (come al solito) creano l'illusione che una cosa è più economica delle altre drogando i prezzi usando i soldi delle tasse dei cittadini - che ovviamente finiscono per pagare comunque il prezzo pieno, ma solo indirettamente.

Inoltre, se questi investimenti proposti fossero veramente convenienti, non si sarebbero già fatte avanti le banche? solitamente tutto quello che finanzia lo stato è (quando va bene) a rendimento zero perché se una cosa conviene sono direttamente i privati che tirano fuori i soldi
phmk08 Maggio 2023, 14:10 #2

Ma non era ....

Il metano ti dà una mano ??
Giulia.Favetti08 Maggio 2023, 14:28 #3
Originariamente inviato da: Hiei3600
Quindi (come al solito) creano l'illusione che una cosa è più economica delle altre drogando i prezzi usando i soldi delle tasse dei cittadini - che ovviamente finiscono per pagare comunque il prezzo pieno, ma solo indirettamente.

Inoltre, se questi investimenti proposti fossero veramente convenienti, non si sarebbero già fatte avanti le banche? solitamente tutto quello che finanzia lo stato è (quando va bene) a rendimento zero perché se una cosa conviene sono direttamente i privati che tirano fuori i soldi


Puoi argomentare, visto che sostieni che lo abbiano fatto in precedenza?

In un altro articolo ho parlato degli investimenti energetici in Italia da parte di aziende straniere (parchi eolici e solari che nasceranno nel nostro meridione) e qualcuno ha fatto - più o meno giustamente - notare le insidie del mettere in mano a privati asset vitali come quelli della produzione di energia.

Adesso tu sostieni che investire a livello statale in tal senso sia stupido, come mai?

Fra l'altro non capisco perché tanta acredine: vivi in Germania per caso?
Unrue08 Maggio 2023, 14:32 #4
Concordo, i sussidi vanno bene per interventi brevi e puntuali. Quando diventano permanenti non risolvono un bel nulla.
Hiei360008 Maggio 2023, 14:36 #5
Originariamente inviato da: Giulia.Favetti
Puoi argomentare, visto che sostieni che lo abbiano fatto in precedenza?


Governi che danno incentivi a determinate cose per dare l'illusione che siano più economiche di quanto non lo siano? non è una cosa che fanno da secoli?

Originariamente inviato da: Giulia.Favetti
In un altro articolo ho parlato degli investimenti energetici in Italia da parte di aziende straniere (parchi eolici e solari che nasceranno nel nostro meridione) e qualcuno ha fatto - più o meno giustamente - notare le insidie del mettere in mano a privati asset vitali come quelli della produzione di energia.

Adesso tu sostieni che investire a livello statale in tal senso sia stupido, come mai?


Perché devo rendere conto di quello che ha detto qualcun altro? comunque sono d'accordo che certi asset strategici non possono essere messi in mano ai privati senza le dovute regolamentazioni, così come è anche vero che notoriamente lo stato è un pessimo manager delle cose pubbliche, ma per anche solo provare a proporre una soluzione per quello ci vorrebbe scrivere interi libri e proprio non mi va.

Originariamente inviato da: Giulia.Favetti
Fra l'altro non capisco perché tanto acredine: vivi in Germania per caso?


No & non ci vorrei vivere comunque
Giulia.Favetti08 Maggio 2023, 14:46 #6
Originariamente inviato da: Hiei3600
Governi che danno incentivi a determinate cose per dare l'illusione che siano più economiche di quanto non lo siano? non è una cosa che fanno da secoli?



Ma hai capito cosa vogliono fare? Costruire un parco eolico offshore (per dirne una) produrrà energia verde locale per decine di anni.

E' un investimento, non un incentivo.

Non si crea nessuna illusione anche perché (forse questo ti è sfuggito) Scholz non ha detto "diamo tot milioni di euro di incentivi a chi costruire un parco eolico/solare/eccetera".

Quindi continuo a non capire il tuo POV, onestamente, tanto più che stiamo parlando di energia, un bene primario al pari dell'acqua.

Non è qualcosa che puoi decidere di non acquistare.

A monte non c'è alcuna illusione di economicità, che tu invece ci vedi.
Hiei360008 Maggio 2023, 15:01 #7
Originariamente inviato da: Giulia.Favetti
Ma hai capito cosa vogliono fare? Costruire un parco eolico offshore (per dirne una) produrrà energia verde locale per decine di anni.

E' un investimento, non un incentivo.


Al piano Scholz si contrappone quello del Ministro dell'economia tedesco, Robert Habeck dei Verdi, che questa settimana ha pubblicato un piano per un prezzo agevolato di 6 centesimi per chilowattora [kWh] fino al 2030.

Habeck ha affermato che tale sussidio comporterebbe una spesa per il Governo tedesco compresa fra i 25 e i 30 miliardi di euro [stando agli attuali prezzi di mercato].


Quindi il premier dice una cosa ma il ministro dell'economia ne dice un'altra? prezzo agevolato di solito significa incentivi, poi non lo so cosa intendeva in questo preciso contesto.
Notturnia08 Maggio 2023, 15:16 #8
dopo anni di carbone e prezzi bassi grazie ad esso adesso stanno perdendo lo scettro e guarda come si reinventano.. ACH qvesti cvucchi...

sono sempre stati forti con la gestione dei costi di energia elettrica in germania e non si smentiscono, strano che stiano litigando sul come spendere i soldi fra sovvenzione (come proposto dal ministro dell'Economia sulla riga di quello che hanno fatto fino a ieri) e investimenti (che poi magari non faranno in modo diretto per evitare le leggi sugli aiuti di stato e il "drogaggio" del mercato.. regola fatta da loro contro l'Italia anni fa che adesso rischia di ritorcerglisi contro..

ma sono teteschi.. capiranno come fare.. hanno fatto loro le regole del gioco..
azi_muth08 Maggio 2023, 15:29 #9
Veramente non mi sembra ne abbiano azzeccata una.
Si sono legati mani e piedi al gas di Putin aprendo una autostrada all'influenza russa sulla Germania e l'Europa e sappiamo come è andata a finire.
Hanno spento centrali nucleari perfettamente funzionanti e sicure sostituendole con le centrali a carbone aumentando le emissioni di Co2 nonostante abbiamo continuato ad espandere il parco energetico di rinnovabili diventando tra i maggiori inquinatori d'Europa e in tutto questo il costo energetico tedesco è salito.
Ma che strano...
Meno male che ci sono i verdi al governo...
Giulia.Favetti08 Maggio 2023, 16:11 #10
Originariamente inviato da: Hiei3600
Quindi il premier dice una cosa ma il ministro dell'economia ne dice un'altra? prezzo agevolato di solito significa incentivi, poi non lo so cosa intendeva in questo preciso contesto.



Non hai capito.

Il ministro dell'economia ha proposto dei sussidi per abbassare il costo dell'energia in bolletta con lo Stato che mette la differenza fra i 0,06 euro a kWh per i prossimi sette anni [ndr, sperando che le cose migliorino da sole].

Scholz invece vuole investire nelle FER.

Sono due cose diverse, non capisco come tu le stia mettendo assieme, soprattutto quando - permettimi - l'ho scritto chiaramente:

Il parere contrapposto del Ministero dell'Economia.
Al piano Scholz si contrappone quello del Ministro dell'economia tedesco, Robert Habeck dei Verdi, che questa settimana ha pubblicato un piano per un prezzo agevolato di 6 centesimi per chilowattora [kWh] fino al 2030.

Habeck ha affermato che tale sussidio comporterebbe una spesa per il Governo tedesco compresa fra i 25 e i 30 miliardi di euro [stando agli attuali prezzi di mercato].

La sua proposta è stata immediatamente messa in discussione dal Ministero delle Finanze, guidato da Wolfgang Schäuble [appartenente alla medesima coalizione del Cancelliere] che ha tuonato come manchi il budget per tale manovra.


Al massimo possiamo discutere su come sia possibile che Habeck [che appartiene ai verdi] preferisca far uscire vagonate di miliardi per nulla al posto di investirli nelle rinnovabili.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^