Nissan porta al CES la realtà aumentata per le automobili

Nissan porta al CES la realtà aumentata per le automobili

Reinterpretare in forma grafica i dati raccolti dai sensori per la guida autonoma: in questo modo si può realizzare un livello informativo per un'esperienza di guida più consapevole e sicura

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Infotainment
Nissan
 

La presenza di Nissan al CES ci suggerisce in quale direzione si sta muovendo l'evoluzione tecnologica legata al mondo dell'automobile. Con la demo Invisible-to-Visibile Nissan mostra un esempio di automobile del futuro che fondendo reale e virtuale promette di offrire un'esperienza di guida più consapevole e, in ultima istanza, più sicura.

Il concetto di base è quello di sfruttare tutto ciò che viene recepito dai sensori normalmente utilizzati per la guida autonoma o assistita, quindi le immagini di telecamere, sensori radar e lidar, informazioni recuperate dai sistemi di connettività e via dicendo, e tramutarli in elementi grafici da mostrare in un livello sovraimpresso alla realtà per arricchire quest'ultima di informazioni.

Si tratta, in altri termini, di realtà aumentata per il mondo automobilistico. Nissan afferma che sono percorribili due strade: o integrare le informazioni in un parabrezza "smart", oppure sfruttare - se dovessero prendere piede - gli smart glass tipo Google Glass e, in un futuro un po' più distante, le lenti a contatto smart.

[HWUVIDEO="2673"]Nissan porta al CES la realtà aumentata per le automobili[/HWUVIDEO]

Roberto ha provato la demo e ci racconta nel video le possibilità di impiego di questa tecnologia!

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gatsu.l12 Gennaio 2019, 17:05 #1
Scusate ma che senso hanno queste tecnologie applicate in ambito automezzi SE il futuro sono i veicoli a "guida autonoma";
la realtà aumentata avrà vita breve se non nulla per fare un paragone un pò come le linee telefoniche ISDN presentate come il futuro (quando la presentarono i modem viaggiavano a 10kb/s contro 128kb/s) arrivate sul mercato talmente in ritardo e con costi talmente elevati che si passò direttamente alla tecnologia DSL;
ecco ho l'impressione che tale tecnologia avrà lo stesso impatto del ISDN ovvero verrà applicata unicamente ad auto di alta fascia in attesa di eliminare i volanti dalle auto.
Ovvio questo discorso si annulla nel caso che NISSAN sia convinta che la guida autonoma, a livello pratico, sia irrealizzabile e quindi la realtà aumentata sia il futuro, ma sinceramente mi pare una c....ta.
andrears25012 Gennaio 2019, 17:12 #2
si potrebbe fare anche ora, rimane il grosso problema del campo visivo e del proiettare le informazioni seguendo il fuoco del guidatore.
thecatman12 Gennaio 2019, 22:38 #3
la macchina è bella proprio perchè la guidi.
gsorrentino13 Gennaio 2019, 12:39 #4
Originariamente inviato da: andrears250
si potrebbe fare anche ora, rimane il grosso problema del campo visivo e del proiettare le informazioni seguendo il fuoco del guidatore.


Se vedi il filmato la proiezione è sulle lenti che ha addosso il guidatore.
E' quindi facilissimo sapere dove sta puntando con la testa e dove sono le pupille...
blobb13 Gennaio 2019, 12:45 #5
domanda... ma non è che troppe informazioni mettono in difficoltà il guidatore??
è come guidare un aereo da caccia sofisticato
andrears25013 Gennaio 2019, 17:27 #6
Originariamente inviato da: gsorrentino
Se vedi il filmato la proiezione è sulle lenti che ha addosso il guidatore.
E' quindi facilissimo sapere dove sta puntando con la testa e dove sono le pupille...


appunto, è un enorme limite.. visto anche la fine che hanno fatto i glass.
cdimauro13 Gennaio 2019, 17:33 #7
Originariamente inviato da: blobb
domanda... ma non è che troppe informazioni mettono in difficoltà il guidatore??
è come guidare un aereo da caccia sofisticato

L'obiettivo, invece, è l'esatto contrario: arricchire ciò che il guidatore osserva normalmente durante la guida (NON mi riferisco al cruscotto o altro, ma al vetro) in modo da evitare che distolga lo sguardo dalla guida e che, quindi, possa avere/provocare incidenti causa distrazione.

Usando l'Head-up display della mia auto ormai vedo riflessi sul vetro le informazioni più importanti (incluse le indicazioni del navigatore), e posso anche scegliere/cambiare traccia audio senza distogliere assolutamente lo sguardo dalla strada.
Credimi: è una gran comodità e mi sento più sicuro. Quando torno a guidare altre auto che non ce l'hanno è la cosa di cui sento più il bisogno.
Flortex13 Gennaio 2019, 17:39 #8
Originariamente inviato da: thecatman
la macchina è bella proprio perchè la guidi.


Esatto.

Peraltro la guida autonoma, per essere realmente un miglioramento (fermo restando che non si esce dalla frase che hai affermato, in ogni caso), ha bisogno ancora di molto molto tempo, nonostante le fesserie che ci raccontano.

Al contrario, ogni genere di assistenza alla guida può aiutare a ridurre i punti deboli umani, mantenendone i pregi (che sono molti, e difficilmente replicabili).
Cappej14 Gennaio 2019, 08:57 #9
Originariamente inviato da: thecatman
la macchina è bella proprio perchè la guidi.


Punti di vista... Io preferirei dormire un'ora in più nel tragitto lavoro casa o rispondere alle email o 1000 altre cose anziché "buttare" 2 ore al giorno nel dover guidare.
Aspetto a gloria l'auto-guida (ad un prezzo decente), e se potessi permettermelo, mi prenderei un NCC con autista!
Imho
Mparlav14 Gennaio 2019, 09:25 #10
Originariamente inviato da: thecatman
la macchina è bella proprio perchè la guidi.


Dipende dalle situazioni.
Guidare quando sei imbottigliato nel traffico penso che non piaccia a nessuno, tant'è che una bella fetta di automobilisti sfrutta oggi quel tempo per smanettare sullo smartphone, facendo perderne dell'altro (tipo quando sono fermi al semaforo, quando scatta il verde, aspettano il clacson di quelli dietro perchè sono troppo "impegnati".

Con la guida autonoma, quanto meno aumenterà la sicurezza propria ed altri in quelle situazioni ed avrà tempi di reazione adeguati.

Da tempo ci sono auto con cruise control, mantenimento automatico della distanza e della corsia e frenata d'emergenza, proprio perchè anche guidare in autostrada evidentemente non è visto come una attività così piacevole.

E sappiamo bene che ciò che non è piacevole, diventa facilmente noioso e di conseguenza pericoloso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^