Vi piace l'OLED? La nuova Cadillac Escalade 2021 ha un P-OLED da 38 pollici al posto del cruscotto

Vi piace l'OLED? La nuova Cadillac Escalade 2021 ha un P-OLED da 38 pollici al posto del cruscotto

Ora la nuova Cadillac Escalade 2021 debutta con la tecnologia P-OLED di LG Electronics, inaugurando il primo utilizzo in assoluto di un display OLED curvo in un veicolo di serie. Il cruscotto vede la presenza di un lunghissimo display da ben 38 pollici, composto da tre display P-OLED separati, il più grande dei quali misura 16,9 pollici

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Infotainment
LG
 

La rivoluzione dell'OLED entra anche in auto. Per essere precisi quella del P-OLED, o Plastic Organic LED, tecnologia sviluppata da LG per creare pannelli OLED flessibili. I display digitali stanno portando un'importante rivoluzione all'interno dell'abitacolo delle auto, dove elementi come tachimetro e contagiri sono sempre di più sostituiti da grossi display LCD che li riproducono in forma grafica assieme al resto delle spie e delle informazioni del cruscotto.

Il sogno di ogni designer automobilistici è quello di poter piegare tutti i materiali per rendere il cruscotto un vero e proprio elemento avvolgente, con fulcro il guidatore: questo è ancora più vero se parliamo dei display che hanno sostituito gli indicatori analogici, che stanno negli anni aumentando di dimensioni.

Ora la nuova Cadillac Escalade 2021 debutta con la tecnologia P-OLED di LG Electronics, inaugurando il primo utilizzo in assoluto di un display OLED curvo in un veicolo di serie. Il cruscotto vede la presenza di un lunghissimo display da ben 38 pollici, composto da tre display P-OLED separati, il più grande dei quali misura 16,9 pollici. I tre schermi curvi compongono l’Instrument Panel Cluster (IPC), quadro strumenti da cui è possibile visionare le informazioni di base relative al veicolo, e l’Integrated Central Stack (ICS) che funge da display di infotainment per contenuti audio, video e di navigazione.

L'elevato rapporto di contrasto dei pannelli OLED, unito alla saturazione dei colori, dovrebbe rendere questo nuovo cruscotto digitale più realistico di quelli che attualmente utilizzano pannelli LCD, che non riescono a ingannare del tutto l'occhio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bartsimpson09 Febbraio 2020, 09:59 #1
Non sono soggetti al burn in questi display?
pipperon09 Febbraio 2020, 10:57 #2
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Non sono soggetti al burn in questi display?


e' piu' una leggenda che una realta': in tali condizioni mi fa piu' specie le T raggiunte che un improba leggera ombra sul tachimetro derivata da decine di migliaia di ore di viaggio a mezzogiorno (modulano, ricordi?).

Se poi aggiungiamo che molti LCD retroilluminati a LED hanno problemi ai fosfori MOLTO prima di poter notare un degrado in un OLED capiamo che e' un nonsense.

d'altronde chi e' indietro nella tecnologia come i coreani e i cinesi hanno spesso fatto circolare notizie bizzarre come:
Il gas da pompare nei plasma
Chiamare LED gli LCD cosi' da bloccare i LED
chiamare dLED i quantum dot (un superset degli LCD) per bloccare i LED

Ovviamente con il fallimento di Kodak e l'aspirazione della cenere anche gli inutili coreani hanno gli o-LED: LG quelli che erano sul mercato nel 1999 di kodak, samsugo uno split meno convincente di philips da usarsi come lampadine.

Vi e' da chiedere se esistera' mai una nuova tecnologia vito che un prodotto migliore al consumatore sembra non interessare.

Dare i pollici su formati diversi e' un pochetto (fate il gesto del badile che sazia una locomotiva) da strz: sembra grandissimo ma in realta' sara' intorno ai 20", un 40" e' 4 volte tanto.

Si reitera il 16/9 che oltre a venire venduto ingannevolmente per "formato cinema" dai leader inutili di oggi era spinto come "guarda un grande 37" " ma in realta era molto piccolo rispetto ad un 37" 4/3 (e lasciamo perdere la misera dimensione nel guardare una trasmissione 4/3)
tallines09 Febbraio 2020, 18:28 #3
A me piace
BVS09 Febbraio 2020, 22:06 #4
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Non sono soggetti al burn in questi display?


emiliano8410 Febbraio 2020, 06:33 #5
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Non sono soggetti al burn in questi display?


Divertente leggere i diversi tipi di risposte, una ben argomentata


Originariamente inviato da: pipperon
e' piu' una leggenda che una realta': in tali condizioni mi fa piu' specie le T raggiunte che un improba leggera ombra sul tachimetro derivata da decine di migliaia di ore di viaggio a mezzogiorno (modulano, ricordi?).

Se poi aggiungiamo che molti LCD retroilluminati a LED hanno problemi ai fosfori MOLTO prima di poter notare un degrado in un OLED capiamo che e' un nonsense.

d'altronde chi e' indietro nella tecnologia come i coreani e i cinesi hanno spesso fatto circolare notizie bizzarre come:
Il gas da pompare nei plasma
Chiamare LED gli LCD cosi' da bloccare i LED
chiamare dLED i quantum dot (un superset degli LCD) per bloccare i LED


L'altra un po meno :-)

Originariamente inviato da: BVS
BVS10 Febbraio 2020, 19:09 #6
Originariamente inviato da: emiliano84
Divertente leggere i diversi tipi di risposte, una ben argomentata




L'altra un po meno :-)


Il mio messaggio contiene tutte le informazioni necessarie e sufficienti per rispondere alla domanda all inizio del thread
Volevo aggiungere " e pure tanto " ma temevo di diventare prolisso

A me interessa più la divergenza di opinione con emiliano84, potrei dire, tagliando corto, che il burn in è una costante con cui ci si puo fare poco, ma nell esempio degli LCD sta paragonando schermi oled stressati per migliaia di ore in condizioni controllate a lcd da cruscotto da quattro soldi, progettati male, montati peggio e sottoposti a calore, vibrazioni, umidità perché diciamocelo le automobili sono un posto pessimo per mettere dell elettronica ma in questo caso particolare quello del burn in potrebbe essere un problema secondario perché questa auto non è stata progettata per circolare, non è un auto da uso ne intensivo tantomeno moderato, non è da collezione chiunque la ̶c̶o̶m̶p̶r̶ prenderà in leasing, la darà via prima ancora che si inizi a rovinare lo schermo
amd-novello10 Febbraio 2020, 19:55 #7
ci sono stati lcd con stuck pixels

buttiamoli via
emiliano8411 Febbraio 2020, 08:48 #8
Originariamente inviato da: BVS
Il mio messaggio contiene tutte le informazioni necessarie e sufficienti per rispondere alla domanda all inizio del thread
Volevo aggiungere " e pure tanto " ma temevo di diventare prolisso

A me interessa più la divergenza di opinione con emiliano84, potrei dire, tagliando corto, che il burn in è una costante con cui ci si puo fare poco, ma nell esempio degli LCD sta paragonando schermi oled stressati per migliaia di ore in condizioni controllate a lcd da cruscotto da quattro soldi, progettati male, montati peggio e sottoposti a calore, vibrazioni, umidità perché diciamocelo le automobili sono un posto pessimo per mettere dell elettronica ma in questo caso particolare quello del burn in potrebbe essere un problema secondario perché questa auto non è stata progettata per circolare, non è un auto da uso ne intensivo tantomeno moderato, non è da collezione chiunque la ̶c̶o̶m̶p̶r̶ prenderà in leasing, la darà via prima ancora che si inizi a rovinare lo schermo


capito

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^