Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Il centrodestra europeo respinge le leggi a favore dell'ambiente

Il centrodestra europeo respinge le leggi a favore dell'ambiente

La coalizione di centrodestra del Parlamento europeo si è schierata compattamente contro l'approvazione di leggi fondamentali per proteggere gli ecosistemi naturali dell'Europa; secondo il Partito Popolare Europeo queste ultime danneggerebbero il settore agricolo

di pubblicata il , alle 17:17 nel canale Mercato
 

Venerdì il Partito Popolare Europeo [PPE], che fa parte del più grande gruppo legislativo del Parlamento europeo, si è opposto a due delle principali politiche dell'UE a protezione dell'ambiente, sostenendo che la loro approvazione danneggerebbe il settore agricolo europeo.

Il PPE detiene il maggior numero di legislatori di qualsiasi gruppo al Parlamento europeo, pari a 176 sui 705 membri totali dell'assemblea: un peso politico importante, che minaccia di respingere in blocco le due normative se non si dovesse trovare un punto di incontro e se altri partiti dovessero unire la propria voce.

Sul banco degli imputati, la proposta di legge dell'UE che impone agli Stati membri di ripristinare gli ecosistemi naturali danneggiati e il disegno normativo per dimezzare l'uso di pesticidi chimici entro il 2030.

"In troppe regioni o Stati membri l'attuazione della legislazione sulla natura esistente ha portato a un incubo burocratico e a un blocco della pianificazione, mettendo in pericolo la sicurezza alimentare, la produzione di energia rinnovabile, di infrastrutture cruciali e molto altro", si legge nella risoluzione presentata dal PPE e visionata da Reuters.

All'interno del documento, il partito di centrodestra ha anche rivolto alla Commissione Europea un'esortazione a rivedere le proprie priorità, aiutando prima gli Stati membri ad affrontare i "problemi causati dalle attuali leggi europee sulla natura" e definendo gli obiettivi proposti per limitare l'uso dei pesticidi "semplicemente infattibili" per gli agricoltori.

La posizione dell'Europa.

Dall'altra parte, la Commissione ha ricordato come sia fondamentale ripristinare la salute del suolo e degli habitat per proteggere i mezzi di sussistenza degli agricoltori e rallentare le conseguenze negative dei cambiamenti climatici, come la siccità.

L'Unione ha anche sottolineato come, ad oggi, la popolazione degli impollinatori – essenziali per la vita sul Pianeta – risulti in forte declino sia per l'uso massiccio e indiscriminato dei pesticidi, sia a causa degli allevamenti intensivi.

Natura Europa

Uno dei suoi portavoce, che ha rifiutato di commentare la risoluzione del PPE, ha affermato che lavorerà con i legislatori e i paesi dell'UE per affrontare le questioni sollevate.

"La necessità di ridurre l'uso e il rischio dei pesticidi chimici è scientificamente chiara. Non agire abbastanza velocemente ora, avrà effetti a lungo termine e potenzialmente irreversibili sulla nostra sicurezza alimentare in futuro".

L'Unione Europea aveva avanzato queste proposte nel Giugno del 2022, con Virginijus Sinkevicius, a capo della politica ambientale comunitaria, che aveva dichiarato a Reuters gli obiettivi delle due norme.

Ripristinare gli habitat naturali in almeno il 20% del territorio dell'UE entro il 2030 e in tutti gli ecosistemi degradati entro la metà del secolo e dimezzare l'uso dei pesticidi entro la fine del decennio – totalmente vietati in luoghi sensibili come parchi pubblici e aree protette - per preservare e tutelare la fauna locale, con particolare attenzione per gli impollinatori.

Lo scorso anno la stessa Commissione europea aveva riconosciuto gli studi che dimostrano che un calo significativo dell'uso di pesticidi potrebbe portare a rese inferiori e prezzi alimentari più elevati.

In quella occasione, però, aveva a sua volta sottolineato l'attuale disponibilità di nuove tecniche che possono sostituire efficacemente i prodotti chimici senza ridurre la produzione agricola.

Le norme sui pesticidi, qualora approvate, sostituirebbero l'attuale e più permissiva legge andando a correggere i danni derivati dalla sua applicazione "in modo incoerente" in tutta l'UE che ha contribuito a portare la maggior parte degli habitat e delle specie protette in Europa a uno stato di conservazione negativo, con 1/3 delle specie di api e farfalle in forte declino.

Natura Europa

"Niente può sostituire i servizi ecosistemici che forniscono gli oceani, i nostri suoli o le nostre foreste", ha detto Sinkevicius in un'intervista sulla proposta di ripristinare gli habitat naturali, che sarebbe la prima legge di questo tipo promulgata all'interno dell’Unione Europea.

Il disegno di legge stabilisce obiettivi vincolanti per aumentare le popolazioni di uccelli nei terreni agricoli, invertire il declino degli impollinatori e ripristinare il corso naturale di 25.000 km di fiumi entro il 2030 e contrastare l'agricoltura intensiva, la silvicoltura e l'urbanizzazione, ree di aver alimentato il degrado degli habitat naturali.

Sinkevicius ha affermato che la crisi alimentare globale è stata causata interamente dalla Russia che ha bloccato l'esportazione di milioni di tonnellate di grano ucraino, di fatto tentando di affamare l'Europa; ritardare l'approvazione di misure atte a fermare il degrado dell'ambiente europeo finirebbe per ridurre le capacità agricole dell'Europa stessa.

"Se perdiamo la fertilità del suolo, se l'erosione e il degrado del suolo continuano, questo avrà un impatto importante sulla nostra produzione agricola", ha affermato, sottolineando come l'erosione del suolo costi all'Europa circa 1,2 miliardi di euro all'anno sotto forma di calo di produzione agricola.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cicastol08 Maggio 2023, 18:18 #1
Solito articolo allarmista fatto per uso e consumo dei sinistrorsi.....
Già l'uso del termine "pesticidi" al posto di fitofarmaci indica chiaramente la direzione sinistra dell'articolo.
silviop08 Maggio 2023, 18:28 #2
Originariamente inviato da: cicastol
Solito articolo allarmista fatto per uso e consumo dei sinistrorsi.....
Già l'uso del termine "pesticidi" al posto di fitofarmaci indica chiaramente la direzione sinistra dell'articolo.


Quoto, il grano in europa ce ne e' anche troppo , e' nel resto del mondo che puo' mancare, e comunque i fitofarmaci servono , e il loro uso oggi e' molto piu' efficente che 20 anni fa, se si produce poco e perche' manca l'acqua e senza acqua niente piante e niente api.
Dubito che senza acqua si riesca anche a ripristinare gli ambienti degradati (non so a cosa si riferisca questo termine).
Si puo' sempre passare tutto a OGM definitivamente, ma dubito che i sinistronzi poi lo possano accettare.
Rei & Asuka08 Maggio 2023, 18:29 #3
Mamma mia che imbarazzo continuo questi articoletti.
Fortuna che il lato HW è tornato ai fasti, altrimenti
blackshard08 Maggio 2023, 20:48 #5
Originariamente inviato da: cicastol
Solito articolo allarmista fatto per uso e consumo dei sinistrorsi.....
Già l'uso del termine "pesticidi" al posto di fitofarmaci indica chiaramente la direzione sinistra dell'articolo.


Come se la protezione dell'ambiente dovesse avere una connotazione politica.

E poi "fitofarmaci" è un termine generico che indica qualsiasi medicinale, quindi contro altri vegetali, insetti, ma anche muffe, funghi, batteri, etc... il termine "pesticida" è uno specifico medicinale destinato al controllo solo e unicamente degli insetti.

Ci sono pesticidi, tipo il clorpirifos, che si usano sugli agrumi e che Italia e Spagna non vogliono vietare, eppure la loro esposizione è particolarmente pericolosa perché provoca problemi al sistema nervoso dei bambini in crescita.

Il discorso è ricco e complesso, liquidarlo in politica e rifiutandosi di vederne il lato oggettivo è puerile.
kratos008 Maggio 2023, 21:02 #6
no ma è utile rispettare l'ambiente solo nell' "europa che conta". Tanto il buco dell'ozono sta solo sopra bruxelles, Fuori dall'Europa infatti è pieno di gente morta e malata a causa dell'ambiente....Tra un po' faremo un botto che la metà basta
randorama08 Maggio 2023, 23:02 #7
scusate, ma faccio fatica a capire.
c'è stata una votazione per approvare i due provvedimenti e il PPE ha votato contro, esponenti del PPE hanno manifestato l'intenzione di detto partito di non votarli in futuro o che altro?

chiedo perchè l'articolo non riporta fonti e io non riesco a trovarne.
ev97809 Maggio 2023, 00:23 #8
Come sempre, nei commenti, c'è gente che fatica a imbastire una frase in italiano ma pretende di spiegare la scienza! :-D
xxxyyy09 Maggio 2023, 02:23 #9
"Fin qui tutto bene" dice l'uomo che cade da un grattacielo.
"Anzi no, perche' non mi infilo dei razzi nel c#lo, cosi' arrivo a terra prima, che c'ho da fare".
mrk-cj9414 Maggio 2023, 18:19 #10
Originariamente inviato da: ev978
Come sempre, nei commenti, c'è gente che fatica a imbastire una frase in italiano ma pretende di spiegare la scienza!


Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^