Il fuggitivo Carlos Ghosn critica Nissan: "non ha visione del futuro"

Il fuggitivo Carlos Ghosn critica Nissan: "non ha visione del futuro"

Carlos Ghosn, a lungo a capo dell'alleanza Renault-Nissan, e ora confinato in Libano, ha recentemente criticato la sua ex azienda. Manca una programmazione seria sull'elettrico

di pubblicata il , alle 16:57 nel canale Mercato
Nissan
 

La vita di Carlos Ghosn potrebbe facilmente diventare un film di Hollywood, e pare che in effetti un contratto in questo senso lo abbia già firmato. A lungo a capo dell'alleanza Renault-Nissan, si può dire che sia stato uno dei padri del passaggio all'elettrico, dato che sotto la sua guida sono arrivate sul mercato la Nissan Leaf e la Renault Zoe.

Una carriera però finita in modo rocambolesco, con la fuga (proprio cinematografica, con estrazione ad opera di ex berretti verdi) dal Giappone, che lo aveva incarcerato, e il ritorno alla sua terra d'origine, il Libano.

Carlos Ghosn

Oggi Ghosn vive tra interviste e consulenze di vario genere per il settore automotive, con la spada di Damocle di un ordine di arresto dell'Interpol. Proprio in una recente conferenza stampa, Ghosn ha parlato di una delle sue ex aziende, la Nissan, riservandogli parole non certo di elogio. Secondo Ghosn il mercato ha ormai deciso la direzione dell'elettrificazione, e l'ex dirigente si è tolto qualche sassolino dalle scarpe: "Quando ho lanciato la prima auto elettrica per il mercato di massa, come sapete, tutti ridevano di noi".

Venendo ai giorni nostri, Carlos Ghosn vede come in grosso vantaggio i nuovi player di mercato, come Tesla, ed anche i cinesi che hanno colto al volo l'opportunità di chiudere un gap tecnologico e qualitativo. Al contrario invece Nissan, da pioniera dell'elettrificazione, si trova ora in una posizione considerata non buona: "Sono davvero in una pessima posizione in questa gara. Non c'è visione. Non sanno dove stanno andando. Non hanno un'immagine di questa enorme trasformazione tecnologica che sta avvenendo".

Il riferimento è al piano da 18 miliardi di dollari recentemente varato, che punta al 50% delle vendite entro il 2030, ma solo di mezzi elettrificati, e non 100% elettrici. Uno sforzo troppo blando e lento, secondo Ghosn.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gnubbolo13 Dicembre 2021, 18:15 #1
no la visione ce l'hanno e sanno che tra 10 anni ci sarà un cambio di leadership globale ( softpower ) in favore della Cina con tutto quello che comporta a livello geopolitico e quindi di scelte economiche e tecnologiche.
Gio2213 Dicembre 2021, 19:55 #2
Originariamente inviato da: Gnubbolo
no la visione ce l'hanno e sanno che tra 10 anni ci sarà un cambio di leadership globale ( softpower ) in favore della Cina con tutto quello che comporta a livello geopolitico e quindi di scelte economiche e tecnologiche.


è una convinzione,errata, che si è alimentata della credenza popolare, che in questi casi manca di quegli strumenti per comprendere le dinamiche internazionali.

Il predominio americano è ben lungi dall'essere intaccato. Purtroppo.
Tedturb013 Dicembre 2021, 21:19 #3
Originariamente inviato da: Gnubbolo
no la visione ce l'hanno e sanno che tra 10 anni ci sarà un cambio di leadership globale ( softpower ) in favore della Cina con tutto quello che comporta a livello geopolitico e quindi di scelte economiche e tecnologiche.


softpower e cina? ma dove mai? La cina necessita di ricatti ovunque, vedasi in africa.
LMCH14 Dicembre 2021, 01:34 #4
Originariamente inviato da: Gnubbolo
no la visione ce l'hanno e sanno che tra 10 anni ci sarà un cambio di leadership globale ( softpower ) in favore della Cina con tutto quello che comporta a livello geopolitico e quindi di scelte economiche e tecnologiche.

Non ne sarei così sicuro, siamo già entrati in quella che si può definire una guerra fredda 2.0
(sperando che non si scaldi).
Sia la RPC che gli USA stanno passando un periodo molto delicato e da entrambe le parti ci sono nodi politici ed economici da sciogliere .. o fa tagliare; nel secondo caso si rischia davvero che la situazione si scaldi troppo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^