Per Dacia è stato un 2023 da record: primato in Italia e gamma rinnovata

Per Dacia è stato un 2023 da record: primato in Italia e gamma rinnovata

Il 2023 per Dacia è stato un anno dai grandi risultati, con una gamma rinnovata e semplificata nella proposta. Le sue vetture sono sempre tra le più apprezzate in Europa

di pubblicata il , alle 10:30 nel canale Mercato
Dacia
 

Sono passati ormai parecchi anni da quando Dacia si è proposta sul mercato occidentale, identificandosi come un marchio con il prezzo più basso. Un'identità di marca che nel frattempo è profondamente cambiata, diventando piuttosto un "best value for money". Un cambiamento che, a quanto pare, piace ai clienti italiani, ed europei in generale, dato che il 2023 ha fatto registrare risultati di primo piano.

Nel 2023 Dacia ha immatricolato un totale di 87.878 vetture, equivalenti a un +28,1% rispetto al 2022, una crescita praticamente doppia se confrontata con la crescita del mercato automotive europeo. Anche considerando le sole vendite a privati, l'aumento è stato del 25,7%, molto simile, e questo perché circa il 90% delle vetture Dacia sono effettivamente acquistate da privati, con 80.967 immatricolazioni.

Dacia 2023

Questo risultato storico ha portato a quote record, altrettanto storiche. La market share di Dacia tra i privati è salita dal 4,3% al 9,2%, mentre considerando tutti i canali di vendita, arriva al 5%, partendo da un modesto 2,7% dello scorso anno. Tutto questo con una gamma semplice, fatta di soli 4 veicoli, per altrettanti segmenti. La Spring è l'elettrica economica, e contribuisce per il 2,6% del mix di vendita, con 2.300 esemplari. La multispazio Jogger è subito diventata popolare, con circa 7.100 vendite, per l'8,1%. Poi si passa ai "pesi massimi": 30.100 Duster, per il 34,2%, e 48.400 Sandero, per il 55,1%.

Tutto questo fa sì che Dacia sia il brand più scelto dai clienti privati italiani, ma non solo. Spring è stabilmente al terzo posto tra le elettriche di segmento A, stesso gradino del podio che occupa Duster per i SUV segmento B. Jogger è addirittura al primo posto per le SW segmento C, e la vera regina è Sandero, al primo posto delle berline segmento B, primato che detiene da quattro anni.

Dacia 2023

Gran parte del merito va anche alla motorizzazione GPL, con Dacia che cuba il 40% del totale del mercato, con il GPL che è scelto dal 68% dei suoi clienti. Considerando solo i privati, questa quota sale ancora, intorno al 70%. Ma Sandero non è solo prima tra la sua categoria, ma è la vettura estera più venduta in Italia. Praticamente 1 su 4 è una Sandero, e chi è al secondo posto vende 2,5 volte in meno.

E come dicevamo all'inizio, questo successo non è più necessariamente legato al prezzo più basso, poiché i clienti hanno dimostrato di essere disposti a spendere di più, per gli equipaggiamenti alto di gamma, considerati equilibrati rispetto al costo. Il 42% dei clienti ha scelto gli allestimenti Journey e Extreme, che sono appunto al vertice della gamma, e quindi più costosi.

Il 2024 potrebbe regalare risultati simili, poiché manca pochissimo ad una novità importantissima: il nuovo Dacia Duster, i cui ordini apriranno a marzo, e che arriverà entro l'estate.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
OUTATIME11 Gennaio 2024, 10:35 #1
La Spring è l'elettrica economica, e contribuisce per il [COLOR="Red"]2,6%[/COLOR] del mix di vendita, con 2.300 esemplari. La multispazio Jogger è subito diventata popolare, con circa 7.100 vendite, per l'8,1%. Poi si passa ai "pesi massimi": 30.100 Duster, per il 34,2%, e 48.400 Sandero, per il 55,1%.

La rivoluzione elettric... ah no
Massimiliano Zocchi11 Gennaio 2024, 10:59 #2
Originariamente inviato da: OUTATIME
La rivoluzione elettric... ah no


Come avevo già scritto, l'andamento di un mercato non si valuta certo dalla vendite e dalle politiche bipolari italiane. In Germania, tanto per fare un esempio, le elettriche sono quasi al 19%, con netto sorpasso sul diesel.
das11 Gennaio 2024, 11:17 #3
Originariamente inviato da: Massimiliano Zocchi
Come avevo già scritto, l'andamento di un mercato non si valuta certo dalla vendite e dalle politiche bipolari italiane. In Germania, tanto per fare un esempio, le elettriche sono quasi al 19%, con netto sorpasso sul diesel.


Non è che un paese dove le famiglie sono annualmente indebitate all'86% del proprio stipendio possa esser preso a riferimento.
https://tradingeconomics.com/german...-debt-to-income

Facendo debiti a quel livello ce la possiamo comprare tutti l'auto elettrica.

Considera che in Italia siamo al 61% ma per lo più è per la casa, in Germania, non avendo la casa di proprietà si indebitano per la macchina/credito a consumo. (235 miliardi per la Germania contro 120 degli italiani)

Tanto per fare un altro esempio: la Norvegia è uno dei paesi con il più alto tasso di diffusione delle auto elettriche. L'indebitamento delle famiglie norvegesi è anche al 210% (https://tradingeconomics.com/norway/indicators).

Bella forza, se mi ipoteco la casa anch'io mi compro la Mustang elettrica.
Massimiliano Zocchi11 Gennaio 2024, 11:32 #4
Originariamente inviato da: das
Non è che un paese dove le famiglie sono annualmente indebitate all'86% del proprio stipendio possa esser preso a riferimento.
https://tradingeconomics.com/german...-debt-to-income

Facendo debiti a quel livello ce la possiamo comprare tutti l'auto elettrica.

Considera che in Italia siamo al 61% ma per lo più è per la casa, in Germania, non avendo la casa di proprietà si indebitano per la macchina/credito a consumo. (235 miliardi per la Germania contro 120 degli italiani)

Tanto per fare un altro esempio: la Norvegia è uno dei paesi con il più alto tasso di diffusione delle auto elettriche. L'indebitamento delle famiglie norvegesi è anche al 210% (https://tradingeconomics.com/norway/indicators).

Bella forza, se mi ipoteco la casa anch'io mi compro la Mustang elettrica.


E perché non si può prendere ad esempio? In Francia, o in UK, i dati sono simili. L'efficacia del debito non si considera in base a quanto uno si indebita, ma in basa a quanto poi ripaga tale debito. Forse in Italia sbagliamo, o forse abbiamo solo abitudini diverse.
Tasslehoff11 Gennaio 2024, 11:59 #5
Dato che rispecchia perfettamente la realtà che si osserva sulle strade.
Renault con Dacia sta riuscendo a rubare a Fiat il primato sul grosso del mercato, perchè ce la possiamo cantare e suonare finchè vogliamo con le Audi, le BMW o le Tesla comprate da idioti che si indebitano o da professionisti che intestano anche i figli alla ditta, ma il grosso del mercato è fatto da utilitarie low cost.

Una volta questo voleva dire Fiat, che con Panda e Punto dominava questo target in Italia (prima ancora con la mitica Uno e la precedente Panda), ora Fiat l'ha letteralmente abbandonato e qualcuno ha giustamente e intelligentemente riempito quel vuoto, che sia Dacia o Dr o altri produttori cinesi.
Darkon11 Gennaio 2024, 12:00 #6
Per me il dato sconfortante è che il paese dove maggiormente si polemizza perché la gente ha "passione per i motori", perché si vuole il sound ecc... ecc... a vendere non è una marchio rinomato, un turbo benzina serio, un qualcosa che abbia una anche solo lontanissima attinenza con la "passione per i motori" ma questa roba...

Si comprano le Dacia... compreso quella elettrica che non comprerei nemmeno se me la regalassero nonostante a me l'elettrico piaccia.

Che tristezza...

Originariamente inviato da: Tasslehoff
Dato che rispecchia perfettamente la realtà che si osserva sulle strade.
Renault con Dacia sta riuscendo a rubare a Fiat il primato sul grosso del mercato, perchè ce la possiamo cantare e suonare finchè vogliamo con le Audi, le BMW o le Tesla comprate da idioti che si indebitano o da professionisti che intestano anche i figli alla ditta, il grosso del mercato è fatto da utilitarie low cost.

Una volta questo voleva dire Fiat, che con Panda e Punto dominava questo target in Italia (prima ancora con la mitica Uno e la precedente Panda), ora Fiat l'ha letteralmente abbandonato e qualcuno ha giustamente e intelligentemente riempito quel vuoto, che sia Dacia o Dr o altri produttori cinesi.


Ma piuttosto che questa roba mi prenderei una piccola Toyota che è su un altro livello e con prezzi tutto sommato simili. Comprare questa roba significa solo che è gente che compra senza nemmeno sapere quello che sta comprando.
Darkon11 Gennaio 2024, 12:12 #7
Originariamente inviato da: Diemberger
Punti di vista.
Sono anche io amante del brum brum e della trazione posteriore per fare scodare la macchina alle mega rotonde.
Ma poi il divertimento finisce lì. A me serve un auto per farmi il mio bel fine settimana al mare e in montagna. Mi serve spostarmi da A a B, fine.
Se te la regalano la Dacia, dimmi dove la butti che la vengo a prendere io.


Guarda che se anche compri un turbo benzina non è che devi per forza viaggiare sempre a gas spalancato eh...

Anzi oggi come oggi grazie alle centraline (non parlo di custom eh... parlo delle modalità vendute di serie) puoi anche tranquillamente impostare una guida tranquilla da viaggio e rispetto a un tempo viaggi comodo.

E comunque ripeto se proprio uno vuole stare sul lowcost piuttosto una Toyota che è comunque un'auto di tutt'altro livello rispetto a queste. Perfino una umilissima Yaris in confronto è come una Ferrari.
Goofy Goober11 Gennaio 2024, 12:46 #8
wow incredibile le auto che costano meno tra tutte quante sono quelle che vendono più esemplari, soprattutto in Italia. chi l'avrebbe mai detto, mi aspettavo ci fosse una Golf base da 30k euro in cima alle vendite e invece...
Goofy Goober11 Gennaio 2024, 12:49 #9
Originariamente inviato da: Darkon
Ma piuttosto che questa roba mi prenderei una piccola Toyota che è su un altro livello e con prezzi tutto sommato simili. Comprare questa roba significa solo che è gente che compra senza nemmeno sapere quello che sta comprando.


le toyota ormai tutte ibride (tranne la Aygo e Yaris berlina) sono molto lontane dal rapporto prezzo/contenuto delle dacia. E lo dico da possessore di Toyota.

le persone per svariate migliaia di euro di differenza (perchè queste sono, le differenza tra normali auto benzina e le full hybrid di toyota) scelgono ovviamente Dacia...

ti ricordo che ci sono molti che comprano le versioni base base base con cerchi in plastica anche della Sandero, nonchè di altri brand Toyota inclusa.
per cui il rapporto contenuti/prezzo sono in tanto a non guardarlo, cercando solo il prezzo più basso....
altrimenti anche una Yaris berlina base con motore 1.0 benzina non vale i soldi che costa in rapporto al prezzo della versione fullhybrid
Goofy Goober11 Gennaio 2024, 12:57 #10
Originariamente inviato da: Darkon
Per me il dato sconfortante è che il paese dove maggiormente si polemizza perché la gente ha "passione per i motori", perché si vuole il sound ecc... ecc... a vendere non è una marchio rinomato, un turbo benzina serio, un qualcosa che abbia una anche solo lontanissima attinenza con la "passione per i motori" ma questa roba...


hai in parte ragione ma ti ricordo che nemmeno chi passa il 90% del proprio tempo libero a guardare e parlare di calcio può esser in grado di tirare 2 calci al pallone, magari gli viene direttamente un infarto fulminante.

per le auto vale lo stesso discorso. la enorme maggioranza dei c.d. appassionati sono quelli che guardano gli eventi sportivi, hanno elaborato il papero da pivelli o l'apecar con i tubolari verdi fluo, avuto una volta una Uno Turbo IE o la 500/Ritmo/Punto Abarth, e sono quindi appassionati di auto/motori.

poi ci sono quei 4 gatti con le nuove Golf GTI a debito.
poi tutti gli altri che comprano, o meglio, LEASANO con la ditta le auto costose che di dotazione hanno già il motorone ma che, di fatto, non se ne fregano minimamente della passione motoristica...

e poi ci sono i tedeschi che ci lasciano le auto di 10 anni fa da importare

perchè, di base, non dimentichiamoci le tasse che paghiamo in italia per le auto con i motori da "appassionati", basta fare il confronto con alcuni altri paesi per capire perchè oggi si parla tanto e si possiede poco, in termini di auto per passione.

le youngtimer stanno andando fortissimo in questo periodo proprio per il fatto di esser esentasse.
poi quel che risparmi di tasse lo spendi in riparazione, stoccaggio e manutenzione, ma è un tipo di "spesa" diverso

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^