Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Inaugurata la stazione Ionity più grande d'Europa, e si trova ad Affi. Eravamo presenti al taglio del nastro

Inaugurata la stazione Ionity più grande d'Europa, e si trova ad Affi. Eravamo presenti al taglio del nastro

Ionity ha scelto l'Italia per la sua stazione di ricarica più grande, ad Affi, già sede di importanti iniziative per la ricarica delle auto elettriche e per l'uso delle energie rinnovabili. Eravamo presenti alla conferenza e all'inaugurazione

di pubblicata il , alle 13:40 nel canale Soluzioni di ricarica
Ionity
 

Ionity è la società che si occupa di ricarica ad alta potenza per auto elettriche, cercando di posizionare le sue stazioni in punti strategici, autostradali e non, così da agevolare il più possibile i viaggi in elettrico. Ionity è espressione di diversi marchi automobilistici, ed altri investitori privati, che hanno compreso l'importanza della rete di ricarica per la diffusione dei propri modelli a batterie.

Da alcune settimane è attiva la stazione di ricarica Ionity più grande d'Europa, e si trova in Italia. Sì, avete letto bene, in Italia, dove spesso la rete di ricarica viene criticata, ma nella realtà dei fatti sta crescendo molto velocemente. La località della nuova installazione è Affi, luogo ben noto agli automobilisti elettrici, poiché sede da tempo di colonnine gratuite della Autobrennero e di un Tesla Supercharger di dimensioni notevoli.

Ionity Affi

Così come notevole è l'hub Ionity che vedete nelle foto, con 18 colonnine, una per stallo, ognuna con potenza fino a 350 kW, e posti dedicati anche a piccoli camion o furgoni. Prima però di testare a fondo i nuovi punti di ricarica (eravamo presenti con tre diverse auto elettriche) abbiamo assistito alla conferenza di presentazione presso il municipio di Affi. Come ha spiegato il sindaco Marco Giacomo Sega, con questa installazione si chiude un circolo virtuoso che l'amministrazione locale aveva iniziato anni prima, puntando tra le prime in Italia sul fotovoltaico, recuperando aree altrimenti inutilizzate.

[HWUVIDEO="3374"]La stazione di ricarica Ionity più grande d'Europa è in Italia![/HWUVIDEO]

Tanti automobilisti che passano dallo svincolo di Affi (provincia di Verona), crocevia tra la A22 del Brennero e la SR450, conoscono bene anche le due pale eoliche che si scorgono poco lontano, facenti parte di un campo che ne conta sei in totale. Le colonnine sono per altro sotto le stesse cabine a cui sono collegati gli impianti di rinnovabili, per cui l'energia prodotta viene convogliata in via preferenziale alle colonnine se c'è richiesta. In ogni caso Ionity eroga energia al 100% certificata rinnovabile.

Ionity Affi

Una situazione che ovviamente vede coinvolti automobilisti italiani, sempre più alla guida di auto elettriche, ma anche e soprattutto quelli stranieri, in arrivo in Italia per turismo e per lavoro, fin dai Paesi scandinavi. Ne è la prova il risultato che la stazione ha ottenuto nello scorso week end di Pasqua, quando era già funzionante anche se non ufficialmente presentata: 586 sessioni di ricarica, al venticinquesimo posto tra tutto le stazioni Ionity, davanti anche a quelle più importanti di Germania, Olanda o Francia.

In totale Ionity ha all'attivo 476 stazioni in 24 Paesi europei, per un totale di 2.276 punti di ricarica. La società è entrata nella sua "fase 2", quella dell'espansione dopo i primi obiettivi minimi, e quindi vuole arrivare entro il 2025 ad avere oltre 1.000 stazioni per circa 7.000 punti di ricarica. In Italia nel 2018 le location Ionity erano zero, mentre oggi si contano 28 stazioni, dal nord alla Sicilia, con altre 9 già in costruzione.

Ionity Affi

Dopo la presentazione in municipio, ci siamo spostati presso la stazione, adiacente a un centro commerciale, ed abbiamo testato l'infrastruttura in modo intensivo. Nonostante le tante auto collegate contemporaneamente, non ci sono stati segni di difficoltà. Ionity ha scelto di avere una singola colonnina con un singolo cavo per ogni stallo. In questo modo, in caso di guasto, solo un punto di ricarica è affetto, mentre dove vengono utilizzate le colonnine con due cavi un singolo guasto raddoppia il disagio. Nel punto più estremo della fila di colonnine ve ne sono due posizionate diversamente, per agevolare la ricarica di mezzi particolarmente voluminosi, come i furgoni, o nel caso le prese di ricarica dei veicoli siano posizionate in modo scomodo. La pensilina fotovoltaica da 75 kWp completa il circolo virtuoso, e può da sola alimentare alcune decine di ricariche nelle giornate di sole.

Quella di Affi non sarà l'unica installazione Ionity importante nella zona del Garda: Elena Airoldi, country manager per l'Italia, presente alla conferenza e al taglio del nastro, ci ha anticipato che lo stesso numero di colonnine arriverà a Peschiera del Garda.

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ilariovs15 Maggio 2023, 14:16 #1
Sul Garda l'80% del turismo é praticamente tedesco in estate.

Questo dovrebbe far riflettere quelli che sono contenti che fra 40gg scadono i termini dei fondi PNRR per le colonnine con roba tipo "in Italia le elettriche sono il 3% inutile spendere soldi a debito per questo".

Una cosa é comprare o meno un'elettrica altra cosa é restare tagliati fuori dalla mobilità elettrica europea.

Che piaccia o meno in una grossa fetta di Europa (con reddito pro-capite più alto della media) le elettriche stanno andando e se vogliamo che queste persone vengano a spendere i loro soldi in Italia le infrastrutture DEVONO esserci o salutano e vanno a spendere da un'altra parte.
gd350turbo15 Maggio 2023, 14:20 #2
Le infrastrutture devono esserci. (punto)
Senza le quali, non puoi pensare ad una diffusione delle auto elettriche.
Poi se queste servono italiani o stranieri in visita non è importante, l'importante è che ci siano.
Utonto_n°115 Maggio 2023, 15:00 #3
La stazione di Peschiera la ritengo più utile e funzionale, perchè è lungo l'A4, ma queste stazioni dovrebbero essere aggiunte agli autogrill!
Chissà quando riusciremo ad avere delle stazioni come questa in autostrada
Massimiliano Zocchi15 Maggio 2023, 15:33 #4
Originariamente inviato da: Utonto_n°
La stazione di Peschiera la ritengo più utile e funzionale, perchè è lungo l'A4, ma queste stazioni dovrebbero essere aggiunte agli autogrill!
Chissà quando riusciremo ad avere delle stazioni come questa in autostrada


Alcune ci sono già in realtà, e sono proprio di Ionity, o di Tesla. Altre sono di Free To X, che solitamente ha meno stalli, ma sta cercando di accorciare i tratti tra un autogrill con ricarica e l'altro. Peschiera sarà un ottimo punto, ma non sottovalutare Affi, in pratica è un autogrill (è a 100 metri dal casello) e si trova su direttrici importanti con tanto traffico.
Paganetor15 Maggio 2023, 16:06 #5
Per curiosità, si è parlato del sistema di accumulo che c'è "dietro" questa stazione di ricarica? (capacità, dimensioni ecc.)
gabryp2215 Maggio 2023, 16:21 #6
Originariamente inviato da: Utonto_n°
La stazione di Peschiera la ritengo più utile e funzionale, perchè è lungo l'A4, ma queste stazioni dovrebbero essere aggiunte agli autogrill!
Chissà quando riusciremo ad avere delle stazioni come questa in autostrada


Calcola che nei dintorni ci sono anche dei centri commerciali, quindi mentre il turista di turno può fare un giro e magari acquistare qualcosa durante la ricarica. In autogrill invece sei legato solo all'autogrill
Pandemio15 Maggio 2023, 16:32 #7
Troppo facile ....voglio vedere come faranno in citta come Milano,Roma ecc ecc dove da sempre mancano parcheggi normali per tutti a garantire il parcheggio e la ricarica di milioni di veicoli ...non ho ancora sentito parlare di soluzioni o progetti del genere .
Utonto_n°115 Maggio 2023, 17:35 #8
Originariamente inviato da: Massimiliano Zocchi
Alcune ci sono già in realtà, e sono proprio di Ionity, o di Tesla. Altre sono di Free To X, che solitamente ha meno stalli, ma sta cercando di accorciare i tratti tra un autogrill con ricarica e l'altro. Peschiera sarà un ottimo punto, ma non sottovalutare Affi, in pratica è un autogrill (è a 100 metri dal casello) e si trova su direttrici importanti con tanto traffico.


Forse non sei mai stato da quelle parti nei periodi di punta/alta stagione, a volte ci vuole mezz'ora per uscire dal casello, stesso discorso per caselli in località turistiche, hai presente se c'è coda al casello che bella fregatura? per uscire a caricare mezz'ora, devo fare coda, pagare (magari sono uno di quelli senza telepass), rientrare... comodo
Utonto_n°115 Maggio 2023, 17:38 #9
Originariamente inviato da: gabryp22
Calcola che nei dintorni ci sono anche dei centri commerciali, quindi mentre il turista di turno può fare un giro e magari acquistare qualcosa durante la ricarica. In autogrill invece sei legato solo all'autogrill


Secondo me, se fanno le colonnine super mega fast da 350 kW, ci sarà un motivo, no? è per caricare velocemente, quindi 10/15 min di rabbocco e si riparte, tempo di un caffè, far pipì e lavarsi le mani. Per il centro commerciale mi basta la colonnina "lenta" da 50 kW.
kbios15 Maggio 2023, 17:45 #10
Originariamente inviato da: Utonto_n°
Forse non sei mai stato da quelle parti nei periodi di punta/alta stagione, a volte ci vuole mezz'ora per uscire dal casello, stesso discorso per caselli in località turistiche, hai presente se c'è coda al casello che bella fregatura? per uscire a caricare mezz'ora, devo fare coda, pagare (magari sono uno di quelli senza telepass), rientrare... comodo


Essere senza telepass nel 2023 non ha alcun senso

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^