Wallbox presenta Hypernova, la colonnina hyper fast che non si guasta mai

Wallbox presenta Hypernova, la colonnina hyper fast che non si guasta mai

All'IAA Mobility Wallbox ha presentato in anteprima la sua prima colonnina HPC. Hypernova è progettata per essere modulare, facile da costruire ed economica, e soprattutto per risolvere il problema delle colonnine guaste

di pubblicata il , alle 16:19 nel canale Soluzioni di ricarica
Wallbox
 

Un nome semplice, Wallbox, proprio come il prodotto stesso che realizzano e vendono. I due cofondatori spagnoli quando sono entrati nel settore della ricarica dei veicoli elettrici avevano in mente di costruire qualcosa che fosse affidabile, economico, ma al tempo stesso funzionale e sicuro.

Con il settore della ricarica casalinga ci sono sicuramente riusciti e, proprio poche ore prima dell'inizio della IAA Mobility di Monaco, Wallbox ha tagliato il traguardo dei 2.000 caricatori da casa prodotti. Ora vogliono portare la stessa filosofia anche nel mondo della ricarica pubblica, ed in particolare sperano di riuscirci con Hypernova, la prima colonnina hyper fast dell'azienda Barcellona.

Hypernova

Hypernova ha una forma semplice ma al tempo stesso elegante: un parallelepipedo con un display touch screen e un connettore Combo CCS. Pochi fronzoli e tanta sostanza. Sostanza che è soprattutto all'interno, dove Wallbox ha inserito gli stessi moduli già utilizzati per Copper, il caricatore casalingo capace di gestire anche il Vehicle-to-Grid, con la possibilità di decidere se "prosciugare" l'auto elettrica ed usare l'energia elettrica per alimentare la propria abitazione.

Proprio i moduli sono il segreto della flessibilità di funzionamento di Hypernova. Se un modulo si guasta viene bypassato e i restanti continuano a funzionare. Wallbox stima che quasi il 50% delle colonnine fast possa non funzionare al momento dovuto. Con il suo sistema questo problema viene virtualmente cancellato. Il guasto a un modulo abbassa la potenza di erogazione, ma evita che ci sia una colonnina completamente fuori uso.

Hypernova

Wallbox ha anche spiegato che l'abbattimento dei costi per il cliente finale (solitamente un provider della ricarica) è di circa il 40%, e non si realizza solo con il costo puro della colonnina. I prodotti Wallbox vengono pensati per un'installazione che non necessiti di camion particolarmente attrezzati, piccole gru o tanto personale. Solo due addetti possono facilmente installare il case della colonnina, sostanzialmente vuoto, fissarlo e allacciarlo alla rete, e solo successivamente i moduli vengono montati all'interno. Basta un comune furgone e la giusta competenza.

Hypernova è un prodotto che può raggiungere i 350 kW di potenza, e per questo è pensato per le aree di sosta in autostrada o dovunque siano necessarie stazioni ad alta potenza. A fianco di questa soluzione troviamo poi Supernova, che può raggiungere i 100 kW, presenta anche il connettore Chademo, ed è una colonnina pensata per stare più nelle vicinanze dei centri urbani, o in aree di parcheggio.

Hypernova

Supernova sarà anche la prima ad arrivare sul mercato, entro la fine del 2021, con un costo approssimativo di circa 12.000 euro, mentre lo sviluppo di Hypernova continuerà ancora fino alla fine del 2022. Per questo motivo non è possibile fare una stima esatta del prezzo. Ci sono però alcuni soggetti operanti in Italia che hanno già espresso interesse, ed è quindi probabile che vedremo anche per le nostre strade le novità di Wallbox.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
andbad06 Settembre 2021, 16:57 #1
Non so come abbiano fatto a stimare il 50% di fast non funzionanti, mi sembra un dato fortemente pessimistico.

By(t)e
danylo07 Settembre 2021, 10:51 #2
la colonnina hyper fast che non si guasta mai


Se un modulo si guasta viene bypassato e i restanti continuano a funzionare


Decidetevi, si guasta o non si guasta?


.
[OzZ]07 Settembre 2021, 11:37 #3
li avranno messi in paralleno e non in serie.
andbad07 Settembre 2021, 11:44 #4
Originariamente inviato da: danylo
Decidetevi, si guasta o non si guasta?


.


Mi sembra chiaro: un modulo si può guastare, la colonnine nel suo complesso no (o meglio, è piuttosto improbabile). Un "banale" concetto di ridondanza: avendo più moduli, se uno si guasta la colonnina continua a operare anche se a potenza ridotta, con l'ottica di "meglio ricaricare più lentamente che non ricaricare affatto".

By(t)e
niky8907 Settembre 2021, 12:41 #5
Anche il Titanic era inaffondabile. Evitare che i moduli si guastino dal principio? O costa meno questo processo produttivo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^