Addio definitivo alla benzina "rossa" col piombo. Ora spazio all'elettrico

Addio definitivo alla benzina "rossa" col piombo. Ora spazio all'elettrico

Le scorte della cosiddetta benzina rossa sono finalmente terminate in tutto. Vediamo quali sono gli ultimi Paesi che l'hanno usata, a cosa serviva, e perché risparmieremo un sacco di soldi

di pubblicata il , alle 16:40 nel canale Tecnologia
 

Alzi la mano chi si ricorda della "rossa". Sembra passato un secolo, invece era solo ieri quando in Italia ancora si utilizzava la benzina additivata con piombo. Dopo diversi cambi di legislatura, che hanno modificato la quantità consentita, il piombo è stato definitivamente vietato, in modo graduale a partire dal 1986.

Oggi le Nazioni Unite fanno sapere che anche l'ultimo Stato che utilizzava la benzina col piombo ha terminato le scorte. Si tratta dell'Algeria. Prima del Paese africano ci avevano messo una pietra sopra (pietra miliare si potrebbe dire) Corea del Nord, Myanmar, Afghanistan, Iran e Yemen. Questo definitivo addio si tradurrà in un risparmio globale in termini di spesa sanitaria, e in migliori condizioni di vita, ma per capire meglio perché è necessario fare un passo indietro.

Il piombo era presente nella benzina sotto forma di piombo tetraetile, un composto tossico che veniva utilizzato per migliorare le prestazioni del carburante, evitando problemi di preaccensione e alzando quindi il numero di ottani. Purtroppo però alle alte temperature, tipiche dei motori a scoppio, il piombo tende a separarsi dal carbonio, con il quale ha un legame debole, formando ossidi che vanno ad intaccare le parti meccaniche. Per ovviare a questo problema, le aziende petrolchimiche hanno utilizzato un ulteriore additivo, con bromuro di etile o cloruro di etile, in grado di intrappolare il pesante metallo sotto forma di bromuro di piombo e cloruro di piombo. Peccato che si tratti di composti volatili, il che ne ha facilitato l'immissione nell'aria.

Piombo Tetraetile

Ora, grazie allo stop completo dell'utilizzo del piombo, le Nazioni Unite stimano 1,2 milioni di morti in meno ogni anno, dovute a malattie cardiache, infarto o ictus, con susseguente risparmio per la spesa pubblica mondiale di oltre 2.000 miliardi di euro. I miglioramenti riguardano anche, e soprattutto, i più giovani: dove il piombo è caduto in disuso, la quantità nel sangue dei bambini è calata dell'80% e il quoziente intellettivo dei più piccoli è cresciuto fino a 4,7 punti.

È chiaro che ormai l'industria dei trasporti stia andando globalmente verso l'elettrificazione, sebbene permangano ancora dubbi su quanto effettivamente questa soluzione sia meno inquinante. Avendo emissioni realmente pari a zero durante l'utilizzo, l'attenzione si sposta tutta verso la fase di produzione, e per questo sarà fondamentale anche l'approvvigionamento di materie prime. Un esempio virtuoso in questo senso sono le nuove celle al litio senza cobalto, come quelle prodotte da Svolt, e già arrivate alla fase di produzione. Il cobalto in sé non è inquinante, essendo usato anche in quantità minime, ma lo è il processo estrattivo dalle miniere.

Batterie NMx

Un altro passo fondamentale sarà sviluppare sempre più efficienti processi di riciclo. Mentre la benzina una volta bruciata non può più essere recuperata, ovviamente, le batterie anche quando degradate possono essere quasi interamente riciclate, per utilizzare potenzialmente all'infinito le materie prime di cui sono composte. Progetti come quello messo in campo da Tesla, che riesce già a riciclare il 92% delle materie prime delle sue batterie, devono essere il traguardo di tutti i produttori, poiché non vi è differenza qualitativa tra il materiale riciclato e quello estratto dalle miniere.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot31 Agosto 2021, 17:26 #1
Ma 1,2 milioni di morti in meno rispetto a quando? 40 anni fa? Era rimasta solo l'Algeria ...
Kenichi8031 Agosto 2021, 18:00 #2
Non disturbate il manovratore, stiamo andando globalmente verso l'elettrificazione! Infatti l'articolo è metà informazione e metà pubblicità.
Opteranium31 Agosto 2021, 18:04 #3
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
e il quoziente intellettivo dei più piccoli è cresciuto fino a 4,7 punti

non vi preoccupate, ci pensano i social a regredirlo di 40 punti
Frédéric François Chopin31 Agosto 2021, 18:27 #4
Originariamente inviato da: Opteranium
non vi preoccupate, ci pensano i social a regredirlo di 40 punti


Mai quanto quello di leggere ciò che scrivono i premi Nobel che solitamente commentano le notizie di questo sito.
E niente, altri punti di QI persi.
minatoreweb31 Agosto 2021, 20:44 #5
Che articolo contettualmente errato:
1,2 milioni di morti in meno (grande bufala, aumenta la popolazione aumentano i morti di teorie strampalate senza dati oggettivi ne è pieno il mondo, resta il dato oggettivo che tali amalattie e morti aumentino).
Solo un ignorante può confrontare la trasformazione di un elemento in energia ed una batteria ricaricabile (che invece è un accumulatore di energia prodotta appunto con la prima o da altre fonti). Tutta la parte delle batterie è una pura invenzione giornalistica per costruire un articolo senza senso. Una batteria ricaricabile è confrontabile se mai con un condestatore elettrico (cioè una capacità oppure una molla meccanica, oppure un serbatoio in cui venga stoccata aria compressa e poi usata dopo come energia. Molto diversa sarebbe una batteria (pila non ricaricabile) dove invece la trasformazione dei 2 elementi determina la creazione di un energia (senza dover immagazzinarla come in quelle ricaricabili o come una molla fornandone di più di qulla che si preleva).
sbambi31 Agosto 2021, 21:40 #6
Pensa che io mi ricordo pure la normale!
biometallo31 Agosto 2021, 22:55 #7
Originariamente inviato da: sbambi
Pensa che io mi ricordo pure la normale!

che dovrebbe essere proprio la rossa di cui si parla o meglio c'era sia la normale che è stata la prima ad essere messa al bando e la super che è rimasta in commercio fino al 2001
Originariamente inviato da: Ginopilot
Ma 1,2 milioni di morti in meno rispetto a quando? 40 anni fa? Era rimasta solo l'Algeria ...


E una stima su quanti morti in più ci sarebbero se tutt'oggi si fosse continuato ad usare il piombo come additivo.

forse la fonte è più chiara in merito

https://www.unep.org/news-and-stori...n-and-planetary


Dal 1922, l'uso del piombo tetraetile come additivo della benzina per migliorare le prestazioni del motore è stato una catastrofe per l'ambiente e la salute pubblica . Negli anni '70, quasi tutta la benzina prodotta nel mondo conteneva piombo. Quando il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) ha iniziato la sua campagna per eliminare il piombo nella benzina nel 2002, era una delle minacce ambientali più gravi per la salute umana .

Il 2021 ha segnato la fine della benzina al piombo in tutto il mondo, dopo aver contaminato aria, polvere, suolo, acqua potabile e colture alimentari per quasi un secolo. La benzina con piombo provoca malattie cardiache, ictus e cancro. Colpisce anche lo sviluppo del cervello umano, in particolare danneggiando i bambini , con studi che suggeriscono che riduce di 5-10 punti QI. Si stima che vietare l'uso della benzina con piombo prevenga più di 1,2 milioni di morti premature all'anno, aumenti il ​​QI tra i bambini, risparmi 2.45 trilioni di dollari per l'economia globale e diminuisca i tassi di criminalità.

"tradatto da google."

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^