Airlander 10, il dirigibile pensato per volare in maniera ecosostenibile: ecco le prime tratte

Airlander 10, il dirigibile pensato per volare in maniera ecosostenibile: ecco le prime tratte

Il dirigibile attualmente in fase di sviluppato si chiama Airlander 10, risulta avere una portata massima di 100 passeggeri, ed è stato pensato per essere competitivo su tratte a corto raggio risultando molto efficace anche in tempi di percorrenza simili a quelli di voli tradizionali

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Tecnologia
 

Hybrid Air Vehicles (HAV), piccolo produttore di dirigibili con sede a Bedford, Regno Unito, da diversi anni porta avanti il proprio progetto Airlander con risultanti concreti e molto interessanti.

Da poco l'azienda ha anche confermato l'intenzione di far entrare in servizio i propri velivoli entro il 2025, definendo già alcune rotte e contando di riuscire a produrre 12 velivoli entro tale data.

Il dirigibile attualmente in fase di sviluppato si chiama Airlander 10, risulta avere una portata massima di 100 passeggeri, ed è stato pensato per essere competitivo su tratte a corto raggio, risultando molto efficace anche nei tempi di percorrenza simili a quelli di voli tradizionali.

"I viaggi Airlander non competeranno con i voli a lungo raggio o le rotte già ben servite da collegamenti ferroviari ad alta velocità, ma si concentreranno invece sul collegare di città a poche centinaia di chilometri di distanza. Non dipendiamo dalle infrastrutture aeroportuali, quindi siamo in grado di decollare e atterrare da qualsiasi superficie ragionevolmente piana. Questo include anche l'acqua" ha affermato Tom Grundy, amministratore delegato di HAV.

Le tratte proposte da Hybrid Air Vehicles attualmente sarebbero:

  • Barcellona - Palma di Maiorca: 4 ore e mezza
  • Liverpool - Belfast: 5 ore e 20 minuti
  • Oslo - Stoccolma: 6 ore e mezza
  • Seattle - Vancouver: poco più di 4 ore

I tempi sono calcolati considerazione il trasferimento da e per centro città, l'Airlander ha maggiore efficacia in questi termini non essendo vincolato ad una struttura aeroportuale convenzionale, soprattutto grazie alle più semplici e flessibili condizioni di decollo ed atterraggio.

Per quanto riguarda il contenimento delle emissioni inquinanti, HAV ha utilizzato i dati del governo britannico per un esempio pratico, calcolando che per un viaggio da Liverpool a Belfast:

  • un Airlander produrrebbe 4,75 kg di CO2 per passeggero
  • un traghetto produrrebbe 4,98 kg di CO2 per passeggero
  • un aereo di linea produrrebbe 67,75 kg di CO2 per passeggero

HAV afferma infine che genericamente l'apporto di CO2 per passeggero di un loro dirigibile Airlander 10 sarebbe di circa 4,5 kg, rispetto a circa 53 kg di un aereo di linea, considerando una tratta media.


Clicca per ingrandire

"Questo non vuole essere un prodotto esclusivamente di lusso, è una soluzione pratica alle sfide poste dalla crisi climatica. Abbiamo aerei progettati per percorrere distanze molto lunghe che percorrono distanze molto brevi, quando in realtà esiste una soluzione migliore. Per quanto tempo ci aspetteremo di avere il lusso di percorrere queste brevi distanze con un'impronta di CO2 così elevata?" ha infine commentato Tom Grundy.

Il dirigibile in questione vanta una cabina non pressurizzata ed è costruito per resistere ad alte e basse temperature, forti venti e persino fulmini, secondo gli stessi standard normativi degli altri aerei passeggeri. E' in grado di raggiungere un quota di massimo 2.100 m e velocità di crociera intorno ai 100 km/h.

.


Clicca per ingrandire

Attualmente l'Airlander 10 risulta utilizzare un sistema di volo ibrido-elettrico il quale garantirebbe i kg di CO2 sopra indicati; successivamente al 2025 potrebbe entrare in servizio un velivolo con emissioni maggiormente ridotte se la tecnologia permetterà l'adozione di un sistema completamente elettrico.

Infine HAV fa sapere di essere in trattativa con "un certo numero di compagnie aeree" per gestire le rotte annunciate e prevede di annunciare tali partnership nei prossimi mesi. Per il momento l'unico accordo già firmato riguarda la fornitura di un dirigibile per la lussuosa società di viaggi svedese OceanSky Cruises, che intende utilizzare l'Airlander 10 per offrire viaggi sul Polo Nord.


Clicca per ingrandire

Un settore quello dei dirigibili che da qui a qualche anno potrebbe tornare in auge, e questo progetto di Hybrid Air Vehicles è sicuramente uno dei più concreti tanto da ottenere il sostegno del governo britannico, sovvenzioni dall'Unione Europea e ricevere finanziamenti ed interesse anche da parte di figure come Peter Hambro, uno dei fondatori di Petropavlovsk società di estrazione dell'oro con sede a Londra e con attività in Russia, nonché dal frontman degli Iron Maiden, Bruce Dickinson, noto appassionato del settore.

Per maggiori immagini e dettagli a riguardo vi invitiamo a seguire il canale Youtube dell'azienda ed il loro sito ufficiale.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ago7201 Giugno 2021, 12:01 #2
Originariamente inviato da: Pino90


Non credo proprio... questo usa l'elio invece dell'idrogeno.
Mparlav01 Giugno 2021, 12:29 #3
Se selezionano accuratamente le tratte, si può fare. In quelle indicate ci sono molti voli low cost.

Devono evitare la concorrenza dei treni, e gli aerei non devono fare "troppa differenza" oppure non devono andarci affatto perchè tratte non appetibili.

In Francia hanno eliminato i voli interni che sono serviti dai treni ad alta velocità proprio per ridurre le emissioni.

Il viaggio sul dirigibile dura molto di più, il biglietto sarà anche più caro, quindi magari un pacchetto includendo "pranzo/cena con servizio ristorante" con vista panoramica, potrà avere senso.

Staremo a vedere.
jepessen01 Giugno 2021, 12:30 #4
Originariamente inviato da: Mparlav
Se selezionano accuratamente le tratte, si può fare. In quelle indicate ci sono molti voli low cost.

Devono evitare la concorrenza dei treni, e gli aerei non devono fare "troppa differenza" oppure non devono andarci affatto perchè tratte non appetibili.

In Francia hanno eliminato i voli interni che sono serviti dai treni ad alta velocità proprio per ridurre le emissioni.

Il viaggio sul dirigibile dura molto di più, il biglietto sarà anche più caro, quindi magari un pacchetto includendo "pranzo/cena con servizio ristorante" con vista panoramica, potrà avere senso.

Staremo a vedere.


Dubito siano piu' comodi e veloci dei treni. In un treno entri e ti siedi, questo dovra' partire da un qualche aeroporto, quindi occorre arrivare in aeroporto e fare tutta la trafila, si perde un sacco di tempo.
Pino9001 Giugno 2021, 12:45 #5
Originariamente inviato da: Mparlav
Se selezionano accuratamente le tratte, si può fare. In quelle indicate ci sono molti voli low cost.

Devono evitare la concorrenza dei treni, e gli aerei non devono fare "troppa differenza" oppure non devono andarci affatto perchè tratte non appetibili.

In Francia hanno eliminato i voli interni che sono serviti dai treni ad alta velocità proprio per ridurre le emissioni.

Il viaggio sul dirigibile dura molto di più, il biglietto sarà anche più caro, quindi magari un pacchetto includendo "pranzo/cena con servizio ristorante" con vista panoramica, potrà avere senso.

Staremo a vedere.


Io lo vedo appetibile in certe situazioni: ad esempio *in teoria* è un viaggio estremamente più comodo visto che c'è più spazio. SE non mettono troppi limiti di bagagli etc. potrebbe essere interessante. Anche solo la possibilità di alzarsi e magari bersi una bibita durante il volo potrebbe essere interessante.

La cosa della durata dei voli non la capisco bene, fra un volo di 3 ore più spostamenti da e per aereoporto e uno di 5 non cambia niente, sempre mezza giornata si butta.

Lo vedo come un progetto interessante per ora.

@jepessen
Dicevano proprio che non ha bisogno di usare un aereoporto, quindi in teoria potrebbe atterrare anche in un piazzale molto grande. Il treno ha lo stesso problema: devi andare in stazione (per quanto sia normalmente molto più comodo che andare in aereoporto).

Per altro non tutte le tratte sono servibili in treno (montagne in mezzo, mancanza di linea, mare etc.), magari troveranno la loro nicchia.
io78bis01 Giugno 2021, 14:21 #6
Dipenderà dai costi operativi ma anche in regioni come Sicilia/Sardegna potrebbe essere una valida alternativa rispetto a creare infrastruttura ferroviaria/stradale.
Anche mini crociere del Mediterraneo se gli allestimenti possono prevedere cabine letto o simili
Mparlav01 Giugno 2021, 15:32 #7
Nei tempi del dirigibile hanno incluso anche quelli da e per il centro città, ma il tutto è maggiore di un aereo.
Il treno Oslo-Stoccolma impiega circa 7.5 ore, quindi teoricamente un'ora in più del dirigibile.
Mentre l'aereo impiega un'ora, ma devi raggiungere gli aeroporti e fare le trafile d'imbarco e sbarco. Diciamo almeno 3 ore.

Ma il biglietto del dirigibile secondo me sarà più costoso, non tanto per il carburante, ma per l'acquisto del mezzo. Leggo in rete prezzi molto elevati.

Quindi per fare la differenza, dovrebbero offrire un "plus" sul servizio che non si può avere con l'aereo o col treno.

Qualcosa che lo avvicini più a traghetti/aliscafi piuttosto che treni/aerei.
LMCH01 Giugno 2021, 16:06 #8
Visto che può caricare e scaricare passeggeri ovunque ci sia uno spazio sufficientemente ampio, sebbene sia "lento" dovrebbe essere utile per i collegamenti tra isole e terraferma oppure in zone tipo la Siberia al posto degli elicotteri e dei piccoli aerei (più economico e più sicuro).
Sarebbe bello se riescono a farcela a stare sul mercato (ci hanno già provato altri, sia per trasporto merci che passeggeri, tipo Cargolifter e Zeppelin NT).
Marko_00101 Giugno 2021, 18:09 #9
ne resterà solo uno
kreijack01 Giugno 2021, 18:17 #10
Originariamente inviato da: Pino90
@jepessen
Dicevano proprio che non ha bisogno di usare un aeroporto, quindi in teoria potrebbe atterrare anche in un piazzale molto grande. Il treno ha lo stesso problema: devi andare in stazione (per quanto sia normalmente molto più comodo che andare in aeroporto).


Non credo si possa dire che la stazione sia più comoda dell’aeroporto o viceversa: normalmente le stazioni dei treni si trovano al centro, cosa che avvantaggia chi parte dalle (arriva alle) città e svantaggia chi parte da (arriva a) fuori centro abitato. Ovviamente il contrario vale per gli aeroporti.

Un caso concreto è la tratta Roma/Milano. Se devo fare Roma centro/Milano centro il treno non ha rivali pur impegnando molto più tempo dell'aereo. Ma se parto da fuori Roma e devo arrivare in provincia di Milano, l'aereo può risultare di gran lunga vincente.

Sapevo che il grosso problema dei dirigibili sono le cattive condizioni meteo per via del rapporto "superficie esposta/potenza dei motori" molto diversa da un aereo o un elicottero. Chissà come hanno gestito quest'aspetto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^