Allo studio nel Paesi Bassi l'asfalto che si autoripara grazie all'acciaio e ai batteri

Allo studio nel Paesi Bassi l'asfalto che si autoripara grazie all'acciaio e ai batteri

Un progetto interessante è allo studio presso la Delft University dei Paesi Bassi: realizzare e rendere economicamente sostenibile un nuovo tipo di asfalto in grado di autoriparare le microfratture del manto stradale, a tutto vantaggio della sicurezza e dei costi di gestione

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
 

Circola in rete un'interessante notizia riguardante la realizzazione di un particolare asfalto in grado di autoripararsi, come riportato ad esempio da Engadget. Lo studio è portato avanti da alcuni ricercatori della Delft University, nei Paesi Bassi, che hanno già piazzato a partire dal 2010 dodici piccoli tratti attualmente sotto continuo monitoraggio. E tutto sembra funzionare.

Alla base del tutto si troviamo due componenti che non potrebbero essere più diversi fra loro (oltre al normale asfalto, ovviamente): cavi di acciaio e batteri. I primi sono filamenti che percorrono l'asfalto in grande numero e sono chiamati ad un semplice compito, almeno nel progetto originale: riscaldare il manto stradale. I secondi sono batteri particolari (la fonte non cita di che ceppo si tratti), ma con la caratteristica di produrre carbonato di calcio, ovvero il materiale alla base di molte rocce come ad esempio il marmo, le rocce calcaree e il travertino.

Un materiale che offre grande struttura, insomma, prodotto dal metabolismo dei batteri in questione. Sebbene la fonte non lo citi, ipotizziamo che il calore emanato dai cavi di acciaio (scaldati per induzione da una fonte, come ad esempio un grosso magnete) serva a mantenere un ambiente ideale per i batteri, in grado così di produrre in continuazione il carbonato di calcio che è a tutti gli effetti il materiale che va ad occupare le micro-crepe che si formano nell'asfalto con il tempo.

Il tema è molto importante: buona parte delle voragini che spesso si trovano sulle strade non sono nate dal nulla, ma erano originariamente piccole fratture che col tempo si sono deteriorate. Un sistema di "autoriparazione" potrebbe prevenire del tutto la formazione di pericolose buche (che hanno un impatto significativo sul totale degli incidenti stradali), oltre a ridurre drasticamente il costo di manutenzione delle strade stesse.

I ricercatori affermano che la realizzazione di tratti stradali dotati di questa tecnologia costeranno circa il 25% in più della media, ma in caso di pieno successo del progetto risulterebbe di gran lunga più economico visti i ridotti costi di manutenzione negli anni a seguire. I dodici tratti sperimentali sono per ora perfetti, ma sono gli stessi studiosi ad affermare che è presto per cantare vittoria: anche un asfalto normale ci mette quasi 10 anni a deteriorarsi con le prime crepe significative, motivo per cui lo studio dovrà proseguire ancora per qualche anno. Non preoccupiamoci inoltre dei batteri: se tenuti nelle condizioni ottimali possono prosperare per oltre 200 anni e, inoltre, non sono dannosi per l'uomo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
blondie6309 Maggio 2017, 18:31 #1

non lo useranno mai

In Italia non lo useranno mai altrimenti come fanno i politici a lucrare ???
Lo ZiO NightFall09 Maggio 2017, 18:40 #2
I politici? Guarda che chi ci lucra sono i privati... in Italia principalmente la famiglia Benetton.
mirkonorroz09 Maggio 2017, 20:06 #3
Originariamente inviato da: Lo ZiO NightFall
I politici? Guarda che chi ci lucra sono i privati... in Italia principalmente la famiglia Benetton.


Azz... ma allora al posto di scaldare i batteri con i fili d'acciaio, scalderanno i pidocchi e le zecche con i fili di lana
MaxFabio9309 Maggio 2017, 22:27 #4
"Perchè in Italia non lo fanno? EH?" "Ci mangiano sopra tutti, è uno schifo" tra 3...2...1...ah no già detto, troppo prevedibili

Interessante come idea, ma da qui ad arrivare ad applicarla ad intere reti stradali la vedo difficile, non facciamoci illusioni
Ginopilot10 Maggio 2017, 10:12 #5
Il politici ci fanno campagna elettorale, ma i costi dell'asfalto sono davvero altissimi.
pabloski10 Maggio 2017, 10:54 #6
Originariamente inviato da: blondie63
In Italia non lo useranno mai altrimenti come fanno i politici a lucrare ???




pensaci bene, c'hanno gia' un'altra enorme fonte di lucro...coff coff, Buzzi...coff coff

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^