Anche le autobetoniere sposano l'elettrico: ecco i primi modelli a 5 assi e fino 12 m³

Anche le autobetoniere sposano l'elettrico: ecco i primi modelli a 5 assi e fino 12 m³

Un settore interessante quello dell'elettrificazione delle autobetoniere in quanto mezzi che solitamente coprono brevi distanze, come per esempio dal sito di produzione del calcestruzzo al cantiere, e godono di molti tempi morti e tabelle di lavoro prestabilite con ampio margine: tutte caratteristiche che si sposano al meglio con la trazione elettrica

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Tecnologia
 

Presentato un progetto che coinvolgi molte aziende europee per lo sviluppo delle prime betoniere elettriche a 5 assi, per una filiera dei materiali da costruzione sempre più attenta all'ecologia ed al contenimento dei rumori e dell'inquinamento.

Una partnership tra Winterthur Designwerk, specialista di mezzi pesanti elettrici, Liebherr e Avesco, fornitori del comparto botte, Volvo e Holcim, quest'ultimo azienda svizzera committente dei primi mezzi per la propria attività di produttore di materiali da costruzione.

Il progetto in questione prevede l'entrata in servizio di tre prime autobetoniere elettriche già per la fine del 2020 al fine di iniziare a valutare i vantaggi di questa tipologia di veicolo per programmare futuri modelli da realizzare in serie.

Clicca per ingrandire

Un settore interessante quello dell'elettrificazione delle autobetoniere in quanto mezzi che solitamente coprono brevi distanze, come per esempio dal sito di produzione del calcestruzzo al cantiere, e godono di molti tempi morti e tabelle di lavoro prestabilite con ampio margine: tutte caratteristiche che si sposano al meglio con la trazione elettrica.

"L'elettromobilità per la consegna del calcestruzzo è per noi una pietra miliare importante per poter raggiungere la neutralità climatica e cicli chiusi nella fornitura di materie prime" ha dichiarato Nick Traber, CEO di Holcim Svizzera e Italia.

“Insieme a Designwerk, Avesco e Liebherr, perseguiamo l'obiettivo di acquisire quanta più esperienza possibile. Per questo motivo, stiamo introducendo due diversi tipi di batteria contemporaneamente. Vogliamo utilizzare questo primo progetto per promuovere ulteriori innovazioni ed accelerare lo sviluppo di veicoli completamente elettrici" ha spiegato Gabriel Mateescu, Performance Manager Logistics Concrete di Holcim Svizzera.

Le prime tre autobetoniere completamente elettriche saranno realizzate su telai a marchio Volvo ed equipaggiati dalla società Winterthur Designwerk con due motori elettrici distinti: uno per la trazione delle ruote e uno per la rotazione della botte.

 Bernhard Kunz, responsabile vendite Futuricum, divisione elettrica di Winterthur Designwerk, spiega:

“Le betoniere di Holcim saranno i primi veicoli commerciali completamente elettrici di questo tipo e dimensioni in tutto il mondo. Stiamo installando due pacchi batteria modulari che forniscono l'elettricità per il funzionamento. Poiché le batterie possono essere caricate durante la notte, non è necessaria alcuna espansione di rete o un'infrastruttura di ricarica rapida esterna"

Un progetto che si unisce alla già ampia proposta di veicoli elettrici della divisione Futuricum, in grado sicuramente di portare innovazione nel settore dell'approvvigionamento dei materiali di costruzione; per maggiori informazioni a riguardo vi invitiamo a visitare la pagina dell'azienda.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
phmk02 Aprile 2020, 18:17 #1

Con il peso...

Di una portaerei..
Therinai02 Aprile 2020, 18:29 #2
Vabbeh per quello che pesa una betomiera direi che le batterie saranno il minore dei problemi, da quello che ho capito più è grosso e pesante il mezzo e più è facile/conveniente elettrificarlo.

Ma poi che figata è poter dire di avere una betomiera elettrica
Opteranium02 Aprile 2020, 18:32 #3
personalmente sono molto più persuaso dall'elettrificazione di mezzi pesanti e mezzi pubblici, che hanno tempistiche e orari di utilizzo ben precisi (e quindi possibilità di ricarica senza rogne molto più facili) piuttosto che del parco macchine privato, ben più eterogeneo quanto a impiego e necessità.

Senza contare che, una tonnellata di batterie su una ruspa o un autobus, non incide poi più di tanto..
giuvahhh02 Aprile 2020, 19:01 #4
la betoniera non ha orario! al massimo è l'autista che si cambia ma non il mezzo. prima di sparare sentenze un bel giro sul forum delle betoniere.
che poi in questo mese, con la diminuzione del traffico non è calato l'inquinamento.
bonzoxxx02 Aprile 2020, 20:39 #5
12m3 di cemento pesano 324 quintali per cui il peso delle batterie anche se elevato è l'ultimo dei problemi, ottima idea a mio avviso
Vincent1702 Aprile 2020, 22:50 #6
Originariamente inviato da: bonzoxxx
12m3 di cemento pesano 324 quintali per cui il peso delle batterie anche se elevato è l'ultimo dei problemi, ottima idea a mio avviso

l'Ultimo dei problemi? quanta potenza credi sia necessaria per muovere un mostro del genere? Servirà un pacco batterie di non meno 5/10 tonnellate per muovere in sicurezza 35/40T di betoniera a pieno carico...
Per come la vedo io l'elettrico è vincente solo in macchine "da città", piccole, relativamente leggerre, e che non devono fare tanti km al giorno.

Se un domani dovessimo virare tutti sull'elettrico la vedo molto buia per i gestori delle reti elettriche...
Gnubbolo03 Aprile 2020, 00:17 #7
uno dei più efficienti mezzi pubblici di sempre fu un gyrobus con batteria a volano.
https://en.wikipedia.org/wiki/Gyrobus

in questi giorni di stop totale alla circolazione avete visto che le polveri sottili, che sono invece aumentate, non sono solo causate dal cambustibile delle auto, ma dal riscaldamento degli immobili e dai mostruosi inceneritori di spazzatura padani e dagli ipotetici venti africani..
https://www.3bmeteo.com/giornale-me...navirus--329436
https://torino.repubblica.it/cronac...ica_-252724627/
Rubberick03 Aprile 2020, 14:26 #8
A questo punto direi anche i mezzi lavaggio strade e i camion dell'immondizia.. penso che anche li si andrebbe a beneficiare molto nel passaggio all'elettrico..

Vuoi mettere avere tutti questi mezzi che per forza girano tutti i giorni in città ma con inquinamento zero in termini di emissioni ? Certi camion di questo tipo buttano nell'aria certi fumi neri..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^