Audi lascia la Formula E: il futuro è tra la Dakar e la categoria LMDh del WEC

Audi lascia la Formula E: il futuro è tra la Dakar e la categoria LMDh del WEC

Audi Sport ha annunciato di voler abbandonare dal prossimo anno il campionato della Formula E per concentrarsi principalmente nel realizzare un'automobile elettrica per la Dakar e per poter correre nella categoria hypercar nel WEC.

di pubblicata il , alle 16:51 nel canale Tecnologia
Audi
 

Addio alla Formula E! Audi Sport ha annunciato ufficialmente un cambio di strategia per quanto riguarda le competizioni sportive. Anche se la competizione delle monoposto elettriche sembrava potesse attirare sempre più interessi, il marchio tedesco ha deciso un netto cambiamento puntando su competizioni di rilievo come la Dakar e il WEC nella nuova categoria LMDh.

audi formula e

Niente più Formula E, le hypercar e la Dakar nel mirino di Audi

La società ha scritto nel comunicato stampa che "Audi sta affrontando una delle più grandi sfide nel motorsport: il marchio dei quattro anelli gareggerà per la prima volta nel famoso Rally Dakar nel 2022 con un prototipo innovativo". L'idea è quella di portare avanti l'idea di mobilità elettrica ma affrontandola da un punto diverso rispetto a quello della Formula E.

audi dakar 2022

Audi, dal 2022, dovrebbe correre con un fuoristrada con trasmissione elettrica, batteria ad alto voltaggio ricaricabile attraverso un motore endotermico TFSI. Ovviamente non mancherà la trazione integrare quattro, marchio di fabbrica dal periodo dei rally.

L'impegno viene preso in grande considerazione se si pensa che viene definito "la punta di diamante" per quanto riguarda il motorsport del brand di Ingolstadt. La Dakar è stata presa in considerazione per via della sua difficoltà tecnica e servirà come palcoscenico tecnologico per dimostrare le capacità del produttore.

La società ha anche ricordato i suoi successi nel mondo della Formula E, del quale fa parte dal 2014, inizialmente come partner del team ABT. Nel 2017 invece c'è stato il pieno controllo delle attività sportive. Audi continuerà comunque a fornire il motore elettrico per la categoria anche se mancherà l'impegno complessivo a livello tecnico.

Ma non è finita qui! Audi potrebbe tornare nella massima categoria del WEC dopo la fine del vittorioso programma LMP1 (pur proseguendo l'impegno con le R8). L'obiettivo potrebbe essere realizzare un prototipo per correre nella categoria LMDh (hypercar) per tornare a vincere a Le Mans e Daytona. Questo significa che nel prossimo futuro potremo vedere un nuovo prototipo sportivo per questa serie così da rivaleggiare contro Toyota (che si è già espressa positivamente alla notizia) e Glickenhaus e gli altri produttori.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia01 Dicembre 2020, 09:02 #1
hanno appena annunciato il nuovo motore con tutte le cosette nuove per la formula E e poi mollano.. si staranno stufati o si saranno resi conto che non è una grande vetrina per la pubblicità... strano..
LMCH01 Dicembre 2020, 23:20 #2
Tengo le dita incrociate, ma in base a quello che dicono del fuoristrada per la Dakkar, FINALMENTE un produttore sta realizzando l'auto plug-in hybrid che secondo me è l'opzione migliore in termini di riduzione dell'inquinamento.
Un auto elettrica che segue lo stesso schema di propulsione delle navi (con un generatore elettrico azionato da un motore termico) e (si spera) 4 motori elettrici a flusso assiale collegati uno per ruota che forniscono trazione integrale ed assist per sterzata e frenata.
In questo modo non c'è più bisogno della trasmissione meccanica ed il motore del generatore ed il carburante che usa vengono slegati dalla necessità di fornire incrementi di potenza rapidi perché le batterie fanno da buffer per gli spunti di potenza e la frenata rigenerativa (mentre il motore-generatore sale e scende lentamente di giri in modo da ridurre le emissioni al minimo e può essere più piccolo senza ripercussioni negative sull'accelerazione e gli spunti di coppia).
Poi sarebbe il massimo se la cosa è progettata in modo da poter "estrarre" il generatore+serbatoio quando non serve, sostituendolo con batterie aggiuntive o semplicemente per avere più spazio interno quando l'autonomia delle batterie è più che sufficiente nell'uso giornaliero.
Un sistema del genere non sarebbe più conveniente rispetto ad un auto classica con motore benzina o diesel, ma permetterebbe di abbattere di brutto le emissioni di inquinanti ed anche di passare ad auto elettriche senza dover mettere mano a tutta l'infrastruttura (si potenziano le linee solo dove conviene e per il resto o si usano cogeneratori installati nelle abitazioni o in una minoranza di casi si usa l'auto sempre in configurazione ibrida).

... ed ora la smetto con i voli di fantasia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^