Audi presenta l'elettrica PB18 e-tron: unica rivale diretta della nuova Tesla Roadster?

Audi presenta l'elettrica PB18 e-tron: unica rivale diretta della nuova Tesla Roadster?

Questa Audi PB18 e-tron, la passata estate era stata presentata come un nuovo prototipo di supercar, completamente elettrico, dotato di batterie a stato solido ed un sistema di ricarica a 800 Volt: nuove indiscrezioni pongono quest'auto non in una produzione in serie su larga scala, ma si concentrerà su un basso volume di veicoli

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
Audi
 

Audi avrebbe confermato come per assodato il proprio progetto PB18 e-tron, una supercar full electric che potrebbe arrivare sul mercato giusto giusto in concomitanza di uno dei modelli più attesi del medesimo segmento ovvero la nuova Tesla Roadster, prevista per il 2020.

Questa Audi PB18 e-tron, la passata estate era stata presentata come un nuovo prototipo di supercar, completamente elettrico, dotato di batterie a stato solido, potenza complessiva di ben 570 kW suddivisa su tre motori, ed un sistema di ricarica a 800 Volt. Il fatto di sfruttare una tecnologia di accumulo di energia non ancora presente sul mercato, includerà quest'auto non in una produzione in serie su larga scala, ma si concentrerà su un basso volume di veicoli.

Bram Schot, CEO di Audi Olanda, ha confermato la notizia, per il momento si parlerebbe si produrne soli 50 esemplari, quindi un progetto veramente esclusivo ben differente dalla fetta di mercato a cui punta Tesla e la sua Roadster.

Un'altra differenza tra la nuova sportiva di Elon Musk e questa PB18 e-tron, sarebbe la gestione di energia a bordo, per la prima si parla di un pacco batterie di ben 200 kWh, per un'autonomia fino 1.000 km, mentre questa nuova esclusiva Audi dovrebbe adottare un pacco batterie da 95 kWh, con autonomia fino 500 km, ma supportato da un sistema di ricarica a 800 V che ne garantirebbe tempi di ricarica decisamente inferiori rispetto la concorrenza.

Per quanto riguarda invece i motori Audi spiega:

"Questi ultimi motori sono posizionati centralmente tra i tiranti dello sterzo, forniscono una potenza fino a 150 kW sull'assale anteriore e 350 kW su quello posteriore: l'Audi PB18  e-tron è una vera quattro, naturalmente. La potenza massima è di 500 kW, con boosting, il guidatore potrà utilizzare temporaneamente fino a 570 kW. La coppia combinata fino a 830 Nm consente un'accelerazione da 0 a 100 km/h in poco più di 2 secondi, una velocità che differisce solo marginalmente da quella di un prototipo LMP1 attuale"

Per il momento non si dispone di ulteriori informazioni a riguardo, detto questo, il progetto Audi PB18  e-tron, se pur molto esclusivo, sembrerebbe già ad un buon punto di progettazione e con specifiche tecniche molto concrete.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

65 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder16 Gennaio 2019, 17:02 #1
200kW quanto tempo ci vuole a caricarla a casa? 20 ore con 10kW? Oppure 10 ore con 20kW? E chi ha queste potenze a casa? Scaffale
ercagno16 Gennaio 2019, 17:23 #2
Originariamente inviato da: Wonder
200kW quanto tempo ci vuole a caricarla a casa? 20 ore con 10kW? Oppure 10 ore con 20kW? E chi ha queste potenze a casa? Scaffale



In Germania ad esempio non si paga il contratto in base ai kW impegnati. 11kW sono la norma. Molti hanno gli scaldacqua istantanei con impianti da 35kW.
50 tizi che comprano questo giocattolo li trovano
andbad16 Gennaio 2019, 18:08 #3
Originariamente inviato da: Wonder
200kW quanto tempo ci vuole a caricarla a casa? 20 ore con 10kW? Oppure 10 ore con 20kW? E chi ha queste potenze a casa? Scaffale


Sempre le solite domande...tra l'altro sbagliando unità di misura. Piccolo particolare che denota lo scarso interesse verso la materia.
Ma voglio rispondere lo stesso perché sono masochista.

La ricarica casalinga va da 2kW circa dei caricatori con spina shuko fino ai 6.6kW per le wallbox.

Renault Zoe a parte, questa è la potenza massima che le auto possono ricaricare in corrente alternata. Per andare oltre serve una colonnina o wallbox in corrente continua (minimo 12k€) ed una linea elettrica trifase, che supporti potenze più elevate.

Rispondendo alla tua domanda, nel migliore dei casi per ricaricare completamente i 200kWh (questa è l'unità di misura corretta) della futura Tesla Roadster a 6,6kW di potenza servono circa 30 ore.
Sembrano tante, ma solo se fai 1000km tutti i giorni. Perché sennò bastano poche ore per i tragitti quotidiani.

Per quelle volte che scarichi quasi a zero la batteria ed il giorno dopo devi ripartire per altri 1000km, ti basta fermarti ad una colonnina rapida dove puoi rabboccare in molto meno tempo (Tesla carica fino a 150kW, questa Audi probabilmente il doppio).

Ma tu non hai un auto elettrica, quindi ti sarà difficile comprendere le logiche di ricarica.

By(t)e
Bradiper16 Gennaio 2019, 18:26 #4
Finalmente una risposta tecnica valida e intelligente senza le solite stupidaggini e luoghi comuni.
Vorrei sapere quanti di quelli che hanno una tesla ricaricano a casa???

Io vorrei dire ma che senso ha fare un auto del genere?
Avrei preferito una media abbordabile con lo stesso pacco batteria che fa 800 km e mi accelera anche in 6 secondi e più abbordabile per tutti intorno ai 25/30 mila euro, meno futuristica. Audi la capacità produttiva ce l'ha per rimanere su quei prezzi.
Flortex16 Gennaio 2019, 18:40 #5
Originariamente inviato da: andbad
Per quelle volte che scarichi quasi a zero la batteria ed il giorno dopo devi ripartire per altri 1000km, ti basta fermarti ad una colonnina rapida dove puoi rabboccare in molto meno tempo (Tesla carica fino a 150kW, questa Audi probabilmente il doppio).


Vediamo, 200kWh a 150 kW, fanno più di un'ora o sbaglio?

Una comoda sosta di un'ora e mezzo per fare rifornimento.
Quello veloce, si intende.

Troverò posto di sicuro, o va prenotato?
Perchè aspettare anche un'altra ora che si liberi il posto dal cliente precedente non sarebbe il massimo.
Flortex16 Gennaio 2019, 18:43 #6
Comunque agli amanti della auto sportive interessa qualcosa che si può notare qui.

https://youtu.be/yBAQGvHhzdM
Ginopilot16 Gennaio 2019, 19:07 #7
Originariamente inviato da: Flortex
Vediamo, 200kWh a 150 kW, fanno più di un'ora o sbaglio?

Una comoda sosta di un'ora e mezzo per fare rifornimento.
Quello veloce, si intende.

Troverò posto di sicuro, o va prenotato?
Perchè aspettare anche un'altra ora che si liberi il posto dal cliente precedente non sarebbe il massimo.


E' ottima se fai lunghe pause, per esempio ci vai al lavoro, dove la metti in ricarica e te la ritrovi "piena". Cmq per il momento le auto elettriche sono di una scomodita' assurda, ci vorranno ancora parecchi anni prima che si diffondano.
Flortex16 Gennaio 2019, 19:13 #8
Originariamente inviato da: Ginopilot
E' ottima se fai lunghe pause, per esempio ci vai al lavoro, dove la metti in ricarica e te la ritrovi "piena".


Purchè al lavoro sia garantito il posto con la colonnina.

Ora, considerando che i comuni mortali devono proprio arrangiarsi col parcheggio, mi pare un po' ottimista.

Parcheggio garantito e riservato per tutti: cominciamo con questo, poi ci mettiamo le colonnine.
481516234216 Gennaio 2019, 19:20 #9
Originariamente inviato da: andbad
Sempre le solite domande...tra l'altro sbagliando unità di misura. Piccolo particolare che denota lo scarso interesse verso la materia.
Ma voglio rispondere lo stesso perché sono masochista.

La ricarica casalinga va da 2kW circa dei caricatori con spina shuko fino ai 6.6kW per le wallbox.

Renault Zoe a parte, questa è la potenza massima che le auto possono ricaricare in corrente alternata. Per andare oltre serve una colonnina o wallbox in corrente continua (minimo 12k€) ed una linea elettrica trifase, che supporti potenze più elevate.

Rispondendo alla tua domanda, nel migliore dei casi per ricaricare completamente i 200kWh (questa è l'unità di misura corretta) della futura Tesla Roadster a 6,6kW di potenza servono circa 30 ore.
Sembrano tante, ma solo se fai 1000km tutti i giorni. Perché sennò bastano poche ore per i tragitti quotidiani.

Per quelle volte che scarichi quasi a zero la batteria ed il giorno dopo devi ripartire per altri 1000km, ti basta fermarti ad una colonnina rapida dove puoi rabboccare in molto meno tempo (Tesla carica fino a 150kW, questa Audi probabilmente il doppio).

Ma tu non hai un auto elettrica, quindi ti sarà difficile comprendere le logiche di ricarica.

By(t)e

La puoi mettere e scrivere come vuoi, ma finchè non potrò ricaricare in un tempo paragonabile a quello di oggi delle auto a combustibile, questa storia delle auto elettriche serve a poco. Oltre al fatto che le auto elettriche spostano solo l'inquinamento dal posto dove si usano al posto dove si costruiscono. Ultima considerazione anche se la più importante, secondo il CNR e un articolo sul Journal of Industrial Ecology, in media un'auto elettrica inquina più di una euro6.
Flortex16 Gennaio 2019, 19:49 #10
Originariamente inviato da: 4815162342
Oltre al fatto che le auto elettriche spostano solo l'inquinamento dal posto dove si usano al posto dove si costruiscono.


Più passa il tempo, più vedo caratteristiche di un certo tipo.

-inquinamento spostato, da casa "loro" a casa dei poveracci

-"loro" possono avere la stessa libertà di prima. I poveracci no, perchè le auto elettriche costano tantissimo, ed hanno tempi di ricarica improbabili, a meno di non avere particolari infrastrutture. Che "loro" hanno, i poveracci no.

-parcheggi riservati per "loro". Gli altri si arrangino.

-divieto di circolazione per gli altri poveracci.

Il tutto ampiamente sussidiato dai poveracci, a vantaggio "loro".

Non è bellissimo?

"Populista" - "hater" - "complottista" in 3, 2, 1....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^