Auto elettriche: Dyson rinuncia a entrare nel settore

Auto elettriche: Dyson rinuncia a entrare nel settore

Due anni fa venivano alla luce i piani di Dyson riguardo all'ingresso nel settore delle auto elettriche. Il piano si è risolto in un nulla di fatto, secondo un annuncio sullo stesso sito della compagnia

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Tecnologia
Dyson
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zappz11 Ottobre 2019, 13:31 #11
Originariamente inviato da: Ginopilot
Negli anni 70/80 c'era il fai da te per le puma
Cmq il problema maggiore sara' relativo alla sicurezza, le batterie sono davvero troppo pericolose.


Si in Italia e' ti fanno passare la voglia di far qualsiasi cosa, qui per omologare un mezzo stradale e' un delirio, pero' mi aspetto di vedere nascere tanti piccoli artigiani costruttori di auto elettriche nel resto del mondo...
cronos199011 Ottobre 2019, 13:34 #12
Originariamente inviato da: Ginopilot
Cmq il problema maggiore sara' relativo alla sicurezza, le batterie sono davvero troppo pericolose.
Pile atomiche, ecco il futuro
Paganetor11 Ottobre 2019, 14:12 #13
costruire un'auto elettrica è "relativamente" più semplice. E comunque il problema più grosso è l'industrializzazione del processo. Ci sono tanti modi per fare le cose: molti producono scarti, con altri arrivi al risultato voluto ma costa troppo, altri ancora non garantiscono la ripetibilità, infine pochi fanno tutto e bene.

Con i numeri contenuti dei veicoli elettrici il rischio di fare la cavolata è ancora più alta...
Cappej11 Ottobre 2019, 14:22 #14
Originariamente inviato da: cronos1990
Pile atomiche, ecco il futuro


Chiaro, come quello di Terminator!

comunque, anche Apple ha fatto lo stesso.. quindi i problemi, ci sono di sicuro.

In verità non mi dispiace molto per quello "sboroncello" del sig. Dyson che disse che lui era il vero genio rivoluzionario...
Ginopilot11 Ottobre 2019, 15:29 #15
Originariamente inviato da: Cappej
Chiaro, come quello di Terminator!

comunque, anche Apple ha fatto lo stesso.. quindi i problemi, ci sono di sicuro.

In verità non mi dispiace molto per quello "sboroncello" del sig. Dyson che disse che lui era il vero genio rivoluzionario...


Di rivoluzioni in campo automotive elettrico sino ad ora non se ne sono viste.
giuliop11 Ottobre 2019, 16:16 #16
Originariamente inviato da: Paganetor
Eccone un altro che decide che costruire auto sia facile e che tutti gli altri costruttori storici siano dei deficienti che non hanno capito niente in 100 anni di attività...


Da cosa trai ciò?

Direi che è molto difficile che Dyson pensi che sia tutto facile, anzi è il contrario. Se ti vai a vadere la sua storia scoprirai che i suoi aspirapolvere hanno avuto successo dopo anni e anni di prototipi (*migliaia*), fallimenti, tentativi di plagio, etc., solo perché è uno che non molla e perché il prodotto era, in generale, valido.

L'auto è stata costruita e gli investiimenti sono stati tutt'altro che indifferenti: il problema, come dicono esplicitamente, è quanto sia commercialmente fattibile, e se hanno deciso di "buttare" miliardi di sterline direi che possiamo stare sicuri che ci hanno pensato molto, molto bene.

Originariamente inviato da: Mparlav
Ma i soldi dello Stato se li tengono?


I soldi sono stati investiti, in che senso "se li tengono"?

Originariamente inviato da: Ginopilot
Di rivoluzioni in campo automotive elettrico sino ad ora non se ne sono viste.


Eccetto il fatto che l'intero settore prima non esisteva. Devi toglierti le fette di salame dagli occhi.
Ginopilot11 Ottobre 2019, 16:19 #17
Originariamente inviato da: giuliop
Da cosa trai ciò?

Direi che è molto difficile che Dyson pensi che sia tutto facile, anzi è il contrario. Se ti vai a vadere la sua storia scoprirai che i suoi aspirapolvere hanno avuto successo dopo anni e anni di prototipi (*migliaia*), fallimenti, tentativi di plagio, etc., solo perché è uno che non molla e perché il prodotto era, in generale, valido.

L'auto è stata costruita e gli investiimenti sono stati tutt'altro che indifferenti: il problema, come dicono esplicitamente, è quanto sia commercialmente fattibile, e se hanno deciso di "buttare" miliardi di sterline direi che possiamo stare sicuri che ci hanno pensato molto, molto bene.



I soldi sono stati investiti, in che senso "se li tengono"?



Eccetto il fatto che l'intero settore prima non esisteva. Devi toglierti le fette di salame dagli occhi.


Prima di cosa? I costi delle batterie sono scesi e la tecnologia al litio ha consentito di aumentare l’autonomia, ma mi ricordo di auto elettriche già qualche decennio fa.
gnpb11 Ottobre 2019, 16:24 #18
Veramente le auto elettriche sono nate ben prima di quelle a scoppio, il mercato c'era già agli inizi del '900.
Sono state poi soppiantate dal motore a scoppio per gli stessi motivi per i quali sono di difficile gestione oggi.
Mparlav11 Ottobre 2019, 17:38 #19
Originariamente inviato da: cronos1990
Ma fai conto che sono quasi "noccioline" i soldi dati dallo stato rispetto al budget investito direttamente dalla Dyson (2,5 miliardi). Senza contare che tutto il personale sarà riallocato senza alcun licenziamento, o con una buona uscita da parte dell'azienda se qualcuno volesse andare via.
E che gran parte del lavoro non sarà buttato, andando a confluire in diverse sue parti in altri progetti e prodotti.

Diciamo che non è come il tipico finanziamento di stato italiano ad aziende italiane


Dyson ha pianificato quell'investimento, ma dubito che li abbia già cacciati fuori, visto il risultato.

Originariamente inviato da: giuliop
Da cosa trai ciò?

I soldi sono stati investiti, in che senso "se li tengono"?


174 milioni di £ per un progetto che è stato a malapena avviato.
Chissà chi ci ha rimesso di più tra Stato e Dyson: io dico il primo.
Ma dopo tutto, sono solo fatti loro.
giuliop16 Ottobre 2019, 16:38 #20
Originariamente inviato da: Ginopilot
Prima di cosa? I costi delle batterie sono scesi e la tecnologia al litio ha consentito di aumentare l’autonomia, ma mi ricordo di auto elettriche già qualche decennio fa.


Certo, e io mi ricordo benissimo quando usavo Internet 30 anni fa, e ora semplicemente le infrastrutture moderne hanno consentito di aumentare velocità e capillarità, quindi non c'è stata alcuna rivoluzione nelle comunicazioni, giusto?
Del resto è tutto facile quando lo riduciamo ad una frasetta su di uno schermo.

Originariamente inviato da: gnpb
Veramente le auto elettriche sono nate ben prima di quelle a scoppio, il mercato c'era già agli inizi del '900.
Sono state poi soppiantate dal motore a scoppio per gli stessi motivi per i quali sono di difficile gestione oggi.


Idem come sopra. Stai veramente cercando di confrontare le macchine elettriche del 19° secolo con quelle moderne? Quel "mercato" (ammesso che si potesse definire tale) è morto e sepolto: quello attuale è completamente diverso.

Originariamente inviato da: Mparlav
Dyson ha pianificato quell'investimento, ma dubito che li abbia già cacciati fuori, visto il risultato.

174 milioni di £ per un progetto che è stato a malapena avviato.


Lo stesso vale per il contributo statale, di cui Dyson ha concretamente usato https://www.newscientist.com/article/2219673-cancelled-dyson-electric-car-project-received-5m-from-uk-government/"][U]5 milioni di sterline[/U][/URL].

Chissà chi ci ha rimesso di più tra Stato e Dyson: io dico il primo.
Ma dopo tutto, sono solo fatti loro.


Io invece direi Dyson. Credo che quello che lo stato/i cittadini ci abbia rimesso sia invece molto più importante, ovvero un tassello, a fronte di un modesto investimento (per VW si parla di 50 miliardi di dollari), al fine di diminuire l'inquinamento - almeno secondo lo stato stesso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^