BMW, Active Cruise Control per le due ruote: controllo della distanza anche tra moto e moto

BMW, Active Cruise Control per le due ruote: controllo della distanza anche tra moto e moto

"Un viaggio rilassante con controllo automatico della velocità di crociera, senza dover pensare a gestire la velocità di guida e la distanza dal veicolo che precede. Con Active Cruise Control (ACC) BMW Motorrad offrirà presto questo tipo di sistema di assistenza alla guida, offrendo così ai motociclisti un'esperienza di guida completamente nuova e più confortevole"

di pubblicata il , alle 19:41 nel canale Tecnologia
BMW
 

BMW Motorrad ha annunciato di avere in programma il lancio del nuovo Active Cruise Control (ACC), un sistema sviluppato in collaborazione con Bosch e pensato per essere applicato sulle grosse moto da turismo al fine di offrire un'esperienza di assistenza alla guida ancora più evoluta dell'attuale Dynamic Cruise Control (DCC).

Il nuovo sistema integra il controllo della distanza tra moto ed i veicoli che precedono, automatizzando e semplificando la guida durante ad esempio le lunghe tratte autostradali.


Clicca per ingrandire

L'ACC, una volta inserito, adatta automaticamente la velocità della motocicletta alla velocità del veicolo che ha davanti, indifferente che si tratti di un auto, di un mezzo pesante o di un'altra moto, mostrando tutte le relative informazioni sul cruscotto di bordo.

Due le modalità di funzionamento, modalità comfortable o modalità dynamic, rispettivamente configurate per offrire un comportamento di accelerazione e decelerazione per una guida più tranquilla o reattiva.

Il controllo della distanza può anche essere disattivato passando così al più semplice e già noto sistema Dynamic Cruise Control (DCC). Il BMW Motorrad Active Cruise Control funziona anche in curva, regolando automaticamente e proporzionalmente la velocità di percorrenza e fornendo un adeguato angolo di piega alla moto.


Clicca per ingrandire

"Un viaggio rilassante con controllo automatico della velocità di crociera, senza dover pensare a gestire la velocità di guida e la distanza dal veicolo che precede. Con Active Cruise Control (ACC) BMW Motorrad offrirà presto questo tipo di sistema di assistenza alla guida, offrendo così ai motociclisti un'esperienza di guida completamente nuova e più confortevole."

"L'ACC è sviluppato in collaborazione con il partner Bosch. La pluriennale esperienza di entrambe le società con i sistemi di assistenza alla guida nel settore delle autovetture è stata riversata nel mondo delle due ruote."


Clicca per ingrandire

Un sistema di assistenza alla guida ricavato dal mondo delle quattro ruote ma opportunamente sviluppato per essere in grado di gestire parametri e condizioni ben più complesse e legate al solo mondo delle due ruote. Una sicurezza in più per tutti quei motociclisti che macinano chilometri su chilometri in autostrada dove monotonia del manto stradale, velocità sostenute e traffico possono generare spiacevoli distrazioni e situazioni pericolose.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tasslehoff02 Luglio 2020, 00:17 #1
Boh, sarò strano però non riesco proprio a capirli gli accessori di questo tipo su una moto, e tra questi includo anche ogni tipo di controllo elettronico.

Per me il bello di andare in moto è la sensazione di libertà e controllo che ti da, usare i propri sensi, il proprio equilibrio e la propria capacità di usarla è parte stessa dell'esperienza di guida e tecnologie del genere vanno proprio nella direzione opposta.

Poi personalmente parto dal presupposto (ammetto un po' ereditato dalla mia professione) del "meno cose ci sono, meno cose si romperanno", e questo è fondamentale su un mezzo a due ruote se pensato per lunghi viaggi o in generale "moto adventure".

Non è un caso che imho l'unico produttore che negli ultimi anni ha proprio azzeccato la formula giusta nel campo del moto adventure è Yamaha con la nuova Tenere 700, ha giusto l'ABS perchè obbligatorio per legge, ma per il resto è una moto fantastica e facile da gestire anche per il principiante perchè ha ottime caratteristiche, e non elettronica che la addomesticano.
chuckbird02 Luglio 2020, 07:45 #2
Non è che sei strano tu, al contempo però non riesci a capirli in quanto probabilmente non fai o fai poca autostrada. Un viaggio in moto o un giro molto lungo infatti difficilmente, purtroppo, potrà escludere le tratte autostradali. Spesso queste ultime sono anche particolarmente lunghe. Non c'è, almeno per me, cosa più noiosa di andare in autostrada con la moto. In questi frangenti, e su moto di un certo tipo (come le grosse moto turistiche o anche le grosse moto stile GS e via dicendo) accessori come questo rischiano di fare la differenza in senso positivo, agevolando in tal senso la guida rendendola meno faticosa. Sull'auto, posso assicurarti che il CCA, è una manna dal cielo. E siccome sulla moto è già di grande aiuto il CC visto che ti toglie dall'obbligo di stressare il polso destro per tenere ruotato per ore l'acceleratore, il CCA darà quell'aiuto in più che oltre ad aumentare la sicurezza contribuirà a migliorare il tempo speso in autostrada. O di certo non lo peggiorerà.
Ovvio che se il motociclismo che contempli riguarda brevi giri fuori porta piuttosto che il recarti esclusivamente in località prossime alla tua abitazione la cosa perde di significato.
Così come mi pare superfluo dire che simili accorgimenti a nulla servono mentre percorri la strada per salire sul passo. Relativamente al discorso "meno cose ci sono meno se ne possono rompere" è vero sulla carta. Praticamente, oggi non è così, in quanto le componentistiche sono tutte altamente standardizzate, ultra testate ed affidabili. Le aziende che le fanno sono sempre le stesse (Bosch, continental, magneti marelli...) Specialmente quelle elettroniche. Ovvio che se ti rivolgi alla casa cinese produttrice di moto con marchio Italiano, la cosa può essere come dici specialmente a medio e lungo termine. Ma relativamente alle case navigate non c'è trippa per gatti. Salvo eccezioni. E non basarti su quello che scrivono nei forum, dove compaiono solo coloro i quali hanno problemi di ogni tipo e rimangono in silenzio tutti gli altri che sono quasi sempre la maggioranza. Relativamente al discorso moto azzeccate: da decenni a questi a parte la moto che batte di netto la concorrenza è sempre la stessa... che poco o nulla ha a che vedere con la Tenere 700 che citi e che in un certo senso rimane una moto di nicchia e decisamente meno efficacie specialmente sulle lunghe tratte di cui parlavamo prima
Zappz02 Luglio 2020, 08:49 #3
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Boh, sarò strano però non riesco proprio a capirli gli accessori di questo tipo su una moto, e tra questi includo anche ogni tipo di controllo elettronico.

Per me il bello di andare in moto è la sensazione di libertà e controllo che ti da, usare i propri sensi, il proprio equilibrio e la propria capacità di usarla è parte stessa dell'esperienza di guida e tecnologie del genere vanno proprio nella direzione opposta.

Poi personalmente parto dal presupposto (ammetto un po' ereditato dalla mia professione) del "meno cose ci sono, meno cose si romperanno", e questo è fondamentale su un mezzo a due ruote se pensato per lunghi viaggi o in generale "moto adventure".

Non è un caso che imho l'unico produttore che negli ultimi anni ha proprio azzeccato la formula giusta nel campo del moto adventure è Yamaha con la nuova Tenere 700, ha giusto l'ABS perchè obbligatorio per legge, ma per il resto è una moto fantastica e facile da gestire anche per il principiante perchè ha ottime caratteristiche, e non elettronica che la addomesticano.


Una volta la pensavo così anche io, ma alla fine mi sono ricreduto... ABS e controllo trazione possono fare veramente la differenza e in genere si possono anche disinserire nel caso si voglia fare una guida piu' tradizionale.

Il cruise control in moto non l'ho mai provato, ma non vedo cosa ci sia di male, se proprio uno non si trova non lo attiva...
Alekx21 Luglio 2020, 17:22 #4
Io sono un motociclista turista da 30 anni oramai e devo dire che sinceramente non ho mai sentito l'utilita' di questi marchingegni.

L'autostrada quando devo raggiungere posti molto lontani la prendo ma il male al polso o il polso stressato sinceramente non l'ho mai avuto.

Che poi aumentano la sicurezza in moto, non c'e' dubbio, ma lasciano a mio parere troppo tranquillo il pilota che invece normalmente dovrebbe essere sempre molto vigile o se pensi sempre che tanto ci pensa l'elettronica a salvarti il culo rischi anche di essere troppo tranquillo.

Oggi tra antislittamento, ABS (l'unica cosa che accetto volenteri), centraline che mappano il motore in 300 condizioni diverse, frenata intelligente che si accorge se la moto e' carica o meno ripartendo la frenata in automatico anche sul posterioriore, overdrive etc. etc. fanno aumentare solo i costi a dismisura delle moto e molto spesso fanno anche perdere il manico di portarle.

Scusate lo sfogo ma siamo arrivati a pagare piu' l'elettronica che il pezzo di ferro, assurdo.
Zappz21 Luglio 2020, 20:11 #5
Anche io sono motociclista di lunga data e tendenzialmente posso capire i tuoi discorsi, pero' so anche bene che basta una scivolata per buttare via una moto e farsi pure male, percio' se il controllo trazione mi puo' salvare anche solo una volta allora ben venga! Tanto di certo non e' un controllo elettronico a fare il manico nel guidare una moto.
Alekx22 Luglio 2020, 15:03 #6
Originariamente inviato da: Zappz
Anche io sono motociclista di lunga data e tendenzialmente posso capire i tuoi discorsi, pero' so anche bene che basta una scivolata per buttare via una moto e farsi pure male, percio' se il controllo trazione mi puo' salvare anche solo una volta allora ben venga! Tanto di certo non e' un controllo elettronico a fare il manico nel guidare una moto.


Non sono d'accordo su tutto perche' io con la moto ho guidato in ogni condizione di tempo, caldo, gelo, neve, pioggia etc. etc.
In 30 anni ringraziando dio le moto sono sempre migliorate in ogni aspetto ma in assenza di elettronica era l'esperienza maturata che ti dava la possibilita' di affrontare le difficolta' quando le trovavi.

E' un po' come le macchine di F1 come diceva il mitico Niky Lauda, quelle di oggi le saprebbero portare anche le scimmie.
Zappz22 Luglio 2020, 16:02 #7
Percio' quanti mondiali hai vinto grazie al tuo manico?
!fazz22 Luglio 2020, 16:20 #8
beh io non lo trovo così malvagio sicuramente aumenta la sicurezza e riduce il fastidio dell'autostrada imho gli auti elettronici sono utilissimi sopratutto l'abs e il traction (non sono fondamentali ma ti salvano da una caduta poche storie, quando intervengono significa che già stavi rischiando troppo) io di moto ne ho due una completamente analgica e una con traction e abs ed onestamente c'è un'abisso nella sicurezza (le moto hanno 8 anni di differenza non 80)

come aiuto l'unica cosa che effettivamente troverei comodo è un limitatore di velocità per l'autostrada in mancanza di cruse tradizionale / acc per evitare quelle multe di distrazione tipo i 71 post riduzione in supestrada in sesta

poi io tendenzialmente tento di evitare l'autostrada accettando di allungare di molto la tratta proprio per evitare la noia
Alekx22 Luglio 2020, 17:49 #9
Originariamente inviato da: Zappz
Percio' quanti mondiali hai vinto grazie al tuo manico?


Chi si loda si sbroda dice un proverbio, e io non ho lodato certo il mio manico, ma ho constatato solo alcune mie perplessita' in merito.

Nonostante i miei 30 anni sulle spalle sicuramente ce' chi ne sa molto piu' di me e ha percorso sicuramente piu' km di me avendo un esperienza di guida maggiore della mia e spesso quando incontro queste persone cerco di "rubare" le esperienze che hanno vissuto il piu' possibile dalle chiacchierate che faccio con loro.

Quindi a tirar le somme non ho vinto nessun mondiale perche' non e' il mio obioettivo e non lo e' mai stato, lo fara' qualcun altro al posto mio se vuole.
Alekx22 Luglio 2020, 17:54 #10
Originariamente inviato da: !fazz
beh io non lo trovo così malvagio sicuramente aumenta la sicurezza e riduce il fastidio dell'autostrada imho gli auti elettronici sono utilissimi sopratutto l'abs e il traction (non sono fondamentali ma ti salvano da una caduta poche storie, quando intervengono significa che già stavi rischiando troppo) io di moto ne ho due una completamente analgica e una con traction e abs ed onestamente c'è un'abisso nella sicurezza (le moto hanno 8 anni di differenza non 80)

come aiuto l'unica cosa che effettivamente troverei comodo è un limitatore di velocità per l'autostrada in mancanza di cruse tradizionale / acc per evitare quelle multe di distrazione tipo i 71 post riduzione in supestrada in sesta

poi io tendenzialmente tento di evitare l'autostrada accettando di allungare di molto la tratta proprio per evitare la noia


Anche io i tratti che faccio in autostrada sono quelli che proprio non posso evitare sia per noia e sia per i costi assurdi che una moto deve affrontare come pedaggio, al pari di una macchina.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^