Bosch reinventa le alette parasole per le auto. Dopo 95 anni diventano ''intelligenti''. Guardate

Bosch reinventa le alette parasole per le auto. Dopo 95 anni diventano ''intelligenti''. Guardate

Secondo studi l'abbagliamento provoca migliaia di incidenti all'anno, quasi il doppio di qualsiasi altra situazione. Per questo sono state posizionate da quasi 100 anni le alette parasole negli autoveicoli. Bosch vuole rinnovarle rendendole ''smart''.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
Bosch
 

Le alette parasole presenti in tutte le automobili ma anche nei camion o in altri autoveicoli permettono di dare sicurezza nei momenti di riflesso solare. E sappiate che secondo alcune ricerche l'abbagliamento da sole o luce provoca solitamente migliaia di incidenti stradali all'anno, quasi il doppio di qualsiasi altra situazione anche meteorologica. Per questo Bosch ha deciso di rinnovare il suo lavoro nell'aumentare la sicurezza alla guida e al CES 2020 di Las Vegas ha voluto presentare un nuovo progetto proprio sulle alette parasole facendole divenire ''intelligenti'' e ''smart''.

Secondo Bosch la tradizionale aletta parasole odierna non è più efficace per fronteggiare alcune situazioni che gli automobilisti possono incontrare durante la guida. Questo perché l'aletta spesso blocca non del tutto il sole negli occhi del guidatore o magari perché pur parando il riflesso, la presenza del pannello, limita la vista. Per questo l'azienda ha deciso di inventarsi qualcosa che fosse digitale piuttosto che fisico: ecco dunque la nuova visiera "virtuale LCD".

Bosch: la visiera virtuale LCD per il futuro

L’idea di Bosch, presentata al CES 2020, è rivoluzionaria. Virtual Visor, infatti va a sostituire la classifica aletta con un dispositivo LCD trasparente e con una telecamera. Bosch implementa algoritmi intelligenti per proteggere intuitivamente dall’abbagliamento da sole senza limitare la visuale della strada. Virtual Visor, grazie a una videocamera interna, monitora il volto del conducente durante la guida. Si avvale dell’IA per mappare i punti specifici del viso, ovvero gli occhi, il naso e la bocca, e individuare le ombre sul volto stesso. L’algoritmo analizza costantemente la visuale del guidatore, oscurando solo la sezione del display attraverso cui la luce colpisce gli occhi dell’automobilista. Il resto del display rimane trasparente, senza limitare le aree del campo visivo del guidatore.

L’uso della tecnologia dei cristalli liquidi riduce il pericoloso abbagliamento da sole, il disagio per il guidatore e il rischio di incidenti aumentando visibilità, comfort e sicurezza. "Per la maggior parte dei conducenti di tutto il mondo, come sappiamo, l'aletta parasole non è sufficiente per evitare pericolosi abbagliamenti, specialmente all'alba e al tramonto, quando il sole può ridurre notevolmente il campo visivo" ha commentato Steffen Berns, presidente di Bosch.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Manu197609 Gennaio 2020, 21:56 #1
fiigo! 20 anni fa sarebbe stato benissimo in un film di fantascienza
mi chiedo allora: perché non integrare il meccanismo direttamente nel cristallo anteriore?
D4N!3L309 Gennaio 2020, 22:06 #2
Originariamente inviato da: Manu1976
fiigo! 20 anni fa sarebbe stato benissimo in un film di fantascienza
mi chiedo allora: perché non integrare il meccanismo direttamente nel cristallo anteriore?


E se la telecamera si guasta?
djfix1309 Gennaio 2020, 22:49 #3
più che altro: perchè si vede il reticolo a nido d'ape che rompe le scatole?
D4N!3L309 Gennaio 2020, 23:02 #4
Originariamente inviato da: djfix13
più che altro: perchè si vede il reticolo a nido d'ape che rompe le scatole?


Probabilmente per individuare i settori che possono oscurarsi o più probabilmente perché fa figo. Io però lo trovo pericoloso davanti agli occhi, per non parlare del possibile lag introdotto da una telecamera.

Se inoltre la telecamera si ostruisce per qualche motivo?
Mak7309 Gennaio 2020, 23:27 #5
Perchè non fare semplicemente un vetro con un normalissimo LCD che possa variare dal trasparente fino ad un certo grado di oscuramento, tipo le lenti fotocromatiche. Poi come si diceva implementarlo nel parabrezza, perchè il sole può arrivare anche di traverso dalla parte opposta.
Marko#8810 Gennaio 2020, 07:41 #6
Zurlo10 Gennaio 2020, 08:38 #7
Potrebbe tranquillamente essere una installazione fissa sul parabrezza.
Ragerino10 Gennaio 2020, 09:19 #8
Originariamente inviato da: Manu1976
mi chiedo allora: perché non integrare il meccanismo direttamente nel cristallo anteriore?



Perche l'intero parabrezza probabilmente avrebbe il costo di una Fiat Panda.
E anche se costasse meno, avrebbe comunque dei costi spropositati rispetto ad un vetro normale.
Senza considerare il fatto che a quanto si vede, è composto da sezioni che si oscurano. E se si dovesse guastare? E se il vetro diventasse nero all'imrovviso mentre sei un autostrada?
canislupus10 Gennaio 2020, 09:30 #9
Come le telecamere al posto degli specchietti retrovisori.
Su certe cose l'elettronica andrebbe evitata perchè introduce solo un ulteriore elemento di possibile guasto (oltre ad aumentare considerevolmente i costi di manutenzione).
Simonex8410 Gennaio 2020, 09:33 #10
Originariamente inviato da: canislupus
Come le telecamere al posto degli specchietti retrovisori.
Su certe cose l'elettronica andrebbe evitata perchè introduce solo un ulteriore elemento di possibile guasto (oltre ad aumentare considerevolmente i costi di manutenzione).


nell'automotive ci sono normative molto stringenti, se un accessorio fondamentale alla guida arriva alla vendita è perchè la probabilità di guasto è molto, molto, molto bassa.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^