Citroën Ami provata sulle strade di Milano: le prime impressioni

Citroën Ami provata sulle strade di Milano: le prime impressioni

Citroën Ami è una piccola auto elettrica da meno di 6 mila Euro guidabile dai 14 anni. L'abbiamo provata a Milano

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Tecnologia
Citroen
 

Citroën Ami è un veicolo che ha suscitato interesse sia per le sue caratteristiche di mobilità che per la peculiare estetica, un incrocio tra suggestioni del passato e modernità, con spigoli netti e uno stile il più possibile minimalista. Rappresenta una risposta da parte del costruttore francese rispetto alle nuove esigenze di mobilità e alle nuove sfide di impatto ambientale.

Citroën Ami a partire dai 14 anni, senza patente

Non stiamo parlando di una vera e propria auto, ma di un quadriciclo leggero guidabile anche senza patente. Un tipo di veicolo che spesso viene definito anche come microcar e che risponde alle più recenti esigenze di mobilità, soprattutto per quanto riguarda i sempre più congestionati e inquinati scenari urbani. Citroën Ami arriva a una velocità massima di 45 Km/h, mentre l'autonomia si spinge fino a 75 chilometri.

È un'auto compatta per due persone realizzata con lo scopo di ridurre il più possibile i costi di produzione e sfruttare al meglio le economie di scala. A partire dalle portiere, identiche, che si aprono in maniera differenziata. Questo perché il veicolo vuole essere il frutto di un processo di costruzione ingegnoso, costituendosi di meno di 250 componenti. Citroën Ami si caratterizza, inoltre, per ampie superfici vetrate e tetto panoramico, che servono a garantire luminosità all'interno dell'auto. Gli interni si possono inoltre personalizzare aggiungendo reti portaoggetti e vassoi. Nell'auto che ci è stato messo a disposizione anche un altoparlante Bluetooth.

È presente un sistema per tenere lo smartphone in posizione fissa, in modo che possa fungere da display multimediale e navigatore. Un ulteriore spazio è stato ricavato ai piedi del passeggero per poter posizionare oggetti e bagagli, che possono essere sistemati anche in un secondo alloggiamento nella parte posteriore del veicolo. Lo spazio all'interno è sufficiente perché due persone viaggino in maniera assolutamente confortevole, ed è degna di nota la visibilità, eccezionale grazie al tetto panoramico (purtroppo non apribile), così come da rimarcare è il livello di luminosità di cui si gode all'interno dell'abitacolo.

Facile da parcheggiare

Gli pneumatici hanno un diametro di 14 pollici e offrono un diametro di sterzata comunque sufficiente, di 7,2 metri. Fanno parte assolutamente della filosofia Ami anche i finestrini, manuali con apertura basculante verso l’alto, richiamando ancora una volta il passato della casa francese. Il veicolo è decisamente compatto, dicevamo, presentando le seguenti misure: 1,52 metri in altezza, 1,36 metri in profondità e 2,41 metri in lunghezza. Misure che la rendono facile da parcheggiare e in grado di intrufolarsi in tutti i pertugi di una città affollatissima come Milano.

I clienti di Citroën Ami possono anche personalizzare il veicolo, aggiungendo una rete di separazione centrale o le reti di contenimento per le portiere, scegliere fra 4 differenti copri-ruota e fra 2 sticker per le portiere e altri due per le fiancate. La carrozzeria è proposta nella varianti My Ami Grey, My Ami Blue, My Ami Orange e My Ami Khaki.

Citroën Ami

Citroën Ami: un abitacolo chiuso, spazioso e protetto

Parliamo di un abitacolo chiuso, spazioso e protetto, con una struttura tubolare in acciaio ed esterni in plastica. Un veicolo che prima di ogni cosa vuole essere funzionale e subito accessibile, completamente elettrico. Talmente facile da guidare che si può gestire quasi esclusivamente con il solo pedale dell'acceleratore: il rilascio di quest'ultimo abilita il servo freno e fornisce sufficiente capacità frenante per quasi ogni circostanza. Anche la ricarica è resa alla portata di tutti: servono circa 3 ore con una presa elettrica standard da 220 V.

La batteria, che purtroppo non è estraibile, si trova sotto al pianale, e incide poco sul peso del veicolo, che complessivamente si attesta sui 471 KG. Si tratta di una batteria da 5,5 kWh capace di erogare una potenza di 8 CV (6 kW). Sulle strade di Milano tutti si voltano a osservarvi, per cercare di scoprire quale nuova "diavoleria" i produttori di autoveicoli hanno escogitato, mentre dovrete intendere l'acceleratore come un qualcosa di digitale, nel senso che vi servirà tutta la spinta e tutta la potenza di Citroën Ami per colmare il gap con gli altri veicoli in fase di ripartenza dai semafori.

Curiosa l'assenza di un retrospecchietto centrale, così come di qualsiasi tipo di soluzione di tendina parasole. Anche il fatto che la freccia, una volta inserita, non si disinserisse automaticamente ci fa pensare che il veicolo che ci è stato fornito in dotazione fosse ancora non definitivo. Restano gli elementi di innovazione di questo progetto, che ci proietta in un futuro che non può essere, perlomeno per i centri urbani come Milano, solo di veicoli ingombranti e a motore endotermico.

Pagabile a rate di 19,99 € al mese

L'esperienza di acquisto di Citroën Ami è di tipo 100% digitale, nel senso che il veicolo potrà essere acquistato da internet senza recarsi in concessionaria, con la possibilità di scegliere la consegna direttamente a casa. Citroën Ami potrà essere ordinata in Italia da metà novembre e le prime consegne sono previste per gennaio 2021. Il prezzo parte da 5.430 euro, considerando gli ecoincentivi statali. Ma non è tanto questo ad essere interessante, quanto la possibilità di poter noleggiare Citroën Ami secondo le proprie peculiari esigenze, per esempio per un giorno, una settimana, un mese o un anno e più. Inoltre, si può decidere di versare un primo canone da 1.990 € (con ecobonus statale 2020) o 1.260 € (con econobonus statale 2020 e rottamazione veicolo categoria «L» Ante-EU3) e poi pagare 35 comode rate, addirittura da 19,99 € al mese. Insomma, non male potersi portare a casa un veicolo del genere e pagarlo quanto un abbonamento a internet.

Qui altri dettagli su Citroën Ami.

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino09 Ottobre 2020, 10:52 #1
'senza patente' è una balla.
Il 'patentino' è richiesto comunque, ed è molto simile ad una patente normale. Semplicemente lo stato ti munge più volte costringendo a ridare più volte lo stesso l'esame per potere guidare veicoli diversi.

Il mercato del motorino è morto per una ragione.
Ashitaka36009 Ottobre 2020, 10:53 #2
Non mi dispiacerebbe affatto, certo sarebbe meglio se non fosse orrendamente brutta.
Pino9009 Ottobre 2020, 11:02 #3
Io la trovo carinissima! Ma che bella idea. 5.500 euro è anche un prezzo che trovo piú o meno giusto per un veicolo di questo tipo.
Vindicator2309 Ottobre 2020, 11:13 #4
peggior design della storia davvero un orrore pazzesco

giuro non riesco neanche a guardare la foto per oltre 10 secondi
s0nnyd3marco09 Ottobre 2020, 11:20 #5
Questa macchina genera' le proteste dei netturbini, i quali inevitabilmente confusi, la scambieranno per un cassonetto e proveranno a svuotarla.
TorettoMilano09 Ottobre 2020, 11:24 #6
https://media.gqitalia.it/photos/5e...%20AMI%2001.jpg

https://www.citroenorigins.it/sites...g?itok=Z7LH95XO

magari renderanno disponibile pure il concept

comunque con mezzi del genere il car sharing diventerà sempre più economico e green. molto bene
Ashitaka36009 Ottobre 2020, 11:31 #7
Originariamente inviato da: Vindicator23
peggior design della storia davvero un orrore pazzesco

giuro non riesco neanche a guardare la foto per oltre 10 secondi


Se con design intendi estetica sono anche d'accordo, ma il design come concetto mi pare fichissimo, soprattutto considerato il prezzo.

Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Questa macchina genera' le proteste dei netturbini, i quali inevitabilmente confusi, la scambieranno per un cassonetto e proveranno a svuotarla.


...Ok, hai vinto.
s0nnyd3marco09 Ottobre 2020, 12:13 #8
Originariamente inviato da: Ashitaka360
...Ok, hai vinto.

29Leonardo09 Ottobre 2020, 12:51 #9
Con quel design potevano chiamarla direttamente AmiU
Utonto_n°109 Ottobre 2020, 13:10 #10
A parte la linea da cassonetto, l'orribile freno a mano in mezzo alle scatole, una cosa molto importante non è specificata nell'articolo: c'è la climatizzazione? riscaldamento? aria condizionata?
sono fondamentali come accessori, in certe aree geografiche puoi crepare dal caldo o congelare...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^