Collisione tra drone ed elicottero: Black Hawk (quasi) down!

Collisione tra drone ed elicottero: Black Hawk (quasi) down!

A settembre un drone DJI ha urtato e danneggiato un elicottero Black Hawk nella baia di New York: è il primo caso documentato di collisione tra drone e velivolo pilotato dall'uomo

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Tecnologia
DJI
 

La National Transportation Safety Board statunitense ha emesso il resoconto finale relativo ad un incidente avvenuto lo scorso settembre tra un elicottero Black Hawk e un drone DJI Phantom che ha causato il danneggiamento di una delle pale dell'elicottero. Si tratta del primo incidente confermato e sul quale sono state effettuate approfondite indagini tra un drone e un aeromobile pilotato dall'uomo.

La vicenda è accaduta il 21 settembre 2017, a circa 300 piedi di altitudine sul livello del mare nella Upper Bay di New York, nei pressi di Liberty Island: un drone DJI Phantom 4 è entrato in collisione con un elicottero Black Hawk delle Forze Armate USA che stava operando in uno spazio aereo di Classe G e sotto regole di volo a vista. Il drone è andato distrutto mentre il danno più grave subito dall'elicottero è un'ammaccatura di 1,5 pollici su un profilo di una pala. Alcuni pezzi del drone sono stati proiettati all'interno dell'elicottero, e tramite il numero seriale presente su queste parti è stato possibile per l'NTSB risalire al proprietario del drone.

Proprietario che sarebbe rimasto all'oscuro dell'incidente fino a quando non è stato contattato dall'NTSB, avendo considerato il drone semplicemente caduto in acqua. Il pilota è un amatore senza certificazione Part 107 (il patentino per il pilotaggio di droni) che ha dichiarato di essere a conoscenza delle regolamentazioni riguardanti il tetto massimo di 400 piedi di altitudine e la portata visiva per il volo di droni da remoto. Tuttavia i file di log analizzati dalla NTSB hanno mostrato che precedentemente all'incidente il drone si è alzato fino a 547 piedi e si è spinto fino ad una distanza di 2,5 miglia dal punto di decollo.

Il pilota del drone ha inoltre dichiarato alla NTSB di sapere di essere in un'area particolarmente trafficata per il volo di elicotteri, ma di non essere preoccupato del condurre il drone fuori portata visiva poiché si sarebbe affidato alla telemetria e al riscontro video trasmesso dal drone. L'autorità ha concluso che il pilota era in possesso solamente di una "conoscenza superficiale delle regolamentazioni e delle buone pratiche operative".

Nel momento dell'incidente vigeva inoltre una restrizione temporanea al volo nell'area interessata e solamente l'elicottero aveva ricevuto l'autorizzazione per alzarsi in volo. Il pilota del drone ha affermato di essersi basato sull'app DJI Go per ricevere questo genere di informazioni, ma le indagini hanno mostrato che la funzionalità al momento non era attiva poiché il tablet con cui sono state effettuate le operazioni non era connesso a Internet. In ogni caso le autorità sottolineano che questo tipo di funzionalità ha uno scopo meramente consultivo e la responsabilità resta comunque nelle mani del pilota del drone. La collisione è inoltre avvenuta poco prima del termine del crepuscolo civile, ed il pilota del drone ha ammesso di non conoscere le regolamentazioni e le procedure operative di questa specifica fase della giornata.

Le indagini della NTSB hanno perciò concluso che la causa dell'incidente è stata "la mancanza del pilota del drone di vedere ed evitare l'elicottero per via volo avvenuto intenzionalmente oltre la portata visiva. A contribuire all'incidente la totale non conoscenza del pilota del drone delle regolamentazioni e delle pratiche per operare in sicurezza". Non è noto se la Federal Aviation Administration abbia ora intenzione di procedere nei confronti del pilota del drone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dinofly04 Gennaio 2018, 15:06 #1
Più che la FAA a procedere dovrebbe essere l'esercito, per il danneggiamento della pala, e ho il sospetto che non siano proprio economiche.
Portocala04 Gennaio 2018, 16:43 #2
Sarebbe bastato dire "it's just a prank, bro" e l'avrebbe passata liscia
Apozeme04 Gennaio 2018, 21:35 #3
Ma se il drone perde il contatto radio che succede, precipita immediatamente? Continua ad eseguire l'ultimo comando ricevuto finché ha energia? O magari il software entra in modalità autopilota e ritorna al punto di partenza?
fastezzZ04 Gennaio 2018, 21:58 #4
Dipende dal modello, ma quelli più evoluti tornano indietro. Il vero problema è l'assoluta ignoranza delle norme. Chiunque è capace di far volare un drone per farsi il proprio video ad effetto, pochissimi quelli che lo fanno secondo le regole.
globi04 Gennaio 2018, 23:12 #5
Forse in futuro per questo fatto i proprietari di droni potrebbero sentirsi indotti a cancellare preventivamente i numeri di serie onde evitare amare responsabilità.
Notturnia05 Gennaio 2018, 08:56 #6
È un delinquente.. non conosce le norme, non ha il patentino, fa quello che vuole e vorrebbe passarla liscia ?.- è come mettersi alla guida di un auto senza patente e sbattere contro un camion.. poi diciamo che non sapevamo che non si poteva ?.. spero gli facciano pagare i danni e che gli comminino una multa sonora..
gianluca.f08 Gennaio 2018, 08:31 #7
curioso però che le pale siano antiproiettile ma un drone in plastica abbia fatto tutto quel disastro.
Non è che magari dovevano cambiarne una ormai danneggiana così per educarne 1000 ne bastonino 1?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^