Continental presenta un display stereoscopico per l'automobile

Continental presenta un display stereoscopico per l'automobile

Continental annuncia la realizzazione di un display stereoscopico per l'automobile, per mostrare informazioni contestuali al conducente

di pubblicata il , alle 13:31 nel canale Tecnologia
Continental
 

Continental ha annunciato il lancio di un nuovo display 3D pensato espressamente per il mercato automotive. Il display in questione è già entrato nella fase di produzione in volumi e fa uso di una tecnologia 3D "autostereoscopica" e sarà impiegato nella versione High Line della Genesis GV80 di HMC. Il display è in grado di mostrare oggetti tridimensionali, come ad esempio i cartelli stradali che il conducente può incontrare sul suo percorso.

Il nuovo display di Continental fa uso di barriere di parallasse, che sono delle piccoli elementi obliqui che dividono l'immagine per consentire al conducente di percepire due viste differenti per l'occhio destro e sinistro, con un piccolo sfasamento di angolazione, per ricreare l'effetto di tridimensionalità senza che vi sia bisogno di altri ausili esterni. Il sistema è inoltre equipaggiato con una fotocamera interna per rilevare lo sguardo del guidatore e regolare di conseguenza la visione tridimensionale in accordo con la poszione del capo.

A vantaggio della sicurezza di guida, la fotocamera è inoltre capace di identificare i momenti in cui il guidatore si distrae o è stanco. Continental afferma che il sistema è progettato per garantire che il guidatore non subisca un sovraccarico di informazioni provenienti dal sistema di assistenza alla guida, dai display convenzionali, dai servizi di comunicazione e dai sistemi infotainment.

Continental sta inoltre considerando alcune tecnologie in ottica futura, tra cui un Cross Domain Hub: si tratterebbe di un computer ad alte prestazioni per il display tridimensionale e che permetterà che tutti gli schermi del veicolo siano integrati come una singola unità.

Continental vuole inoltre prestare attenzione ai passeggeri che si trovano sui sedili posteriori per permettere anche a loro di fruire della tecnologia 3D, lavorando allo sviluppo di un nuovo display tridimensionale basato su 3D Lightfield Technology che non necessita di alcuna fotocamera per rilevare il posizionamento della testa dell'utente e non ha bisogno di occhialini. L'ambizione è quella di consentire ai passeggeri di fare ogni genere di cose nell'auto, dal semplice intrattenimento fino allo shopping o alla partecipazione in videoconferenza.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^