Da Caterpillar un escavatore elettrico da 26 tonnellate con battery pack da 300 kWh

Da Caterpillar un escavatore elettrico da 26 tonnellate con battery pack da 300 kWh

Caterpillar, nel suo piano che prevede l'elettrificazione delle attrezzature edili, ha svelato un escavatore elettrico da 26 tonnellate con un gigantesco pacco batterie da 300 kWh

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
Caterpillar
 

Caterpillar, insieme a Pon Equipment, ha allestito a Gjelleråsen, in Norvegia, il primo prototipo di escavatore elettrico con battery pack da 300 kWh. La macchina adibita alle operazioni di movimento di terra e rimozione di porzioni di terreno è stata assegnata a Veidekke, una società che si occupa di costruzioni edilizie, che ha già ordinato 8 veicoli come questo.

L'azienda si aspetta che la macchina possa migliorare l'esperienza del dipendente riducendo l'inquinamento atmosferico e acustico nei cantieri. Caterpillar sostiene che si tratta della prima macchina di queste dimensioni a essere proposta in versione elettrificata. Il gigantesco pacco batterie è stato progettato per resistere ai movimenti bruschi. Se tutto il veicolo pesa 26 tonnellate, il solo pacco batterie incide per 3,4 tonnellate.

Escavatore elettrico Caterpillar

Secondo le specifiche fornite da Caterpillar, la batteria offre un'autonomia tra le cinque e le sette ore prima della ricarica, che può essere comodamente eseguita durante la notte, quando i lavori vengono sospesi. Il gruppo propulsore dell'escavatore si basa su un motore elettrico da 122 kW quasi del tutto silenzioso, se non per le pompe idrauliche.

Escavatore elettrico Caterpillar

Øivind Larsen, direttore delle costruzioni di Veidekke, ha affermato che l'impiego solo di questa macchina permette di ridurre le emissioni di CO2 di cui è responsabile l'azienda di 52 tonnellate. "Per noi è molto importante poter utilizzare una nuova tecnologia che aiuti a ridurre le emissioni dal nostro parco macchine e a migliorare la vita lavorativa degli operai", ha detto.

Escavatore elettrico Caterpillar

Se si riuscisse a produrre 2500 escavatori con caratteristiche simili si otterrebbe l'equivalente della rimozione di 60 mila automobili dalle strade. Caterpillar è particolarmente interessata a elettrizzare la sua gamma di veicoli e l'anno scorso ha investito anche in Fisker, un'azienda che si occupa di batterie a stato solido.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick31 Gennaio 2019, 18:36 #1
Figo ma..

che cavolo centra come news qui ?
Sandro kensan31 Gennaio 2019, 18:46 #2
Originariamente inviato da: Rubberick
Figo ma..

che cavolo centra come news qui ?


È elettrica, quindi c'entra. Comunque interessante ma quanto costerà di più?
benderchetioffender31 Gennaio 2019, 19:47 #3
Originariamente inviato da: Sandro kensan
...ma quanto costerà di più?


mah, a quanto pare dalla descrizione avrà i motori indipendenti per i cingoli e il motore per la pompa dell'olio per la benna
in realtà questo schema potrebbe essere una semplificazione non da poco visto che ad oggi gran parte di questo tipo di cingolati usa un Diesel solo come generatore per la pompa olio che poi muove tutto, cingoli compresi

questo vuol dire che viene portato olio in pressione anche oltre lo snodo di rotazione, immagino che elettricamente sia piu easy da gestire, ergo, a parte prezzi piu alti per non cannibalizzare il proprio prodotto standard, non sarà nemmeno fuori dal seminato, credo


unici dubbi che mi vengono con questo macchinario è riguardo alle performance della batteria: sono macchine che di rado vengono rimessate e stare fuori al freddo estremo o caldo estremo no credo giovi alla salute della batteria
frankie31 Gennaio 2019, 19:49 #4
Vogliamo considerare anche i mezzi da scavo nelle miniere e o tunnel. In quel caso sarebbe moolto più sano lavorarci, nononstante i flussi di aria enormi.

No, la ricarica non sarebbe un problema visto che in cantieri avere 32/64A su 380V è la norma.

Anzi, la ricarica tripla da 380V in parallelo, costerebbe uguale ma permetterebbe tempi di ricarica tre volte migliori.... possibile che nessuno ci abbia pensato?
Sandro kensan31 Gennaio 2019, 19:51 #5
Originariamente inviato da: benderchetioffender
unici dubbi che mi vengono con questo macchinario è riguardo alle performance della batteria: sono macchine che di rado vengono rimessate e stare fuori al freddo estremo o caldo estremo no credo giovi alla salute della batteria


L'ho pensato pure io ma se sono stati bravi avranno messo un sistema di condizionamento della batteria in modo che di notte non cali troppo la temperatura (riscaldamento tramite le prese di corrente mentre è in ricarica) e di giorno un raffreddamento tramite corrente dalle batterie.
Cely31 Gennaio 2019, 22:55 #6
È una vita che nei cantieri usano muletti elettrici... Mai sentito di particolareiproblemi per le batterie... Pesa 26t non credo ci sia bisogno di batterie al litio.. Avrà delle economiche piombo... Al limite delle agm molto meno sensibili alle temperature (anche se gli estremi non fanno bene neanche a queste.)
chuckbird01 Febbraio 2019, 00:22 #7
Originariamente inviato da: benderchetioffender
questo vuol dire che viene portato olio in pressione anche oltre lo snodo di rotazione, immagino che elettricamente sia piu easy da gestire, ergo, a parte prezzi piu alti per non cannibalizzare il proprio prodotto standard, non sarà nemmeno fuori dal seminato, credo


Che problemi vuoi che ci siano? Si è sempre fatto.
Trattasi di un sistema di condotti concentrico fissato al centro della base girevole.

Il problema che dici tu ce l'avresti nel caso in cui la trasmissione fosse meccanica, da sopra a sotto.

Quella che è incerta è l'affidabilità di tutto il sistema: un motore idraulico a pistoni assiali gira sempre e comunque anche sotto ingenti sforzi.
Un motore elettrico non so se può garantire lo stesso livello di affidabilità sotto sforzo anche se sono estremamente fiducioso.
chuckbird01 Febbraio 2019, 00:27 #8
Originariamente inviato da: frankie

No, la ricarica non sarebbe un problema visto che in cantieri avere 32/64A su 380V è la norma.


Ma infatti indipendentemente dal caso specifico che è la naturale trasposizione del mezzo classico diesel a quello elettrico a batteria, interessante sarebbe la possibilità che un mezzo simile potrebbe offrire nel decidere di farlo funzionare in autonomia con il pacco batterie appunto oppure collegato alla linea elettrica.

Se la macchina non ha necessità di traslare in continuazione può tranquillamente lavorare collegata alla rete elettrica.

E' quello che normalmente si fa con le gigantesche macchine da miniera: sono tutte azionate elettricamente e collegate via cavo ad un generatore remoto...

https://www.youtube.com/watch?v=MAlTpwU0hOs
cignox101 Febbraio 2019, 08:27 #9
>>che cavolo centra come news qui ?

Serve per rivelare una cosa sorprendente: la conoscenza che gli utenti di hwupgrade hanno dei macchinari industriali e da cantiere :astonished:
phmk01 Febbraio 2019, 08:32 #10

Convincente

Più dell'auto elettrica, questa non ha certo problemi di peso delle batterie, piuttosto di durata delle stesse ai cicli di ricarica e sotto sforzo in condizioni climatiche più estreme di un'auto.
Secondo me fattibile in un futuro non troppo lontano per molti mezzi simili, ma come il solito il problema sono sempre le batterie, che qui comunque potrebbero essere a volte alimentate "in continuo" come fatto notare da altri.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^