Dal 2017 Volvo testerà i veicoli autonomi tra le strade di Londra

Dal 2017 Volvo testerà i veicoli autonomi tra le strade di Londra

Lo scopo è quello di analizzare la risposta di pubblico alle nuove tecnologie di guida autonoma, in vista di uno sviluppo commerciale nei prossimi anni

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Tecnologia
Volvo
 

Volvo da tempo sta portando avanti un programma di ricerca e sviluppo per i veicoli a guida autonoma, con una serie di sperimentazioni sul campo avvenute solamente in ambienti controllati o su strade pubbliche con bassa concentrazione di traffico e con ingegneri e tecnici dietro al volante.

La società svedese ha però deciso di portare la fase di testing ad un nuovo livello e ha annunciato che dal prossimo anno, nel contesto del progetto "Drive Me", verranno assoldate persone comuni per utilizzare i veicoli "semi-autonomi" così da capire quanto il pubblico sia preparato ad accogliere queste nuove tecnologie nella vita di tutti i giorni e in attività ordinarie, come accompagnare i bambini a scuola, recarsi al lavoro o andare a fare la spesa.

Queste sperimentazioni verranno condotte a Goteborg e a Londra: in particolare tra le strade della capitale britannica verrà utilizzata una piccola flotta di SUV XC90 equipaggiate con la tecnologia IntelliSafe Autopilot, il sistema di assistenza alla guida sviluppato da Volvo.

Se questa prima fase di test dovesse procedere senza intoppi, il progetto prevede un'espansione a 100 veicoli a piena guida autonoma nel corso del 2018, quando la società svedese avrà verosimilmente terminato lo sviluppo della prossima generazione del sistema di infotainment permettendo ai passeggeri del veicolo automatico di sfruttare le capacità multimediali avanzate come lo streaming di contenuti video, disinteressandosi alla guida e lasciando che lo "sporco lavoro" sia portato a termine interamente dall'automobile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gioiafilippo29 Aprile 2016, 00:12 #1
E che ce ne frega a noi di londra??
Cappej29 Aprile 2016, 01:05 #2
Grande! Non credevo fossero così avanti! Finalmente!! SMETTERÒ DI GUIDARE!!
ripe29 Aprile 2016, 09:08 #3
Originariamente inviato da: gioiafilippo
E che ce ne frega a noi di londra??


E' una domanda intelligente?
djfix1329 Aprile 2016, 10:23 #4
anzi fare i test a Londra è nota di coraggio: città grande grande traffico! e con a bordo persone "comuni" selezionate.
Cristiano®29 Aprile 2016, 10:59 #5
Originariamente inviato da: djfix13
anzi fare i test a Londra è nota di coraggio: città grande grande traffico! e con a bordo persone "comuni" selezionate.


Hehe il massimo del test per provare questa tecnologia futuristica non esiste posto meglio di Napoli o il centro di Roma
matteop329 Aprile 2016, 11:02 #6
Personalmente ritengo che un buon 90% di coloro che affermano che non si fiderebbero mai di un robot alla guida (che è molto più affidabile di un uomo) cambieranno idea entro i primi 20 km percorsi su un'auto a guida autonoma.
Cristiano®02 Maggio 2016, 09:43 #7
Originariamente inviato da: matteop3
Personalmente ritengo che un buon 90% di coloro che affermano che non si fiderebbero mai di un robot alla guida (che è molto più affidabile di un uomo) cambieranno idea entro i primi 20 km percorsi su un'auto a guida autonoma.

mi fa ridere questa gente perché poi prende l'aereo che completamente gestito dal computer.
mrk-cj9404 Maggio 2016, 20:42 #8
Originariamente inviato da: djfix13
anzi fare i test a Londra è nota di coraggio: città grande grande traffico! e con a bordo persone "comuni" selezionate.


mica tanto: ci sono appena stato e -tolti gli orari di punta- è mezza vuota come traffico... taxi e bus da soli compongono il 30-40% del traffico londinese;
sarà invece interessante l'interazione auto-autonoma CON bus, pedoni (in quanto i bus vanno a manetta e i pedoni/ciclisti non son pochi) e striscie (in quanto spesso e volentieri si va sull'altra corsia in quanto quella corretta è occupata da auto parcheggiate mentre quella opposta è spesso libera, in quanto come detto il traffico è perfino nullo nelle vie secondarie)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^