Daniel Kirchert, CEO di Byton: siamo noi l'anti-Tesla

Daniel Kirchert, CEO di Byton: siamo noi l'anti-Tesla

Daniel Kirchert, CEO di Byton, ha candidato apertamente per la prima volta Byton come l'anti-Tesla, in particolare per il mercato statunitense e per quello cinese, che sarà il motore trainante del marchio, che alle sue spalle ha proprio importanti finanziatori cinesi.

di pubblicata il , alle 00:18 nel canale Tecnologia
BytonTesla
 

Byton, l'anti-Tesla

Difficile inquadrare la conferenza stampa di Byton al CES 2020. Due anni fa la compagnia aveva annunciato il suo sbarco nel mondo delle auto elettriche e l'anno scorso aveva messo in mostra M-Byte, il suo prototipo definitivo, che doveva cominciare a solcare le strade proprio nel 2019. Ebbene, qui a Las Vegas il CEO Daniel Kirchert ha annunciato che l'azienda è finalmente pronta per la produzione in massa del veicolo, che è stato presentato non come un'auto elettrica, ma come uno Smart Device on Wheels, puntando molto sull'esperienza digitale degli occupanti più che sulle prestazioni del veicolo.

Interessante notare come il CEO abbia candidato apertamente per la prima volta Byton come l'anti-Tesla, in particolare per il mercato statunitense e per quello cinese, che sarà il motore trainante del marchio, che alle sue spalle ha proprio importanti finanziatori cinesi.

Il veicolo ha comunque caratteristiche molto interessanti sulla carta, con pacchi batteria da 72 o 95 kWh, un'autonomia NEDC dichiarata fino a 430-550 km e configurazioni a trazione posteriore da 200 kW di potenza e AWD da 300 kW. La tecnologia di ricarica rapida DC a 150 kW promette di dare l'80% dell'autonomia in soli 35 minuti di carica.

Come dicevamo, la presentazione al CES si è però concentrata maggiormente sulla componente smart del veicolo, che - ad esempio - integra una particolare antenna piatta nella parte posteriore della carrozzeria, che non modifica la linea esterna estetica e aerodinamica del veicolo. Inizialmente il modem sfrutterà la connessione 4G, ma la piattaforma sarà aggiornata al 5G appena possibile. Si è parlato molto di intrattenimento all'interno del veicolo, che tra le caratteristiche di punta offre un gigantesco schermo da 48 pollici che abbraccia tutto il cruscotto. La partnership con ACCESS e ViacomCBS punta a rendere Byton M-Byte un cinema viaggiante, anche se i contenuti video saranno disponibili per la visione sullo schermo anteriore solo a veicolo spento. I passeggeri posteriori invece potranno beneficiare dell'intrattenimento grazie a due ampi tablet integrati nei poggiatesta anteriori.

Durante la conferenza di è parlato molto di app e poco di guida. Il BYTON Developer Program aprirà le porte dell'ampio display agli sviluppatori, ma già nomi del calibro di Accuweather hanno cominciato a mettere a punto nuove esperienze utente personalizzate per l'imponente cruscotto digitale.

Byton punta a essere la spina nel fianco per Tesla non solo su ruote, ma anche nel mercato residenziale. Durante la conferenza, infatti, il marchio ha annunciato che le batterie prodotte nello stabilimento di Nanjing sbarcheranno anche nel mondo dello stoccaggio residenziale e industriale di energia elettrica. A questo proposito è significativo l'ingresso della giapponese Marubeni Corporation tra i finanziatori Series C Financing di Byton, a testimoniae l'interesse di partner non solo strettamente legati al mondo automotive.

Tutto molto interessante, però in molti alla conferenza stampa hanno avuto la sensazione che fossimo di fronte all'ennesimo annuncio "Ci siamo! (quasi)" da parte di Byton. C'è da dire che costruire in poco più di due anni un'azienda in grado di mettere su strada veicoli è impresa decisamente ardua: staremo a vedere se la dichiarazione 'Siamo pronti per la produzione in volumi' si avvererà a breve o se avranno avuto ragione i più scettici.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bonaparte207 Gennaio 2020, 08:49 #1
Iniziate a vendere prima di fare queste uscit
al13507 Gennaio 2020, 10:38 #2
spettacolare il cockpit mammamia
nei prossimi anni ne vedremo delle belle
Tedturb007 Gennaio 2020, 23:02 #3
patetico.
eeWee7208 Gennaio 2020, 08:21 #4

Drive-in?

Va bene, ma deve essere un'auto, non un cinema, gente! Ma come si fa a giudicare un'auto dal "cruscotto".
Chissà se è stata la stampa che ha scelto di dare questo genere di copertura o se davvero la conferenza è stata su questo tono e il marketing di Byton ha approvato questa scelta.
marcram08 Gennaio 2020, 09:04 #5
Originariamente inviato da: eeWee72
Va bene, ma deve essere un'auto, non un cinema, gente! Ma come si fa a giudicare un'auto dal "cruscotto".
Chissà se è stata la stampa che ha scelto di dare questo genere di copertura o se davvero la conferenza è stata su questo tono e il marketing di Byton ha approvato questa scelta.


Basta guardare gli spot in tv che fanno ultimamente...
L'unica cosa che pubblicizzano sono i comandi vocali, per leggere i messaggi e far partire la musica... cose che puoi tranquillamente fare con qualsiasi smartphone collegato in bluetooth...
Si vede che oggi si scelgono le auto in base a questo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^