Entro il 2040 tutti i camion saranno elettrici, secondo studio del NACFE

Entro il 2040 tutti i camion saranno elettrici, secondo studio del NACFE

Lo sottolinea uno studio del NACFE (North American Council for Freight Efficiency), secondo il quale diverse trasformazioni interesseranno il mercato del trasporto delle merci, fino a vedere il predominio della propulsione elettrica dal 2040 in poi

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Tecnologia
 

Il NACFE, un'organizzazione che stimola il miglioramento e l'ottimizzazione del trasporto merci nel Nord America, prevede che i veicoli elettrici a batteria commerciali (CBEV) e a propulsione a celle a combustibile (FCEV) saranno più convenienti a partire dal 2030, fino a diventare lo standard dell'industria dal 2040 in poi. Si tratta di un settore in grande fermento, anche per il consumo di ingenti quantità di carburante, su cui stanno investendo le principali case automobilistiche: abbiamo visto i casi di Tesla Semi, Nikola TRE e Mercedes-Benz eActros.

Il miglioramento nell'efficacia delle batterie renderà i camion elettrici il punto di riferimento nel settore degli autotrasporti, congiuntamente all'adeguamento delle rete infrastrutturale e all'adozione capillare delle colonnine di ricarica. Sarà comunque una transazione non immediata, e nei prossimi anni varie forme di propulsione alternativa rispetto a quella basata su combustibili fossili emergeranno come "ponti tra presente e futuro". Il dato emerge da uno studio pubblicato sul sito ufficiale dell'organizzazione.

NACFE

Il rapporto sottolinea che nel periodo che ci separa dall'affermazione definitiva della propulsione elettrica non ci sarà una soluzione unica predominante come lo è stato il diesel fino a oggi, perché vari fattori regionali spingono il mercato verso un futuro "multifuel", dove coesisteranno molte di queste tecnologie di propulsione. "Si tratta di un settore in cui si bruciano grandi quantità di carburante, e per questo attira più attenzioni" ha detto Mike Roeth, direttore esecutivo del NACFE.

L'elemento chiave alla base del cambiamento riguarda il fatto che i veicoli con propulsione alternativa sono costruiti su misura rispetto al loro impiego. Per questo motivo, l'azienda che acquista un camion usato potrebbe non godere degli stessi benefici come avviene nell'attuale industria con predominio del diesel. "Quindi immaginiamo che la capacità di vendere camion a propulsione alternativa nel secondo e terzo mercato possa incontrare delle difficoltà" afferma Roeth.

Un grafico riassume lo studio ponendo enfasi sulla "disordinata" fase di mezzo, che ospiterà varie forme di propulsione in attesa del definitivo emergere dell'elettrico. Tra queste, il NACFE considera: veicoli elettrico commerciali a batteria (CBEV), ibrido elettrico a celle a combustibile (FCEV), gas naturale compresso (GNC), gas naturale rinnovabile (RNG), gas naturale liquefatto (GNL), propano (GPL), diesel ibrido elettrico (HDE) e diesel rinnovabile (RD).

NACFE

L'affermarsi delle forme di propulsione alternativa, inoltre, sarà incentivato dalle crescenti restrizioni normative che puntano a far emergere una mobilità a emissioni zero. Un fattore cruciale è l'adattamento dell'attuale infrastruttura viaria: secondo quanto riscontra il NACFE, nel Nord America sempre più rotte sono abilitate per accogliere le nuove tecnologie, venendo incontro alle esigenze dell'e-commerce moderno. Per esempio, sempre più scenari si aprono alle consegne all'ultimo miglio con veicoli elettrici.

Allo stesso tempo, le alternative ai tradizionali motori diesel devono superare una serie di incognite legate all'affidabilità, ai costi di manutenzione, al tasso di obsolescenza, ai costi di assicurazione e all'adattabilità alle varie condizioni metereologiche. Inoltre, il passaggio alla propulsione elettrica sarà conveniente sul piano ecologico solo quando la produzione di energia elettrica sarà affidata in larga misura alle fonti di energia rinnovabili come l'idroelettrico, il solare e l'eolico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200612 Dicembre 2019, 13:04 #1
Ricordo quando nel 1990 dicevano che nel 2000 le auto sarebbero state volanti ed a emissioni zero.

Forse c'è speranza con le cellule a combustibile.

Perché con le batterie a litio la vedo dura, sia come quantità del materiale, che come processo di raffinazione.

E poi si deve produrre l'energia per ricaricare tutte queste batterie...
amigafever12 Dicembre 2019, 13:14 #2

si come no

se arriveranno a fare 2000 km con una carica e le ricariche si trovano su ogni distributore di benzina e con una carica veloce e il prezzo in linea con i diesel forse ma siamo lontanissimi
Marko_00112 Dicembre 2019, 13:22 #3
oltre a sanzionare chi fa cause temerarie
dovrebbero sanzionare chi fa previsioni sull'aria fritta
il 2040... ma se non sanno prevedere se ci saranno (come società
tra 2 anni.
aqua8412 Dicembre 2019, 13:54 #4
Hanno copiato da Nostradamus...
A spararne tante qualcuna prima o poi la indovini
Saturn12 Dicembre 2019, 14:02 #5
Si e nel 2040 potremmo comprarci una villetta su Marte per le vacanze estive...ma cosa si fumano per partorire queste "previsioni" ???
Unax12 Dicembre 2019, 15:35 #6
l'importante è crederci
corvazo12 Dicembre 2019, 15:55 #7
IVECO ha introdotto quelli a LNG quest'anno e fanno 1500 km. Un camion elettrico ne fa 250 circa considerando anche che la batteria deve rimanere tra il 40% e il 90%...si si saranno il futuro quando piegheranno la fisica ai loro desideri.
raxas12 Dicembre 2019, 16:05 #8
se un tir a pieno carico pesa 40 tonnellate, che razza di batterie, sommandoci anche il loro peso, lo possono spostare su tragitti di montagna?
e se si ferma e scarica lì?

[U]staranno forse parlando di camion/tir olografici?[/U]
Saturn12 Dicembre 2019, 16:12 #9
Originariamente inviato da: raxas
se un tir a pieno carico pesa 40 tonnellate, che razza di batterie, sommandoci anche il loro peso, lo possono spostare su tragitti di montagna?
e se si ferma e scarica lì?

[U]staranno forse parlando di camion/tir olografici?[/U]


Io lo ripeto infatti, ultimamente la qualità d'erba che gira è fortemente allucinogena.
giugas12 Dicembre 2019, 16:14 #10
Pura verità!
Originariamente inviato da: Marko_001
... ma se non sanno prevedere se ci saranno (come società
tra 2 anni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^