Ericsson e Microsoft guardano assieme alle auto connesse del futuro

Ericsson e Microsoft guardano assieme alle auto connesse del futuro

L’integrazione tra il Connected Vehicle Cloud di Ericsson e la Connected Vehicle Platform di Microsoft consente ai produttori di automobili di accelerare lo sviluppo a livello globale di nuovi servizi per le auto connesse

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Tecnologia
MicrosoftAzureEricsson
 

Sempre più aziende uniscono gli sforzi per accelerare l'adozione di proprie piattaforme nel mondo delle automobili, con il fine di sviluppare veicoli che siano sempre più connessi. Ericsson sta implementando la sua Connected Vehicle Cloud sulla Connected Vehicle Platform di Microsoft che si basa sulla piattaforma cloud Microsoft Azure. Questa soluzione integrata consente alle case automobilistiche di sviluppare e scalare in modo molto più semplice e veloce servizi per i veicoli come la gestione delle flotte, gli aggiornamenti software over-the-air e i servizi di sicurezza connessi, riducendo i costi. La flessibilità è garantita dalla progettazione modulare e da molteplici opzioni di implementazione.

connected_vehicles.jpg

Al momento attuale il Connected Vehicle Cloud di Ericsson collega oltre 4 milioni di veicoli in 180 paesi in tutto il mondo, pari a circa il 10% del mercato dei veicoli connessi. La piattaforma è progettata per soddisfare la crescente domanda di scalabilità e flessibilità da parte dei produttori di veicoli, con la capacità di supportare qualsiasi servizio per veicoli connessi. Attraverso questa piattaforma cloud Ericsson offre una soluzione per la gestione delle operazioni 24/7 su scala globale e dalla gestione del ciclo di vita dei veicoli connessi, fornendo dei Service Level Agreement (SLA) garantiti. In questo modo i produttori di autoveicoli possono offrire servizi connessi con la garanzia di una continuità nella loro fornitura, senza dover implementare una struttura di supporto interna.

La Connected Vehicle Platform di Microsoft (MCVP) consente alle aziende del comparto automotive di accelerare lo sviluppo di esperienze di guida connessa sicure, confortevoli e personalizzate. Unisce l’infrastruttura cloud, la tecnologia edge e i servizi AI e IoT con un ecosistema di partner diversificato. Con MCVP, Microsoft offre una piattaforma coerente connessa al cloud in tutti gli scenari digitali: su di essa è possibile realizzare soluzioni rivolte al cliente tra cui infotainment a bordo veicolo, navigazione avanzata, guida autonoma, servizi telematici e di previsione e aggiornamenti over-the-air (OTA). MCVP include l’hyperscale, la disponibilità globale e la conformità normativa fornita con Microsoft Azure.

connected_vehicles_2.jpg

L'unione degli sforzi delle due aziende "fornirà al mercato una piattaforma completa per i veicoli connessi. Le nostre soluzioni integrate aiuteranno i produttori di automobili ad accelerare la realizzazione delle loro soluzioni per i veicoli connessi su scala globale e offriranno un’esperienza migliore a guidatori e passeggeri”, afferma Åsa Tamsons, Senior Vice President e Head of Business Area Technologies & New Businesses di Ericsson. Sarà in occasione del CES 2020 che le due aziende inaugureranno ufficialmente la nuova partnership: l'obiettivo finale è semplificare lo sviluppo di servizi per i veicoli connessi, per aiutare i produttori di automobili a concentrarsi sulle esigenze dei loro clienti e ad accelerare la creazione di esperienze di guida uniche e su misura per i propri veicoli.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej23 Dicembre 2019, 14:35 #1
il cane, povera stella, è necessario stia proprio sotto le gambe del conducente umano? se mai dovesse prendere i comandi.. comodo il libro davanti e il cane sotto... (per altro copiato e appiccicato in maniera a dir poco scandalosa!)
IMHO il giorno in cui la mobilità autonoma prenderà il sopravvento, gli abitacoli dovranno essere completamente rivisti..
386DX4023 Dicembre 2019, 17:00 #2
Verrebbe da chiedersi quando l'essere umano, povera stella, avra' perso anche tutte quelle non facili ma indispensabili capacita' necessarie a guidare un veicolo (per leggersi un quaderno o un libro in macchina?) sia per il trasporto personale sia industriale, egli quali conoscenze potra' finalmente avere il tempo di apprendere in un mondo in cui sembra egli stesso stia diventando superfluo e non lo strumento. Mah.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^