Etichette veicoli elettrici: in vigore dal 20 marzo nuove informazioni per i consumatori

Etichette veicoli elettrici: in vigore dal 20 marzo nuove informazioni per i consumatori

Un'insieme di simboli e specifiche tecniche entrante in vigore lo scorso 20 marzo 2021, presenti sia a bordo di veicoli plug-in sia sui relativi dispositivi di ricarica ed accessori

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Tecnologia
 

Etichette per tutti i veicoli elettrici e non solo, questa l'iniziativa voluta da Acea, associazione europea dei costruttori di auto, al fine di informare i consumatori sulle nuove tecnologie e gli standard con i quali si può avere a che fare se si utilizza un veicolo a trazione elettrica.

Un'insieme di simboli e specifiche tecniche entrante in vigore lo scorso 20 marzo 2021, presenti sia a bordo di veicoli plug-in sia sui relativi dispositivi di ricarica ed accessori: tali etichette verranno apposte sui veicoli di nuova produzione accanto alla presa/spina di ricarica nelle categorie di ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli, autovetture, veicoli commerciali leggeri e pesanti, autobus e pullman.


Clicca per ingrandire

Etichette che troveranno posto anche nei libretto di istruzioni del veicolo ed ovviamente sulle colonnine presso tutte nelle stazioni di ricarica per veicoli elettrici, esistenti e di nuova realizzazione.

“Aiutare i consumatori a identificare la giusta opzione di ricarica per i veicoli elettrici a batteria e ibridi-elettrici plug-in armonizzando l'etichettatura in tutta l'Ue” spiega Acea.

Per essere sicuri di scegliere correttamente la modalità di ricarica compatibile con il proprio veicolo elettrico, i consumatori potranno semplicemente verificare che l’etichetta del proprio veicolo corrisponda all’etichetta riportata sulla stazione di ricarica.


Clicca per ingrandire

Tali standard sono stati adottati in tutti e 27 gli stati membri dell’Unione Europea, nei Paesi AEA (Islanda, Lichtenstein e Norvegia) e anche in Macedonia, Serbia, Svizzera e Turchia; il Regno Unito deve ancora decidere in che modo adottare tali disposizioni dell’Unione Europea, ad ogni modo tutti i veicoli elettrici esportati ed importati saranno dotati di quanto sopra disposto.

Per maggiori informazioni a riguardo vi invitiamo a visitare la pagina www.fuel-identifiers.eu.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ramses7722 Marzo 2021, 11:47 #1
Tutto molto chiaro e semplice... Ancora mi chiedo le persone di una certa età e senza particolari esperienza "digitale" o una educazione sopra la media, come faranno a usare le auto elettriche in futuro. Oggi accendono e vanno, poi non sono tanto sicuro che ci capiranno granchè.
zannazf22 Marzo 2021, 12:01 #2

U.C.A.S.

Mi hanno raccontato che nella mia ex Azienda esisteva Uffico Complicazioni Affari Semplici !!!
ronthalas22 Marzo 2021, 12:46 #3
ok siamo nel boom elettrico ma sta cosa (peraltro indotta più dalla politica che non dalla rivoluzione tecnologica naturale) forse è un po' tardiva. Credo dovesse uscire almeno un paio di anni fa, in parallelo alle spinte politiche sull'elettrico.

A quando l'etichetta per l'efficienza di questi "elettrodomestici"?
andy4522 Marzo 2021, 13:14 #4
Mi è venuto mal di testa solo a leggerle tutte , ma un connettore unico che infilo e la colonnina decide tutto da sola? Immagino sia troppo fantascientifico per il 2021...
niky8922 Marzo 2021, 13:40 #5
Originariamente inviato da: andy45
Mi è venuto mal di testa solo a leggerle tutte , ma un connettore unico che infilo e la colonnina decide tutto da sola? Immagino sia troppo fantascientifico per il 2021...


Teoricamente con il ccs tipo 2 sì macchina e colonnina decidono fra di loro. Infatti non capisco il senso. Magari qualcuno del settore può spiegarcelo. L'unica cosa che mi viene in mente è per identificare prima la massima velocità di carica supportata dal veicolo, cosa ancora più inutile, star a decifrare un simbolo invece di leggere direttamente i dati.
andy4522 Marzo 2021, 13:50 #6
Originariamente inviato da: niky89
Teoricamente con il ccs tipo 2 sì macchina e colonnina decidono fra di loro. Infatti non capisco il senso. Magari qualcuno del settore può spiegarcelo. L'unica cosa che mi viene in mente è per identificare prima la massima velocità di carica supportata dal veicolo, cosa ancora più inutile, star a decifrare un simbolo invece di leggere direttamente i dati.


Per quanto mi riguarda non dovrebbero proprio esistere differenze, cavo unico per tutte le auto, attacco unico su tutte le colonnine...collego e si ricarica alla massima velocità possibile, senza problemi e senza complicazioni.
Utonto_n°122 Marzo 2021, 14:11 #7
Originariamente inviato da: andy45
Mi è venuto mal di testa solo a leggerle tutte , ma un connettore unico che infilo e la colonnina decide tutto da sola? Immagino sia troppo fantascientifico per il 2021...


Al momento lo standard sta diventando lo CCS2 oppure detto Combo2:
https://it.wikipedia.org/wiki/Combined_Charging_System

permette di collegare l'auto a tutti i tipi di colonnina e a casa, non capisco a cosa serva la codifica con le etichette, ad oggi, se si va ad una fast si attacca il cavo che è lì presente, sulle altre, si prende il cavo dal bagagliaio e lo si attacca, non c'è niente da controllare o su cui riflettere, è più probabile sbagliare e fare benzina invece di gasolio...
Invece dovrebbero obbligare a mettere il cavo su tutte le colonnine, questo sarebbe utile, non le targhette del cavolo
Rubberick22 Marzo 2021, 14:33 #8
Mizzeca non si capisce nulla, ma poi simboli e invece sono lettere e poi con sfondo bianco e nero alternati...
Thoruno22 Marzo 2021, 14:48 #9

Il solito rompicapo.

Certo che questi GENI sembra non sappiano come passare la giornata per complicare le cose.
L'Europa ha fatto una legge dove bisognava fare i carica batterie dei cellulari universali per sprechi e altro.
Qui con i cavi per caricare le batterie delle auto sembra che lo spreco sia aumentato.
Speriamo che con il tempo venga anche qui tutto unificato per tutte le marche di auto elettriche.
Altra cosa: ma tutti quelli che hanno le auto parcheggiate in strada perché non hanno un garage, per caricare la loro auto elettrica come faranno visto che dal 2035 saranno costruite solo auto elettriche?
Altro problema per queste persone sarà come non farsi rubare i cavi di ricarica durante la notte. Già adesso a qualcuno e capitato.
Sp3cialFx22 Marzo 2021, 14:55 #10
Certo che potevano pagarlo un grafico, non avrebbe usato un serif, ma come diavolo si fa... così è illeggibile

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^