Fiat/FCA insieme ad Apple e Google per produrre auto? Marchionne: 'Si può fare'

Fiat/FCA insieme ad Apple e Google per produrre auto? Marchionne: 'Si può fare'

Marchionne senza peli sulla lingua sui potenziali accordi fra Fiat Chrysler e Google/Apple. L'amministratore delegato del gruppo non nasconde la possibilità di una collaborazione

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Tecnologia
FiatAppleGoogle
 

Lo scorso fine settimana era giunta voce di un accordo di collaborazione fra Alphabet, la società madre che contiene al suo interno Google, e Fiat Chrysler, il colosso italo-americano del mercato automotive. All'interno dell'accordo la possibilità di lavorare insieme per la produzione di veicoli, unendo le diverse competenze maturate negli anni dalle due entità. Senza peli sulla lingua ha commentato sulla presunta novità Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler.

Sergio Marchionne

"Google può acquisire qualsiasi produttore di auto con pochi soldi in relazione alla sua liquidità. Ed Apple? Ha profitti di 24 miliardi di dollari in un trimestre. Non ha senso parlarne. Quale notizia stiamo proteggendo?", sono state le sue parole all'interno di un'intervista con Automobile Mag in cui discute del possibile accordo fra i vari colossi sui veicoli a guida autonoma e su come il produttore di auto si voglia inserire nell'industria dominata oggi da Google e Tesla, fra i tanti.

Secondo le voci il gruppo è nella fase finale delle trattative con Google al fine di stabilire una partnership "tecnica avanzata" per produrre e promuovere tali veicoli. Dall'altra parte c'è Apple, con il Project Titan che ad oggi appare più nebuloso ed incerto. Come sottolinea Marchionne, è difficile ignorare un potenziale accordo con colossi così grandi e parla del ruolo ideale che potrebbe ricoprire un gruppo come Fiat Chrysler nel settore insieme a compagnie come Apple e Google, le quali hanno dimostrato di essere disposte ad investire grossi capitali nel mercato.

"Sono completamente aperto alla tecnologia", osserva Marchionne in un estratto dell'intervista. "Credo che il prossimo paradigma di questa industria coinvolga la cooperazione fra chi già costruisce auto e chi si occupa di tecnologia. Google è una fra queste società, Apple è un'altra e c'è anche Uber. Si tratta di accedere alle informazioni complete di quello che la gente fa in auto". La chiave, secondo il CEO del gruppo FCA è trovare il modo in cui le diverse società possano coesistere in maniera armoniosa, condividendo le diverse competenze maturate.

"La velocità è essenziale oggi", ha inoltre sottolineato Marchionne. "Dobbiamo stabilire un collegamento al più presto possibile, dobbiamo parlare con i grandi esponenti del settore, con i nuovi arrivati, con gli outsider, con tutti. L'obiettivo è condividere il lavoro ad un alto livello. Noi produciamo le auto, loro progettano la tecnologia che installiamo dentro".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
adapter02 Maggio 2016, 14:36 #1
Direi che come al solito, questo ci sa fare.



"Noi produciamo le auto, loro progettano la tecnologia che installiamo dentro".

Ad ognuno il suo specifico compito...
pingalep02 Maggio 2016, 14:39 #2
secondo me con google e apple deve fare una sola cosa: iniziare a pagare le tasse dove genera profitti.
adapter02 Maggio 2016, 14:44 #3
Vabbè ma questo cosa ci azzecca con la news?
E comunque...devono essere i governi dei vari paesi, a scrivere delle leggi apposite che evitano i furbetti del quartierino.
NighTGhosT02 Maggio 2016, 14:54 #4
GAZZETTA DI MODENA:

A Modena un primo maggio pensando ai lavoratori Maserati

MODENA "Chiediamo a Sergio Marchionne per i trecento lavoratori della Maserati che rischiano il posto di lavoro una ricollocazione all'interno del ciclo produttivo - ha detto a chiara voce Luigi Tollari segretario provinciale confederale Uil al comizio del primo maggio in piazza Grande - e in questo senso ringraziamo il sindaco Gian Carlo Muzzarelli presente sul palco che ha chiesto da tempo un incontro con la controparte per tentare di risolvere la vertenza. Occorre - ha continuato Tollari - che la Maserati mantenga la produzione qui a Modena".


Finche' questo enorme dubbio che assale tutta la Motorvalley in questo momento non verra' chiarito, mi astengo dal commentare l'operato di questo uomo.
marconi.g02 Maggio 2016, 15:29 #5

Giusto!!!

Loro progettano tecnologia!!!
Noi (FCA) ci abbiamo rinunciato da tempo!!!
idt_winchip02 Maggio 2016, 15:46 #6
Soliti italiani lagnoni.
Pier220402 Maggio 2016, 16:51 #7
Originariamente inviato da: NighTGhosT
GAZZETTA DI MODENA:

A Modena un primo maggio pensando ai lavoratori Maserati

MODENA "Chiediamo a Sergio Marchionne per i trecento lavoratori della Maserati che rischiano il posto di lavoro una ricollocazione all'interno del ciclo produttivo - ha detto a chiara voce Luigi Tollari segretario provinciale confederale Uil al comizio del primo maggio in piazza Grande - e in questo senso ringraziamo il sindaco Gian Carlo Muzzarelli presente sul palco che ha chiesto da tempo un incontro con la controparte per tentare di risolvere la vertenza. Occorre - ha continuato Tollari - che la Maserati mantenga la produzione qui a Modena".


Finche' questo enorme dubbio che assale tutta la Motorvalley in questo momento non verra' chiarito, mi astengo dal commentare l'operato di questo uomo.


Per quanto quell'uomo possa risultare poco simpatico, in particolare ai sindacati, se oggi esiste ancora una Maserati, un'Alfa Romeo, una Lancia, e sopratutto una Fiat lo dobbiamo a lui e all'accordo stipulato con Crysler....
Il che non vuol dire che la eventuale perdita di posti di lavoro non sia una cosa nefasta, ma il mercato si regge su vendite, ricavi - costi, se questi non tornano le invenzioni stanno a zero, in particolare nell'esterofila ITALIA.
kamon02 Maggio 2016, 17:53 #8
Sarebbe curioso se si rivolgessero al colosso dell'automobilismo più indietro di tutti nel campo delle auto elettriche e ibride o_O.
Mparlav02 Maggio 2016, 18:09 #9
Se FCA trova un accordo con Google o Apple, sarebbe un bel colpo nei confronti della concorrenza.
Ma è quasi impossibile che lo trovi con entrambi.
O uno, o l'altro.

Secondo me non sono indietro su ibrido ed elettrico a livello di ricerca (vedi sistema Hy-Kers della Magneti-Marelli), ma è una scelta precisa quella di non voler commercializzare questi prodotti.
Secondo me sbagliano, i tempo per l'ibrido sono quanto mai maturi, mentre per l'elettrico sarebbe bene mettere nei piani qualche modello da far uscire nei prossimi 4-5 anni.

Per quanto riguarda lo stabilimento di Modena, è stato già annunciato che verrà utilizzato per ricerca e sviluppo e su 300 dipendenti, ne verranno mantenuti 120.
La produzione Maserati è ormai stata spostata a Mirafiori.
AlexXxin02 Maggio 2016, 18:10 #10
Originariamente inviato da: adapter
Vabbè ma questo cosa ci azzecca con la news?
E comunque...devono essere i governi dei vari paesi, a scrivere delle leggi apposite che evitano i furbetti del quartierino.


Aspetta, qui devo intervenire.

Ahahahahaah, i governi dei vari Paesi, ma ancora qualcuno è convinto che siano i politici a decidere? Sono le stesse aziende ad avere il potere, il politico serve a darci l'impressione che il nostro voto serva ancora a qualcosa.


Ah, commento l'articolo, sì, devo dire che il Sergione è un vero stratega, ma l'ultima cosa a cui pensa, quando muove qualcosa, sono gli operaiacci.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^