Formula 1 a zero emissoni di carbonio entro il 2030

Formula 1 a zero emissoni di carbonio entro il 2030

La Formula 1 ha annunciato oggi un ambizioso piano di sostenibilità per rendere il motorsport a emissioni zero entro il 2030

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Tecnologia
F1
 

Zero emissioni di carbonio per la Formula 1 entro il 2030. Liberty Media, la società detentrice della Formula 1, lo ha appena annunciato: il piano è frutto di 12 mesi di intenso lavoro con FIA, esperti di sostenibilità, team di Formula 1 e partner commerciali, e ha come fine un motorsport che sia più sostenibile. Un piano certo molto ambizioso, ma a detta della società statunitense possibile.

L'iniziativa riguarderà le vetture di Formula 1, le attività in pista e il resto delle operazioni sportive. Il progetto parte sin da subito con l'obiettivo di confermare il ruolo della Formula 1 come avanguardia delle tecnologie di mobilità, che non possono più trascurare i problemi di sostenibilità ambientale.

Non si tratta di un'iniziativa che riguarda solamente quanto è a corredo delle vetture di Formula 1, ma che è incentrata soprattutto su queste ultime. Se recentemente la Formula 1 ha varato un grosso piano per migliorare l'aerodinamica delle auto di Formula 1 a partire dal 2021, favorendo l'effetto suolo e riducendo le turbolenze in scia, il piano annunciato oggi, a più lunga scadenza, riguarda proprio i propulsori. L'obiettivo è modificare le attuali power unit 1.6 turbo ibride valide fino al 2024 fino a ottenere propulsori termici “ecologici”.

Formula 1 2021

Ovvero, si punta a eliminare le emissioni di carbonio dall'attuale motore a combustione interna (ICE). L'unità ibrida già introdotta da qualche stagione svolgerà un ruolo chiave nel futuro dell'industria automobilistica. "L'attuale propulsore ibrido, il più potente al mondo in rapporto alla quantità di carburante consumata, in combinazione ad avanzati carburanti sostenibili e sistemi di recupero dell'energia, rappresenta una grossa opportunità di fornire un propulsore ibrido a zero emissioni di carbonio" si legge nel comunicato stampa diramato dalla Formula 1. "Con oltre 1 miliardo di 1,1 miliardi di veicoli nel mondo alimentati da ICE, questa tecnologia ha il potenziale per ridurre le emissioni di carbonio a livello globale".

Non è chiaro se si stia prospettando un'unità di propulsione ad alimentazione prevalentemente elettrica o attraverso altre risorse generate da fonti di energia rinnovabili, come potrebbe essere l'idrogeno.

Quel che è certo è che già in passato la Formula 1 ha fornito all'industria automobilistica alcune delle tecnologie su cui oggi poggia le sue fondamenta. Le innovazioni aerodinamiche, gli sviluppi della sicurezza, i sistemi di recupero energetico, gli strumenti di navigazione e i materiali compositi della F1 sono stati adottati nell'industria delle automobili stradali e per altri tipi di trasporti.

Il piano oggi annunciato riguarda tutti gli aspetti intorno alla competizione automobilistica, come la logistica e i trasporti delle parti, strutture e fabbriche al 100% rinnovabili. Ciò si traduce nell'impiego in tutti i casi di materiali sostenibili con l'eliminazione della plastica monouso e il riutilizzo, il riciclaggio o il compostaggio di tutti i rifiuti. Inoltre, la F1 fornirà incentivi e strumenti per offrire a tutti i fan un modo più ecologico per raggiungere i luoghi dove si svolgono le gare, oltre a fornire opportunità a persone, aziende e cause locali per essere maggiormente coinvolte durante il weekend di gara di Formula 1. Questi ultimi traguardi hanno una scadenza più stretta rispetto a tutto quanto è inerente la power unit, ovvero il 2025.

Secondo ricostruzioni, l'inquinamento di logistica, i trasporti e il lavoro nelle fabbriche dei team, che nel 2018 ha inciso per il 45% sul totale dei costi della Formula 1, è pari al 27,7% e al 19,3% delle 256.551 tonnellate di CO2 prodotte dalla F.1, mentre le attività dei GP incidono solo per il 7,3% e le power unit per lo 0,7%.

Che sia questo il passo decisivo per decretare un futuro per la mobilità lontano dalla propulsione termica? Il piano sarà esposto in dettaglio sul sito corporate della Formula 1.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kamon12 Novembre 2019, 19:53 #1
Zero emissioni (teoriche) = motori elettrici, avrebbe ancora senso chiamarla ancora formula uno? Non so.
Sono molto scettico, non riesco ad immaginare soluzioni a zero emissioni neanche per gli spostamenti dei team, che attualmente hanno bisogno di flotte di aerei e autotreni per riuscire a muovere le legioni di tecnici, dirigenti, impiegati e piloti per seguire tutte le tappe del calendario i giro per il pianeta... Bho, sarei curioso di vedere quali sono i loro piani per riuscirci.
pinomaffei12 Novembre 2019, 21:23 #2
Nell'articolo si parla di propulsori ibridi, non elettrici. Probabilmente saranno a idrogeno.
demon7712 Novembre 2019, 22:52 #3
resta il fatto che l'impatto ambientale delle macchine F1 è del tutto irrilevante.
E' più una scelta politica che altro.
Mparlav12 Novembre 2019, 23:13 #4
Anche per il campionato DTM si sta preparando il passaggio all'ibrido.
[OzZ]13 Novembre 2019, 09:46 #5
i container li trasporteranno su barche a vela?
Sa tanto di operazione di facciata, per non perdere il pubblico più giovane, ammesso che si sia mai interessato della f1.

comunque mi sembrano un po' fuori tempo massimo per adeguarsi... e soprattutto i motori a combustione saranno dei cimeli da studiare nei musei nel 2030
Ragerino13 Novembre 2019, 09:51 #6
Originariamente inviato da: [OzZ]
i motori a combustione saranno dei cimeli da studiare nei musei nel 2030


Si come no. Sai quanti sono 10 anni? Sono un nulla per il ricambio generazionale di certe tecnologie.
Il 2009 era ieri. Non è cambiato quasi nulla da allora in termini di impatto tecnologico sulla società. Non esiste nessuna tecnologia rivoluzionaria che cambia le cose da un giorno all'altro, queste cose succedono solo nei film. Nella realtà ci vogliono decenni.

Comunque una delle cose in cui sicuramente riusciranno è togliere ogni forma di intrattenimento dalla F1.
futu|2e13 Novembre 2019, 09:58 #7
Originariamente inviato da: Ragerino
Comunque una delle cose in cui sicuramente riusciranno è togliere ogni forma di intrattenimento dalla F1.



Se è per questo è così già da tempo è una palla esagerata.
[OzZ]13 Novembre 2019, 10:55 #8
Originariamente inviato da: Ragerino
Si come no. Sai quanti sono 10 anni? Sono un nulla per il ricambio generazionale di certe tecnologie.
Il 2009 era ieri. Non è cambiato quasi nulla da allora in termini di impatto tecnologico sulla società. Non esiste nessuna tecnologia rivoluzionaria che cambia le cose da un giorno all'altro, queste cose succedono solo nei film. Nella realtà ci vogliono decenni.

Comunque una delle cose in cui sicuramente riusciranno è togliere ogni forma di intrattenimento dalla F1.


la F1 dovrebbe essere pioniera per le nuove tecnologie. Ultimamente sta solo rincorrendo il mercato, ma una spanna dietro. Per questo dico che sono fuori tempo massimo. Fuori tempo per ricrearsi un'immagine, e un avvenire roseo, visto che passassero all'elettrico perderebbe forse parte del suo fascino, ma non certo il suo DNA. Ma non percorrendo quella strada rischia di estinguersi tra non molto. Tra l'altro c'è la Formula E (che non riesco proprio a farmi piacere) che ha l'esclusività per l'utilizzo di motorizzazione elettrica per un campionato FIA a ruote scoperte, per 30 anni se non ricordo male.

Quindi la F1 sarà obbligata a rimanere ibrida anche per questo. Ma a livello tecnico perderà molto interesse, sia nel pubblico che per le case sviluppare delle tecnologie ormai vecchie e destinate al pensionamento. Non che con i regolamenti attuali si abbia molta varietà e interesse...

Comunque dubito che tra 10 anni verranno introdotte novità in ambito della motorizzazione endotermica, ma sempre più innovazioni sul versante elettricco, purtroppo, o per fortuna.
nel 2030 ci sarà sempre qualcuno che girerà in calesse. Magari saremo tutti obbligati a utilizzare il cavallo, per un ondata di crisi, guerre, chissà...
Speedy L\'originale13 Novembre 2019, 12:39 #9
Originariamente inviato da: [OzZ]
e soprattutto i motori a combustione saranno dei cimeli da studiare nei musei nel 2030


Diciamo che forse attorno a quella data starò valutando un aggiornamento della mia Euro4 Diesel no FAP.. Ne servirà di tempo prima che eliminino i motori a combustione, facilmente non basterà la nostra vita..
roccia123413 Novembre 2019, 12:40 #10
Originariamente inviato da: Ragerino

Comunque una delle cose in cui sicuramente riusciranno è togliere ogni forma di intrattenimento dalla F1.


Ce l'hanno già fatta da un bel po' di anni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^