Guida autonoma sviluppata in-house per Tesla

Guida autonoma sviluppata in-house per Tesla

Tesla continuerà a supportare ed aggiornare i modelli di prima generazione basati sulla startup Mobile Eye e per i nuovi modelli S, X e 3 sfrutteranno la tecnologia Nvidia Tegra PX2 fino a quando non sarà finita la piattaforma di auto-guida proprietaria a cui Jim Keller sta lavorando

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 10:21 nel canale Tecnologia
TeslaTeslaNVIDIAIntel
 
Jim Keller, ingegnere hardware dell’ambizioso progetto di AMD per la recente serie di processori Zen, ora lavora per Tesla ed è stato incaricato di sviluppare un nuovo sistema di guida autonoma proprietario completamente da zero; le modalità dell’incarico le avevamo già descritte in una news che potete trovare a questo Link.

Dopo più di un anno dal passaggio di Keller a Tesla il settore della guida autonoma si è leggermente definito; Elon Musk, CEO di Tesla, ha tagliato fuori Mobileye dai progetti futuri a seguito del primo incidente mortale di circa un anno fa’ dove ha perso la vita il “conducente” di una Model S che si trovava in modalità di guida autonoma.

Non molto tempo dopo Mobileye è stata acquisita da niente meno che Intel per una somma di 15 miliardi di dollari. Sicuramente Intel ha fatto un grande affare in quanto, prima di questa acqsuisizione, non disponevano di nessuna sezione dedicata allo sviluppo sistemi di auto-guida, e visto che tra i propri clienti ha anche il gruppo BMW, sicuramente sta cercando di portarsi il più possibile in pari con le soluzione già in via di sviluppo.

Tesla comunque ha comunicato che continuerà a supportare ed aggiornare i modelli di prima generazione basati sulla startup Mobileye e per i nuovi modelli S, X e 3 sfrutteranno la tecnologia Nvidia Tegra PX2 fino a quando non sarà finita la piattaforma di auto-guida proprietaria a cui Keller sta lavorando.

Questo sicuramente non è necessariamente una cattiva notizia per Nvidia, Tesla prima di definire un sistema di guida autonoma sviluppato in-house dovrà impiegarci ancora molte energie e soprattutto tempo, il know how di Keller e del suo gruppo di lavoro in futuro sarà in grado di garantire ottimi risultati ma le tempistiche comunque non saranno affatto brevi.

Nvidia, Intel e Qualcomm, gli attuali tre leader del settore della guida autonoma, una volta che verranno abbandonati da Tesla, sicuramente potranno contare sull'interesse di una dozzina di altre case produttrici come potenziali clienti. Lo sviluppo di una piattaforma di auto-guida ha bisogno soprattutto di esperienza e test sul campo, sicuramente in futuro quanto questo sistema verrà sdoganato di serie al pari dell'ABS o del servosterzo queste tre aziende avranno, chi più chi meno, già maturando e sviluppato un sistema affidabile che farà gola ai principali produttori di veicoli che fino ad ora non si sono interessati a questa tecnologia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto07 Giugno 2017, 10:48 #1

Grande Keller!

Secondo me é un borg, nel progettare sistemi e processori ha un talento fuori dal comune, ha sempre fatto bene in qualsiasi azienda per cui ha lavorato,secondo me al posto dei neuroni ha transistor!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^