Harley-Davidson LiveWire: prezzo, nuove colorazione e preordini al via da febbraio

Harley-Davidson LiveWire: prezzo, nuove colorazione e preordini al via da febbraio

I primi modelli di LiveWire potranno essere prenotati già nel corso del prossimo mese di febbraio, e viene indicato il 2020 come anno ufficiale per l'arrivo dei primi esemplari su strada

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
Harley-Davidson
 

Vi avevamo proposto alcune prime informazioni lo scorso anno e ve la abbiamo mostrata presso la passata edizione di Eicma 2018, parliamo di LiveWire, prima moto elettrica del costruttore statunitense Harley-Davidson e, tirando le somme su quanto il mercato ha attualmente da offrire, primo vero e concreto modello ad esporsi come evoluzione degli attuali standard del settore moto.

Ora, direttamente dalla pagina ufficiali di Harley-Davidson Italia, arrivano nuove informazioni a riguardo, inclusa una data che darà il via ad i pre-ordini, mentre, direttamente dal CES 2019 di Las Vegas, viene reso noto l'interessante prezzo di listino.

Confermate complessivamente tre differenti colorazioni Yellow Fuse, Orange Fuse e Vivid Black, prestazioni da 0 a 60 mph in 3,5 secondi ed un'autonomia di circa 177 km con un pieno di energia, pieno effettuabile in due modalità: Livello 1 con caricabatterie e cavo integrato per qualsiasi presa domestica standard oppure Livello 3 tramite colonnine di ricarica rapida.

A bordo un sistema denominato H-D Connect, sviluppato in collaborazione con Panasonic, per monitorare dal proprio smartphone e relativa App, tutti i parametri e le statistiche della propria LiveWire, una sorta di estensione del cruscotto di bordo ma anche molto altro.

Nella pagina del costruttore anche ulteriori piccole conferme:

  • motore posto sotto il generoso pacco batterie per abbassare il baricentro e migliorare la manovrabilità
  • il dashboard sarà un display touchscreen a colori da 10,9 cm di larghezza, con integrate funzioni, oltre alle classiche di velocità e autonomia, come musica, navigazione, avvisi di sicurezza e molto altro
  • ampia personalizzazione, come tutte le HD, anche questo primo modello elettrico disporrà di un catalogo dal quale attingere per personalizzare la propria LiveWire, cover cupolini, leve, ecc.
  • pneumatici Michelin Scorcher, 180 mm dietro e 120 mm davanti, appositamente studiati per esprimersi al meglio con questo nuovo tipo di trazione

I primi modelli di LiveWire potranno essere prenotati già nel corso del prossimo mese di febbraio, e viene indicato il 2020 come anno ufficiale per l'arrivo dei primi esemplari su strada, infine il prezzo, 29.799 $ per il mercato americano, circa 34.200 € per quello europeo; per maggiori informazioni e dettagli vi invitiamo a visitare la pagina dedicata a questa due ruote.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino09 Gennaio 2019, 16:05 #1
177km dichiarati, vuol dire forse 120-150 nella vita reale. E sono ottimista.
30k dollah. Un successo assicurato proprio. Mi sà che con le moto elettriche non andiamo da nessuna parte senza usare le celle a combustibile.
polkaris09 Gennaio 2019, 16:18 #2
Un tipico caso d'uso. Vado al passo della Raticosa. Qualcuno mi propone un giretto a Firenzuola. Non ho autonomia. Resto da solo a bermi un birra. Torno a casa.
acerbo09 Gennaio 2019, 16:47 #3
mi chiedo a chi pensano di venderle. un harleysta di certo non passerà all'elettrico e un utente qualunque piuttosto si butta su altri marchi che hanno un rapporto prezzo/autonomia migliore.
Tanto per resare in usa le zero sono molto piu' convenienti.
CYRANO09 Gennaio 2019, 16:55 #4
Almeno avessero usato 2 batterie a V


Ckmslmskbsnskvlb
Savvo09 Gennaio 2019, 16:59 #5
Originariamente inviato da: polkaris
Un tipico caso d'uso. Vado al passo della Raticosa. Qualcuno mi propone un giretto a Firenzuola. Non ho autonomia. Resto da solo a bermi un birra. Torno a casa.


Se sali alla Raticosa con un ritmo giusto un pò spinto è molto difficile che con questo affare ci arrivi, al passo.
Ragerino09 Gennaio 2019, 17:56 #6
Più che puntare sulle prestazioni, potevano puntare sull'autonomia, il vero problema per questi veicoli. Cioè, una Honda Hornet usata da 1000€ fa lo 0-100 in meno tempo .
Giovfr09 Gennaio 2019, 22:21 #7
Originariamente inviato da: Ragerino
Più che puntare sulle prestazioni, potevano puntare sull'autonomia, il vero problema per questi veicoli. Cioè, una Honda Hornet usata da 1000€ fa lo 0-100 in meno tempo .


In meno tempo? Non certo la 600 senza nessuna modifica; la Hornet 900 ha quel tipo di prestazione !
NickNaylor09 Gennaio 2019, 22:55 #8
a me piace, peccato solo per il prezzo non proprio popolare.
Bestio09 Gennaio 2019, 23:18 #9
Originariamente inviato da: polkaris
Un tipico caso d'uso. Vado al passo della Raticosa. Qualcuno mi propone un giretto a Firenzuola. Non ho autonomia. Resto da solo a bermi un birra. Torno a casa.


Infatti, già è difficile trovare una colonnina nelle città di provincia, figuriamoci lungo gli itinerari preferiti dai motociclisti, che di solito prediligono strade in collina o passi di montagna.

Una moto del genere più andar bene solo per l'aperitivo... anzi nemmeno per quello dato che non facendo "brum brum" non si gira nessuno!

Esteticamente invece devo dire che non è niente male, somigliando più ad una naked sportiva piuttosto che ad una classica custom HD (che elettrica non avrebbe alcun senso) è sicuramente più "il mio genere".
Forse avessero rispolverato il marchio Buell per questa moto, sarebbe stato più azzeccato.

Originariamente inviato da: polkaris
Un tipico caso d'uso. Vado al passo della Raticosa. Qualcuno mi propone un giretto a Firenzuola. Non ho autonomia. Resto da solo a bermi un birra. Torno a casa.


Un motore elettrico da 50 o 300kw costa sostanzialmente uguale, ed anche il consumo energetico a parità di peso ed andatura praticamente non cambia.
Una Smart da 80cv ad esempio consuma 15,5 kWh/100km, mentre una Tesla Model S da 422 cv che pesa il doppio consuma 19,5 kWh/100km, e la Hyundai Kona con 204cv ed un peso che sta a metà strada tra le 2, è ancora più efficente, dato che consuma 13,1kWh/100km.

https://www.youtube.com/watch?v=HiM4_nDt__I&t="] Link ad immagine (click per visualizzarla) [/URL]
h4xor 170110 Gennaio 2019, 08:13 #10
Originariamente inviato da: polkaris
Un tipico caso d'uso. Vado al passo della Raticosa. Qualcuno mi propone un giretto a Firenzuola. Non ho autonomia. Resto da solo a bermi un birra. Torno a casa.


chiaro che i mezzi a pile saranno adatti agli sfigati nerd rinchiusi dentro casa la sera che escono solo per andare a lavoro

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^