Honda lascia la Formula 1! Dalla fine del 2021 non fornirà più motori a nessuno. Ecco il motivo

Honda lascia la Formula 1! Dalla fine del 2021 non fornirà più motori a nessuno. Ecco il motivo

Con un annuncio a sorpresa, Honda ha fatto sapere ai suoi partner in Formula 1, Red Bull e Alpha Tauri, che a partire dalla stagione 2020 dovranno utilizzare motori forniti da un altro produttore

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Tecnologia
F1Honda
 

La stagione 2021 sarà l'ultima per Honda in Formula 1. Il fornitore dei motori di Red Bull e Alpha Tauri, quindi, non parteciperà più al circus della categoria di motorsport regina quando subentrerà il grande cambiamento regolamentare, per l'aerodinamica, a partire dalla stagione 2022. Le ripercussioni legate alla pandemia da COVID-19 e i conseguenti lockdown e crisi economica hanno indotto Honda a prendere questa drastica decisione.

In un comunicato diffuso a margine della conferenza stampa organizzata a Tokyo si legge che "Honda annuncia la decisione di concludere la sua partecipazione al campionato mondiale di Formula 1 come fornitore di propulsori alla fine della stagione 2021. L’avventura in F1 è ripresa nel 2015 con l’obiettivo di vincere utilizzando le proprie tecnologie sui propulsori ibridi. Inizialmente, Honda ha incontrato una serie di difficoltà; tuttavia, dimostrando la forza collettiva di “All Honda”, compreso l’utilizzo delle sue tecnologie per i motori aeronautici, si è riuscito a raggiungere un alto livello di competitività. Inoltre, grazie alla crescita raggiunta insieme a Red Bull Racing e Scuderia AlphaTauri, Honda è stata in grado di centrare la vittoria, tre volte nel 2019 e due finora nel 2020″. L'ultima di queste vittorie è stata conseguita da Pierre Gasly con l'Alpha Tauri sul circuito di Monza, a inizio settembre.

Red Bull Honda

Honda, che aveva iniziato la sua ultima avventura in Formula 1 nel 2015 con McLaren, ha affrontato momenti molto difficili prima dell'accordo con Red Bull, sia per le prestazioni che per l'affidabilità. Nel recente periodo, però, ha dato l'impressione di poter cucire finalmente il divario rispetto a Mercedes. Proprio per le ritrovate prestazioni, l'annuncio di oggi giunge ancora più inaspettato.

La pesante crisi economica che sta colpendo il settore dell'automotive ha costretto Honda a rivedere le sue priorità strategiche. A causa dell'elevata tecnologia dei propulsori delle auto di Formula 1, ibridi con una parte elettrica che aumenta la potenza della parte termica, l'investimento che si è reso necessario per raggiungere Mercedes è stato molto oneroso per Honda negli ultimi anni.

Obiettivo abbattimento totale dei prodotti legati al carbonio entro il 2050

Honda, inoltre, fa sapere di aver deciso di voler grandemente contribuire all’abbattimento totale dei prodotti legati al carbonio entro il 2050. " A tal fine, Honda deve convogliare le proprie risorse aziendali di ricerca e sviluppo nelle aree delle future tecnologie per i propulsori e l’energia, comprese le tecnologie dei veicoli a celle a combustibile (FCV) e delle batterie EV (BEV)" si legge nel CS.

Honda ha creato un nuovo centro chiamato Innovative Research Excellence, Power Unit & Energy che trarrà benefici dalla gestione energetica e dalle tecnologie del carburante, così come la conoscenza accumulata attraverso le attività di F1. "Con uno ‘spirito di sfida’ coltivato attraverso le attività di sport motoristici, Honda affronterà la nuova sfida della futura realizzazione dell’azzeramento delle emissioni di CO2”.

Con l'abbandono di Honda, se non subentreranno altri fornitori, a partire dal 2022 saranno solamente 3 le case responsabili delle motorizzazioni in Formula 1: Mercedes, Ferrari e Renault.

103 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno02 Ottobre 2020, 14:24 #1
Hanno completamente svilito la F1 dalle sue originali intenzioni di massima ricerca e sviluppo.
Troppi regolamenti e regolamentini (tipo l'idiozia dell'uso della doppia mescola per le gomme... perché???), vince chi praticamente è il più bravo a fare lo slalom tra le limitazioni assurde che vengono aggiunte ogni anno.
E non farsi beccare quando l'interpretazione "è un po' libera".
Erano arrivati al punto di limitare il numero di cilindri nei motori (ma perché? Che te ne frega quanti ne ho? E se volessi usare un motore Wankel?).

3 cose devono definire: peso, dimensioni e quantità massima di carburante alla partenza. Con ogni batteria scarica alla partenza.
Vince chi arriva primo usando meno carburante, che incentiverebbe a creare motori e tecnologie con finalità utili per tutto il mercato del trasporto basato sui motori a scoppio, che nonostante tutte le parolone e le idee strampalate dell'elettrico everywhere (dove l'energia la creo e la trasporto on il pensiero green che fa miracoli anche solo a nominarlo) che si sfoggiano oggi, ci faranno compagnia nei nostri veicoli ancora a lungo.

A quel punto la F1 tornerebbe ad avere un senso per la ricerca. Se vuoi partecipare devi mettere in conto di avere le risorse per farlo. Non ha senso tagliare i costi di R&D per far partecipare case che arrivano comunque 2 giri dopo anche quando i big non possono mettere in campo tutta la loro potenza di fuoco.
Enriko8102 Ottobre 2020, 14:37 #2
f1 fa schifo.. gomme colorate, drs, zero test su pista, auto piene di elettronica e batterie inquinanti (e pesanti: una macchina senza quel peso da la mm ad una ibrida obesa)
Utonto_n°102 Ottobre 2020, 14:39 #3
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Hanno completamente svilito la F1 dalle sue originali intenzioni di massima ricerca e sviluppo.
Troppi regolamenti e regolamentini (tipo l'idiozia dell'uso della doppia mescola per le gomme... perché???), vince chi praticamente è il più bravo a fare lo slalom tra le limitazioni assurde che vengono aggiunte ogni anno.
E non farsi beccare quando l'interpretazione "è un po' libera".
Erano arrivati al punto di limitare il numero di cilindri nei motori (ma perché? Che te ne frega quanti ne ho? E se volessi usare un motore Wankel?).

3 cose devono definire: peso, dimensioni e quantità massima di carburante alla partenza. Con ogni batteria scarica alla partenza.
Vince chi arriva primo usando meno carburante, che incentiverebbe a creare motori e tecnologie con finalità utili per tutto il mercato del trasporto basato sui motori a scoppio, che nonostante tutte le parolone e le idee strampalate dell'elettrico everywhere (dove l'energia la creo e la trasporto on il pensiero green che fa miracoli anche solo a nominarlo) che si sfoggiano oggi, ci faranno compagnia nei nostri veicoli ancora a lungo.

A quel punto la F1 tornerebbe ad avere un senso per la ricerca. Se vuoi partecipare devi mettere in conto di avere le risorse per farlo. Non ha senso tagliare i costi di R&D per far partecipare case che arrivano comunque 2 giri dopo anche quando i big non possono mettere in campo tutta la loro potenza di fuoco.


Non me ne intendo di tutti i regolamenti di F1, ma anche adesso se una macchina consuma meno è avvantaggiata o sbaglio? meno consuma, meno carburante si deve portare dietro = meno peso
cronos199002 Ottobre 2020, 14:40 #4
Originariamente inviato da: Enriko81
f1 fa schifo.. gomme colorate, drs, zero test su pista, auto piene di elettronica e batterie inquinanti (e pesanti: una macchina senza quel peso da la mm ad una ibrida obesa)
Il regolamento prevede da anni, o per meglio dire decenni, un peso minimo per le monoposto. Puoi togliere il peso delle batterie, ma tanto poi lo devi reinfilare in qualche modo.
Originariamente inviato da: Utonto_n°
Non me ne intendo di tutti i regolamenti di F1, ma anche adesso se una macchina consuma meno è avvantaggiata o sbaglio? meno consuma, meno carburante si deve portare dietro = meno peso
Per il peso, vedi sopra.

Se non erro il carburante nel serbatoio è anch'esso regolamentato a livello di quantità. La discriminante, quindi, è semmai quanto consuma il motore. Tant'è che fino al GP del Belgio di quest'anno esistevano diverse mappature per il motore selezionabili dal volante, in base alle quali potevi avere più o meno potenza e gestire la monoposto, carburante consumato compreso.
La mappatura del motore è diventata fissa, durante il gran premio, dal GP di Monza, per cui ora la gestione del carburante dipende anche dal piede del pilota.
v10_star02 Ottobre 2020, 15:06 #5
Mi sto rotolando dalle risate pensando a Herr Marko e Abiteoul! Chissà con che faccia andrà a bussare di nuovo alla porta di Ren.. pardon, Alpine, dopo aver preso assieme al suo bel pilotino (Verstappen) i francesi a pesci in faccia per due anni buoni per via della pu non all'altezza (secondo loro) del miglior telaio del circus.

Beh, la faccia come il didietro non gli é mai mancata: avrà occasione di superare se stesso, again...
Aviatore_Gilles02 Ottobre 2020, 15:17 #6
I regolamenti centrano solo in parte, in realtà i giappi sono sempre stati così. Lo fecero con la McLaren nel 1992 e non mi pare che in quel caso centrassero i regolamenti, lo fecero quando erano ad un passo dalla F1 nel 1999, lo fecero ancora quando lasciarono la f1 nel 2008 come scuderia e i tutti i clienti con i loro motori...Hanno fatto lo stesso anche adesso.
Dicono siano una un popolo con onore, in realtà vedo che non si fanno problemi a lasciare gli altri nella merda quando a loro non fa più comodo.
Che poi i regolamenti siano astrusi concordo, ma è anche loro ci hanno messo impegno a fare pena.
nickname8802 Ottobre 2020, 15:25 #7
Originariamente inviato da: Enriko81
f1 fa schifo.. gomme colorate, drs, zero test su pista, auto piene di elettronica e batterie inquinanti (e pesanti: una macchina senza quel peso da la mm ad una ibrida obesa)

Forse è meglio che continui a seguire il calcio e a guardare i film di F&F e lasciare l'automobilismo vero a chi se ne intende più di te.
TecnoPC02 Ottobre 2020, 15:26 #8
Ed è solo l'inizio...
spettatori al minimo storico, costi esagerati, sponsor che se ne vanno e team minori che sono in passivo da anni: il gioco si è rotto!!!
Il ritorno economico e d'immagine non giustifica l'investimento, la stessa Mercedes sta cercando di vendere (non è un segreto) mentre le prestazioni in pista della Ferrari non influenzano affatto le azioni o i dati di vendita delle stradali.
Infine l'iper-regolamentazione e limitazioni non permettono il travaso tecnologico alle auto di serie le quali stanno (dolenti o nolenti) andando verso l'elettrico e la guida autonoma.
nickname8802 Ottobre 2020, 15:28 #9
Originariamente inviato da: Aviatore_Gilles
I regolamenti centrano solo in parte, in realtà i giappi sono sempre stati così. Lo fecero con la McLaren nel 1992 e non mi pare che in quel caso centrassero i regolamenti, lo fecero quando erano ad un passo dalla F1 nel 1999, lo fecero ancora quando lasciarono la f1 nel 2008 come scuderia e i tutti i clienti con i loro motori...Hanno fatto lo stesso anche adesso.
Dicono siano una un popolo con onore, in realtà vedo che non si fanno problemi a lasciare gli altri nella merda quando a loro non fa più comodo.
Che poi i regolamenti siano astrusi concordo, ma è anche loro ci hanno messo impegno a fare pena.

Quoto
nickname8802 Ottobre 2020, 15:33 #10
Originariamente inviato da: TecnoPC
Ed è solo l'inizio...
spettatori al minimo storico

Si certo :
https://www.automotorinews.it/2020/...rdi-spettatori/

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^