Huawei: auto elettriche per sfuggire alle sanzioni Usa?

Huawei: auto elettriche per sfuggire alle sanzioni Usa?

Il colosso cinese sarebbe in trattativa con alcune case automobilistiche della Cina per valutare il suo ingresso nel mercato delle auto elettriche

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Tecnologia
Huawei
 

Huawei Technologies verso la produzione di auto elettriche, secondo quanto ha appreso l'agenzia Reuters. Sarebbe un tentativo per divincolarsi dalle attività di elettronica di consumo affossate dalle sanzioni imposte dalle autorità statunitensi. Un piano molto serio quello del colosso cinese, al punto che potrebbe presentare già quest'anno la sua prima auto elettrica.

Huawei: futuro da casa automobilistica?

Huawei sarebbe infatti in trattative con Chongqing Changan Automobile e altre case automobilistiche per utilizzare i loro impianti per la produzione di veicoli elettrici. Stando alle informazioni apprese dalla Reuters, il colosso cinese avrebbe contattato anche BAIC BluePark New Energy Technology, azienda cinese che si occupa di design e di nuove tecnologie nell'ambito automotive. Dopo la pubblicazione dell'articolo della Reuters, le azioni di BAIC hanno visto un rialzo dell'8% presso l'indice di Shanghai, mentre quelle di Changan hanno guadagnato oltre il 5% a Shenzhen.

Huawei

Tuttavia, le indiscrezioni riportate dalla Reuters sono state smentite da un portavoce dell'azienda, che assicura che Huawei continuerà a lavorare come fornitore di componentistica e non sarà un produttore automobilistico.

Huawei, che è ancora il principale produttore di smartphone al mondo, non è stata in grado di far crescere la sua attività di elettronica di consumo dopo le sanzioni intimate dall'amministrazione Trump e ancora in vigore con l'amministrazione Biden. Ren Zhengfei, fondatore dell'azienda, aveva già ribadito che nonostante tutto Huawei continuerà a operare nel settore degli smartphone, anche a seguito della vendita del marchio Honor.

L'azienda, d'altronde, si occupa già di tecnologie automotive, tra cui sistemi software, sensori e dispositivi per la connessione 5G. Ha già in corso, inoltre, trattative con case automobilistiche come General Motors e SAIC Motor Corp. Il suo ingresso nel mondo dell'automotive, dunque, non sarebbe così sorprendente come può sembrare, anche perché molte altre aziende tecnologiche stanno seguendo lo stesso percorso. Baidu, il Google cinese, ha ufficializzato le sue intenzioni di ingresso sul mercato, e negli ultimi giorni Xiaomi ha comunicato di seguire con attenzione le evoluzioni del mercato automotive. In altri termini, in Cina il mondo dell'alta tecnologia sembra voler virare verso l'industria automobilistica o, perlomeno, che valutazioni siano in corso.

I piani di Huawei, se confermati, ricordano però soprattutto il progetto Apple Car.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko_00127 Febbraio 2021, 09:53 #1
e perché dovrebbero pensare di sfuggire alle sanzioni
dello stato-impero su un mezzo che offre maggiori
possibilità di fare dello spionaggio rispetto ad uno smartphone?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^