Hyperloop arriva davvero in Italia: ecco le tratte possibili del treno ''super'' veloce da 1.200 km/h

Hyperloop arriva davvero in Italia: ecco le tratte possibili del treno ''super'' veloce da 1.200 km/h

In studio ci sono fino a 6 tratte tra cui anche una Milano Malpensa-Cadorna che potrebbe essere percorsa in meno di 10 minuti. Ecco i dettagli sul nuovo treno del futuro.

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Tecnologia
Hyperloop
 

Viaggiare da Milano Malpensa Aeroporto a Milano Cadorna in meno di 10 minuti. Fantascienza? Non proprio visto che i progetti del nuovo "super" veloce treno Hyperloop si stanno concretizzando con il lancio del nuovo treno più veloce al mondo che dovrebbe viaggiare fino a 1.200 km/h anche in Italia. Ne avevamo parlato qualche mese fa quando il Presidente, Bipop Gresta, aveva annunciato di essere pronto a portare il suo treno ultra veloce anche in Italia.

Hyperloop: la realtà dei viaggi a 1.200 km/h

Ecco che ad oggi torna a far parlare di sé con notizie più specifiche apparse in Rete capaci di confermare l'avvio del progetto anche nel nostro Paese e soprattutto con la discussione sulle possibili tratte che il treno potrebbe fare. Secondo i meglio informati, infatti, Hyperloop in Italia è già al lavoro su 6 progetti, a cui seguiranno altrettanti studi di fattibilità, da realizzare sul territorio italiano in tre regioni del Nord e tre del Sud Italia.

Sei tratte Hyperloop che dovrebbero correre lungo i binari ferroviari e lungo le autostrade. In questo caso il CEO è in contatto con Anas, Fs, Ferrovie Nord, e sono già stati interessati i presidenti delle Regioni Puglia, Basilicata, Sicilia, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Poche le informazioni sulle tratte specifiche ma c'è già chi vocifera che potrebbero arrivare linee Milano Stazione Cadorna - Malpensa Aeroporto realizzata addirittura in meno di 10 minuti. Oppure anche Verona - Trieste in mezz’ora. In questo caso il nuovo treno verrebbe costruito lungo i binari e le strade esistenti direttamente nei corridoi dai 20 metri che di solito i gestori ferroviari posseggono in concessione a fianco delle attuali linee. Altra soluzione sarà quella di posizionare i tunnel al di sotto del terreno.

Hyperloop, lo ricordiamo è una realtà aziendale da oltre 800 ingegneri coadiuvati da esperti in tecnologia. Sono oltre 52 i team multidisciplinari con addirittura altrettante 50 aziende e università pronta a fare da partner. In Italia l'azienda avrà sede istituzionale a Roma ma una sede operativa verrà realizzata anche a Milano.

La tecnologia Hyperloop è ormai conosciuta come sistema di trasporto simile a quello ferroviario, dove le carrozze risultano in realtà delle vere e proprie capsule aerodinamiche mosse da motori a induzione e compressori d'aria. Le rotaie sono invece costituite da tubi a bassa pressione nei quali le capsule viaggiano stabilizzate da un sistema di levitazione magnetica. Tutto questo permette al treno "superveloce" di avere un attrito al minimo e dunque raggiungere, in viaggio, velocità di 1.223 chilometri orari consumando meno energia rispetto a qualunque altro sistema di trasporto

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

88 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
canislupus30 Gennaio 2020, 16:07 #1
In un paese come il nostro dove ci sono treni a binario unico a carbone, è fondamentale avere solo su alcune tratte l'ennesimo treno veloce (iper in questo caso).
elgabro.30 Gennaio 2020, 16:10 #2
Originariamente inviato da: canislupus
In un paese come il nostro dove ci sono treni a binario unico a carbone, è fondamentale avere solo su alcune tratte l'ennesimo treno veloce (iper in questo caso).


idem per la banda larga, c'è gente che non ha manco l'ADSL e qui si parla già della gpon 10 giga.
bonzoxxx30 Gennaio 2020, 16:11 #3
Originariamente inviato da: canislupus
In un paese come il nostro dove ci sono treni a binario unico a carbone, è fondamentale avere solo su alcune tratte l'ennesimo treno veloce (iper in questo caso).


Dai a carbone no, a diesel semmai
Comunque si, concordo al 100%, abbastanza inutile.
ferste30 Gennaio 2020, 16:27 #4
Quando verrà veramente realizzato metà degli utenti di questo forum saranno sotto un cipresso, che bisogno c'è di fare polemica su un'azienda privata che per farsi pubblicità rilascia un comunicato in cui dice che ha dei progettoni?
canislupus30 Gennaio 2020, 16:40 #5
Originariamente inviato da: ferste
Quando verrà veramente realizzato metà degli utenti di questo forum saranno sotto un cipresso, che bisogno c'è di fare polemica su un'azienda privata che per farsi pubblicità rilascia un comunicato in cui dice che ha dei progettoni?


Perchè come al solito in Italia si pensa solo a certe categorie di passeggeri e non si guarda al resto dei cittadini (e io non vivo in un paesello quindi non ho il problema in prima persona).
Ci troviamo una rete ferroviaria che in alcune parti d'Italia è arretrata a qualche decennio fa (e sono molto buono) e ovviamente pensiamo a treni che viaggiano a 1200 km/h, quando magari te ne trovi certi costretti ad andare a 50 km/h per via dei binari fermi al dopoguerra (o poco più in là.
La vera innovazione sarebbe riuscire a migliorare tutto il paese e non limitarsi a una parte della sua popolazione come se le tasse e quindi relativi servizi dovessero essere ad appannaggio esclusivo di una minoranza.
peler30 Gennaio 2020, 16:46 #6
Originariamente inviato da: canislupus
In un paese come il nostro dove ci sono treni a binario unico a carbone, è fondamentale avere solo su alcune tratte l'ennesimo treno veloce (iper in questo caso).


Secondo il tuo ragionamento: non ha senso avere l'adsl o qualsiasi altra tecnologia che ci facilita o che può creare nuovi posti di lavoro, quando in alcune zone del mondo non riescono ad avere acqua potabile?

Scusa ma è una polemica inutile, fanno l'hyperloop, bene. Vuol dire che la società cercherà impiegati, ingegneri, architetti, economisti ed avvocati per i progetti, e poi operai per la realizzazione.
Sarà tra 20 anni? Quale sarebbe il problema?
Non riuscirà a realizzare niente, bene, almeno qualcuno avrò trovato lavoro per un po ed avrà fatto curriculum ed esperienza.

Parli dei treni a diesel, e carbone, bene, molti di questi non possono essere convertiti perchè nel momento in cui si vuol fare un'adeguamento delle vecchie tecnologie bisogna mettere a norma la tratta, e spesso bisogna fare dei lavori che portano ad espropri e similari. cose che alle persone non piace. Visto di persona nella mia zona, volevano fare una ferrovia per alleggerire il traffico sono nati movimenti contro questo cosa perchè dicono che non vogliono avere cantieri per 10 anni nella zona.
Quindi spesso siamo noi che non vogliamo gli ammodernamenti
peler30 Gennaio 2020, 16:49 #7
Originariamente inviato da: canislupus
Perchè come al solito in Italia si pensa solo a certe categorie di passeggeri e non si guarda al resto dei cittadini (e io non vivo in un paesello quindi non ho il problema in prima persona).
Ci troviamo una rete ferroviaria che in alcune parti d'Italia è arretrata a qualche decennio fa (e sono molto buono) e ovviamente pensiamo a treni che viaggiano a 1200 km/h, quando magari te ne trovi certi costretti ad andare a 50 km/h per via dei binari fermi al dopoguerra (o poco più in là.
La vera innovazione sarebbe riuscire a migliorare tutto il paese e non limitarsi a una parte della sua popolazione come se le tasse e quindi relativi servizi dovessero essere ad appannaggio esclusivo di una minoranza.


Problema, in certe zone in cui non puoi costruire nuove gallerie o non puoi distruggere una paese per fare una nuova tratta, dovresti chiudere la linea esistente ( in molte zone è impensabile, vedi ciclovesuviana, trenini nelle vallate del trentino altoadige, nelle zone remote)
pipperon30 Gennaio 2020, 16:51 #8
quando si parla di "cose nuove" ci si sconra senmpre con il fatto che piccolo funziona e grande sono caxxi (auto elettriche, ricorda nulla?)


Il primo grosso problema del treno Hyperloop e' che tutti i vantaggi che racconta di avere derivano da una cosa “molto semplice”: transita sottovuoto (o quasi).

Provate a immaginare semplicemente in cosa consiste un tubo di qualsiasi materiale lungo un migliaio di chilometri completamente o parzialmente come in realta', sottovuoto.

Per quanto noi possiamo sigillarlo avrà sempre comunque delle perdite, vuoi per porosità, vuoi perché delle porte per far entrare ed uscire la gente ci vogliono. Svuotare questo enorme tubo dall'aria non è una passeggiata dal punto di vista energetico, non lo è tenerlo vuoto.

Non lo e' neppure per dilatazione termica, immaginiamo un tubo di metallo lungo km quanti soffietti di gomma devi fare. I binari, poi, si espanderanno nella stessa misura?

Inoltre, ricordiamo, che qualunque tipo di manutenzione o controllo sia sul treno che sui binari che del tubo consiste nell'operazione di sezionare una parte del contenitore infilarci dentro l'aria e poi svuotarlo. Altri costi energetici, problematiche e porte per l'accesso sulla tratta.

Una gran parte della meccanica dovrà funzionare regolarmente in un ambiente depressurizzato. Magari a voi non dice niente, ricordiamo che già ne negli aerei ci sono problemi di lubrificazione, nel vuoto i lubrificanti tenderebbero evaporare o modificare le loro caratteristiche fisiche. Avere uno strato di lubrificanti su tutto ciò che esiste all'interno del tunnel non è la cosa più furba del mondo.
Parte della meccanica invece potrà essere comodamente all'interno del treno dove ci saranno gli essere umani.
Lascio solo immaginare il caos necessario per avere degli assi di trasmissione con un lato nel vuoto e un lato in atmosfera.

Il treno procederà nel sui binari all'interno del tubo alimentato da dei contatti striscianti come tutti i treni. Peccato però che sottovuoto succedono delle cose strane come ad esempio Il fatto che abbiamo costruito potenzialmente il più grande generatore di raggi X del pianeta terra. Abbiamo dei metalli che sono a una differenza di potenziale di migliaia di volt rispetto ad altri, il tutto sottovuoto e a temperatura variabile a seconda se in zona contatto meno.

Sarebbe anche interessante sapere i costi di costruzione del tubo.
Ricordiamoci semplicemente che deve sopportare una pressione di un chilo per centimetro quadrato che sembrano pochi su un cm, ma quando hai ad esempio un portello di entrata uscita o un sezionatore che e' praticamente l'area del tubo stesso.
Stiamo trattando di spinte veramente incredibili, sono porte da farsi ogni pochi metri che reggeranno 50.000tonnellate.

Per poter rendere ispezionarle un tratto di binario sarà fatto da due setti con 50000 tonnellate che spingono sullo stesso e questo si riverserà sul tubo stesso.

Il sezionatore-setto dovrà essere un aggeggio che si può chiudere molto velocemente e in condizioni di emergenza.
Pensiamo ad esempio a un masso che dovesse fracassare il tubo: un sezionamento di emergenza in condizioni di salto di pressione vuol dire che quella porta deve potersi muovere e chiudere mentre lotta con migliaia di tonnellate.
Provate a chiudere una porta con davanti un camion Ce lo vedo un portone del peso di qualche tonnellata che arriva alla battuta a quella velocità.

Il treno procede sottovuoto, ma poi la gente deve uscire.
Vuol dire che il treno deve essere in qualche maniera agganciato a una struttura basculante rigida. Non solo il treno verrà spinto dalla pressione atmosferica che entra, ma anche il tunnel per uscire verso la banchina deve sopportare tonnellate di spinta. Una quantità di porte equivalente ad un normale treno per consentire una buona vita di persone potrebbe tranquillamente far deragliare il treno da fermo o tenerlo appeso.

Avendo parlato della parte più appariscente del Hyperloop sembrerebbe che il grosso del lavoro è finito.
Sbagliato, il grosso del lavoro arriva adesso.

Noi abbiamo un treno che si muove in un ambiente che è simile allo spazio (un decimo dell'atmosfera, in realta') e che contiene centinaia di persone che respirano.
Qualcuno potrebbe dire in maniera tranquilla che basta avere delle bombole di ossigeno e dei riciclatori di anidride carbonica per riuscire a sfangarla.
Magari
abbiamo già problema di avere un'enorme massa necessaria per poter gestire centinaia di persone per molto tempo e contemporaneamente ricaricare il sistema in tempi molto brevi, altrimenti non usciamo a commercializzare il servizio in quantità idonea. In una parola parliamo di costi.
Enormi.

Ma la questione dell'aria è ben lungi dall'essere sistemata perché il treno ha il piccolo difetto di avere un motore.
Il motore deve essere raffreddato.
Peccato però che il nostro caro motore è contenuto in un proiettile che si muove all'interno del vuoto dove l'unico modo in cui possiamo raffreddare qualcosa non è con un bel flusso d'aria ma solo per irraggiamento.
In pratica il nostro tubo è un bel isolante e se ci pensiamo è il più grande thermos mai costruito.

Dopo pochi kilometri all'interno del nostro treno avremo una temperatura aumentata di qualche decina di gradi, nostro motore resisterà ancora, molto meno le persone a bordo.
Dopo una tratta di qualche decina di kilometri da temperatura potrebbe essere talmente elevata da dare problemi anche ai motori, non che c'interessi più di quel tanto visto che a bordo avremo solamente un grosso stufato di umani.
Sinceramente non vedo un sistema per dare una soluzione a questo visto che costerebbe cifre talmente elevate che possedere un elicottero personale diverrebbe più economico che prendere il biglietto del treno.
supertigrotto30 Gennaio 2020, 16:51 #9

Mi pare logico

Ovviamente li faranno solo su tratte ben trafficate in modo da massimizzare i guadagni,sarei curioso di vedere il costo del biglietto.
Dai ragazzi, è logico che nel paesello le novità arrivano per ultime o non arrivano,tutto gira intorno al guadagno,anche io vivo nel paesello e mi sa che la ftth e la 5g la vedrò fra diversi anni,quando città come Milano ormai è la normalità.Loro puntano alle città con il mezzo milione o milione di abitanti,non il paesetto da 25 mila anime.
biffuz30 Gennaio 2020, 16:53 #10
Wow, adesso la velocità massima è 1.223 km/h!
A nessuno importa del fatto che la massima velocità raggiunta dai prototipi realizzati dai loro 800 ingegneri finora sia stata 0 km/h?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^