Jaguar: come il riconoscimento automatico dei segnali stradali ha aiutato in Formula E

Jaguar: come il riconoscimento automatico dei segnali stradali ha aiutato in Formula E

I tecnici di Jaguar hanno descritto come la tecnologia Digital Vision si è sviluppata utilizzando i sistemi “Traffic Sign Recognition”, tecnologia che sta avvantaggiando il Panasonic Jaguar Racing in pista nel campionato ABB FIA Formula E

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
Jaguar
 

Jaguar ha organizzato un evento digitale per spiegare come le tecnologie di Digital Vision alla base dei sistemi di riconoscimento automatico dei segnali stradali hanno migliorato le performance delle proprie auto in Formula E, conosciute come Jaguar I-TYPE 4.

Tecnologie di questo tipo vengono usate su veicoli stradali di recente concezione, come il SUV a propulsione completamente elettrica Jaguar I-Pace. A bordo di quest'ultimo è installata una telecamera stereoscopica che, attraverso un software di elaborazione delle immagini, rileva e interpreta i segnali stradali, informando i conducenti dei limiti di velocità e delle eventuali restrizioni al sorpasso. Queste informazioni vengono utilizzate anche dal sistema che regola automaticamente la velocità del veicolo rallentandolo, se necessario, in presenza di tratti con limiti alla velocità.

Jaguar Digital Vision

Gli ingegneri di Panasonic Jaguar Racing applicano principi simili per la gestione della batteria delle I-TYPE 4 nelle gare di Formula E, tracciando il consumo di energia sulle proprie auto e su quelle degli avversari. In questo modo, è possibile determinare le strategie energetiche ottimali per i piloti Mitch Evans e James Calado. In particolare, la tecnologia legge le informazioni sulle schermate televisive, le analizza tramite la piattaforma basata sul cloud e determina la strategia ottimale.

"Di solito avviene il contrario, ovvero sono le corse a migliorare la tecnologia delle auto stradali. Ma in questo caso possiamo sfruttare l'esperienza che abbiamo accumulato sulla strada per migliorare le nostre opportunità di successo sulla pista" ha spiegato James Barclay, Team Director di Panasonic Jaguar Racing, durante l'evento. Ciò che Jaguar apprende dai sistemi di “Traffic Sign Recognition”, infatti, aiuta a regolare le prestazioni in pista, permettendo agli ingegneri di individuare i momenti in cui bisogna spingere e quelli in cui è più proficuo gestire, ottimizzando il consumo energetico durante la gara.

Secondo Jaguar, l'impiego di questo modello ha prodotto cambiamenti nella velocità, nell'accuratezza e nella flessibilità rispetto agli strumenti utilizzati in precedenza e consentirà di affinare ulteriormente le analisi future.

Jaguar I-Pace eTROPHY

Naturalmente avviene anche il contrario, perché quanto appreso da competizioni come I-Pace eTROPHY e Formula E, ha migliorato considerevolmente la resa del SUV elettrico di Jaguar. Ad esempio, recentemente è stato introdotto un aggiornamento software in grado di offrire ai clienti di I-Pace fino a 20 km di autonomia in più da una ricarica completa. Ciò è stato possibile attraverso un'ulteriore ottimizzazione della gestione della batteria, dei sistemi termici, della frenata rigenerativa e della distribuzione della coppia della trazione integrale.

La collaborazione tra il reparto corse e il reparto che sviluppa le auto su strada è destinata a proseguire, con il marchio britannico che si prepara al lancio di nuovi veicoli completamente elettrici. Tra questi, la berlina di lusso Jaguar XJ la cui nuova versione è attesa per quest'anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gyammy8519 Giugno 2020, 10:10 #1
"la tecnologia legge le informazioni sulle schermate televisive, le analizza tramite la piattaforma basata sul cloud e determina la strategia ottimale"

Wow, bellissimo, che bel futuro che ci aspetta...
omega72619 Giugno 2020, 11:46 #2
Si veramente.... bellissimo... ancora le chiamano corse...
Io le chiamerei competizioni e non tra piloti ma tra smanettoni....
Non puoi più toccare l'avversario (anche perchè la macchina va in pezzi), tutti hanno le stesse cose, la creatività durante il campionato è stata eliminata (se allunghi la macchina o la allarghi per esempio sei fuori).
Oramai le gare sono determinate da rifornimenti, batterie, gomme, statistiche e mm...
Che palle...
Gyammy8519 Giugno 2020, 12:15 #3
Originariamente inviato da: omega726
Si veramente.... bellissimo... ancora le chiamano corse...
Io le chiamerei competizioni e non tra piloti ma tra smanettoni....
Non puoi più toccare l'avversario (anche perchè la macchina va in pezzi), tutti hanno le stesse cose, la creatività durante il campionato è stata eliminata (se allunghi la macchina o la allarghi per esempio sei fuori).
Oramai le gare sono determinate da rifornimenti, batterie, gomme, statistiche e mm...
Che palle...


Però c'è tanta tanta sicurezza e glamour, poi la gente legge cloud ia recognition path e "wow non so che cxxxo vuol dire ma figata!! niente è come prima!! ne parlavano anche in azzienda"
In questa sfolgorante economia di ricchissimi venditori, prima o poi qualcuno sarà costretto a comprare, e avverrà il disastro

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^